Il mercato del Napoli è stato mirato sulle esigenze di Sarri. Poi è fallito

Secondo le versioni più accreditate e credibili, il Napoli ha inseguito sul mercato i due profili (gli unici?) suggeriti dall’allenatore. Più Younes, un altro mistero.

Il mercato del Napoli è stato mirato sulle esigenze di Sarri. Poi è fallito

Verdi, Politano (Younes?)

L’ultimo tassello che manca, rispetto alla ricostruzione del (non) mercato del Napoli in questo gennaio 2018, riguarda il dispositivo Sarri-Giuntoli-De Laurentiis. Una catena chiara, che hai voglia a smentire. Nel senso: per quanto Sarri possa dire e ribadire di “non fare il mercato”, questo mercato è stato soprattutto suo. Ha avuto le sembianze di una corsa per accontentarlo. Due profili suggeriti: Verdi e Politano. Due acquisti inseguiti fino all’ultimo secondo, almeno secondo la narrazione che è arrivata fino a noi: Verdi e Politano.

C’è stato poco, oltre. C’è stato Younes, altro enorme mistero irrisolto, forse il mistero più grande. Come sosteniamo da giorni, la cosa più inquietante rispetto alla condotta del Napoli su questo calciomercato invernale (e non solo in relazione al calciomercato) è l’assoluta mancanza di una voce ufficiale. Di spiegazioni. Younes rientra a pieno titolo nel gruppo di fatti che non hanno un racconto. Che il Napoli non ha chiarito. La storia del nonno, in questo momento, è quella confermata (sussurrata) di più. Secondo noi, con Younes, il Napoli rientrava in quel mercato internazionale della scommessa che dovrebbe essere il suo campo da gioco preferito. E che non è di Verdi e Politano.

Uno spettro meno ampio

Ecco, siamo di nuovo al punto di partenza. Verdi e Politano sono stati, secondo l’evidenza delle ipotesi più frequenti e accreditate, i calciatori richiesti da Sarri per poter integrare il suo Napoli. Più funzionali di Giaccherini, lasciato andare pur senza la certezza di un nuovo acquisto. Il Napoli, evidentemente, è sbattuto su due rifiuti mentre nel frattempo ha cercato in ogni modo di assecondare i desideri del suo allenatore. Si tratta di un procedimento pure apprezzabile, che rispetta un principio di esigenza, ma che è limitante e limitativo. Non fosse altro che per la ristrettezza dello spettro delle alternative, al netto dell’interessamento non concretizzatosi per Younes.

Come detto più volte, non abbiamo conferma rispetto alle strategie del Napoli. Non sappiamo se, effettivamente, l’idea fosse quella di non uscire oltre il circolo minimo Verdi/Politano. Basti pensare che Gerard Deulofeu si è unito al Watford in prestito oneroso, per una cifra non superiore a due milioni. Della serie: non è stato preso perché non si voleva prendere. A meno di altre spiegazioni, che mancano.

Insomma, il Napoli ha fallito nella missione di assecondare le volontà del suo allenatore. Può succedere, succede spesso, a tutti (vedi qui e qui). Magari, però, se il menu non è così ampio, allora aumentano le possibilità che non si porti a casa niente. Anche questo, forse, ha fatto la differenza.

ilnapolista © riproduzione riservata
  1. fammi capire Lorenzo fino all’infortunio è statoil giocatore + utilizzato d’europa, al limite dell’assurdo considerando che non è ne Messi o Ronaldo, che ha compiti di copertura e che proprio il fisico non è il suo punto forte, per assurdo se il croato fosse a Napoli (non sarebbe mai venuto con Sarri) Sarri avrebbe fatto giocare Mandzukic al posto di Lorenzo, quando ? dove? contro chi? sono giocatori molto diversi direi quasi opposti, lorenzo tutta tecnica e tattica, Mandzukic tutto fisico e carattere.
    Sarri non ha mai vinto niente e mai allenato una squadra forte a 60 anni, e tra l’altro mai giocato, e questo è un fatto, fortuna? circostanze? quello che vuoi, ma la realtà è quella, al momento si valutano i fatti, infatti io non dico che è scarso come allenatore, ti dico, dati alle mani che non sa gestire la rosa. Il napoli ha preso giocatori 300 volte superiori a Verdi e Politano, e li ha pagati anche molto meno, quindi le tue come sempre sono illazioni in mala fede, e Verdi e Politano in una sessione estiva di mercato e con un allenatore meno radicale sarebbero venuti, Politano in estate per una decina di milioni, e Verdi per una quindicina. Se il signor Sarri ha dichiarato 20000 miliardi di volte a Maggio e Giugno che la rosa del Napoli non si poteva migliorare, che non doveva partire nessuno, che addirittura il secondo peggior portiere della serie A era incedibile, ma cosa vuoi fare? Il patto scudetto allora è l’ennesima bugia papponista?
    Infine 2 considerazion, 1 molto terra terra, quanto avrebbe giocato Verdi o Politano, possono 2 giocatori inferiori per numeri a quelli ceduti negli ultimi 2 anni (lo dicono i numeri) spostare gli equilibri?
    Concludo dicendo è inutile che cerchi di attribuirmi frasi che non ho scritto, piuttosto leggi i post e rispondi in base a quelli, perchè questo trucchetto con me non funziona

    • Luigi Ricciardi 3 febbraio 2018, 14:18

      Sarri ha dichiarato che la rosa è difficilmente migliorabile, non che sia impossibile. Difficilmente perché i titolari valgono, soprattutto grazie a lui, dai 40 milioni in su.
      Ma due panchinari meglio di ounas e Giaccherini si possono trovare. È così difficile da capire?
      E quanti avrebbero giocato non posso saperlo, così come non posso sapere che sicuramente non avrebbero giocato
      Io so questi : quelli forti come Milik e Zielinski giocano, quelli scarsi come Ounas e Giaccherini no.
      Quali sarebbero quelli molto più forti di politano e verdi che non giocano?

  2. Luigi Ricciardi 3 febbraio 2018, 8:02

    Il Napoli nelle coppe ha 90 minuti più della Juventus al momento, perchè ha una semi di coppa Italia in meno e due turni di preliminare di Champions in più, quindi al momento ha giocato anche più dei bianconeri, per cui se vuoi calcolare il minutaggio e non inserisci le coppe sbagli metodo.
    Mertens non ha alternative in attacco, Callejon ha Ounas, quindi, calcisticamente parlando, un giocatore della primavera.

    • riccià il turn over non è uno sfizio, si studia, si calcola, i minuti 90 in + 90 in meno, non c’entrano nulla devi vedere la distribuzione, la rosa quella è, e la differenza tra 1,2 e 3 in classifica in una anno può essere massimo di 6-7 partite, quindi siamo ancora all’aria fritta. Se higuian il giocatore + importante della juve in attacco, gioca 800 min in meno in campionato rispetto a Mertens, vuol dire che sta facendo turn over, proprio perchè ci sono le coppe. Se il Napoli anche contro squadre di serie B non schiera rincalzi costati 25-18-20 milioni vuol dire che non esiste una rosa per l’allenatore, sono i numeri che lo dicono non io, che in + ti dirò, che schiererei la primavera contro il Lipsia, che credo nello scudetto del Napoli, ma spero per il bene del Napoli che Sarri vada via, perchè abbiamo urgente bisogno di ricostruire la squadra, bisogno di un allenatore inclusivo, oggi la squadra schiera molti 30enni, sono 3 anni che non si valorizza nessun acquisto, e questa è la strada per il fallimento, a differenza tua io non credo che stavamo meglio prima che arrivasse Delaurentis, a differenza tua io credo che una società che ha fatto in 12 anni quello che ha fatto Delaurentis, è un modello, e preferisco continuare quel modello, di cui Sarri ha beneficiato, sempre i numeri ci dicono una sola cosa, se Sarri come Benitez avesse dovuto costruire una squadra, con gli ex empolesi a quest’ora lottavamo per non retrocedere. Sarri ha fatto buttare dalla finestra un centinaio di milioni sul mercato, con scelte folli, mai operate dal Napoli fino al suo arrivo, e sono sempri i dati e i numeri che parlano chiaro, mi spiace ma io su quelli mi baso

      • Luigi Ricciardi 3 febbraio 2018, 14:16

        Se vuoi leggi qualche discussione che ho avuto con chi criticava de laurentiis, e forse capisci cosa vuol dire discutere di fatti.
        È divertente che citi dei dati e poi parli di aria fritta, visti che tu l’hai voluta mettere sui dati che evidentemente non sai leggere.
        Bello fare il paragone tra Higuain, che ha mandzukic come alternativa e anche dybala per qualche partita, e Mertens che non ha nessuno,visto che Milik è rotto e inglese non è venuto
        Insigne non ha nelle corde la fare difensiva? Mi sa che ti manca qualche fondamentale di tattica.
        Politano voleva venire a Napoli, Verdi anche, come ti ho spiegato, e ha cambiato idea all’ultimo, tant’è che presidente e chiavelli lo aspettavano a Milano per la firma.
        Se non sono arrivati non è colpa di Sarri e dei minutaggi : lo hai capito o no?

        • riccià continui con l’aria fritta, continui a non dare un dato, e soffrire di un complesso d’inferiorità che non ha alcuna ragione d’esistere alla luce dei numeri, Mertens segna + di higuain, insigne segna +di mandzukic, la juve usa + moduli e fa turn over il napoli no. Ti ho fatto vedere che non è una questione di min giocati, perchè sia il napoli che la juve hanno i ruoli ben definiti e non ci sono dubbi sui titolari, bensì di come distribuisci quei minuti, cosa che Allegri fa chiaramente e per bocca di tutti gli addetti ai lavori, e Sarri no come riconoscono tutti. Milik è in gruppo ormai da 10 giorni come ghoulam, non continuate a dire bestialità, Milik in 6 mesi di competizione e disponibile non ha praticamente giocato pur avendone estremo bisogno per recuperarsi, i numeri sono li vai li leggi e poi torni, parlare a vanvera o per sentito dire ti mette in una posizione di grave svantaggio, ogni cosa che scrivo è basata sui numeri e controllati decine di volte. Detto questo Verdi non è venuto perchè non voleva fare panchina, conosce Sarri ed ha già fatto panchina con Sarri, non è xemo, ha fatto bene ed ha ragione, e noi ci abbiamo guadagnato. Politano come lo stesso Verdi sono attaccanti che non coprono, come zapata gabbiadini e pavoletti, ma con la differenza che non hanno mai segnato e costano il doppio, fallimentare tutta la linea non c’è anche una briciola di numero che ti possa aiutare fidati, Delaurentis sapeva già il giorno prima che Verdi non sarebbe andato, non continuite a dire stupidaggini se volete essere trattati da persone serie

          • Luigi Ricciardi 4 febbraio 2018, 11:41

            Aria fritta è la tua, che accomuni scarse conoscenze calcistiche a considerazioni apodittiche senza senso.
            1) Mertens segna più di Higuain perchè il modo di giocare della Juventus è diverso da quello del Napoli: quanto segnava Higuain con Sarri? Mi pare abbia battuto il record nella storia del nostro campionato.
            2) Stessa cosa per Insigne e Mandzukic.
            3) La Juve non ha ruoli e titolari definiti, perchè la rosa è di qualità talmente superiore, soprattutto in alcuni settori, che può permettersi di cambiare giocatori. A meno che per te Dybala non è un panchinaro e non un titolare.
            4) Allegri non ha uno schema fisso, perchè basa il suo modo di giocare sui calciatori che ha a disposizione. Può permetterselo, perchè ha appunto una rosa superiore.
            5) Dimmi come hai saputo con certezza che Verdi non è venuto per non fare panchina. Io ti ho postato interviste sue, del procuratore e del padre che parlavano in maniera eccellente del suo rapporto con Sarri. Trovami una prova che non sia venuto perchè non voleva fare panchina.
            6) Milik è a disposizione ma ovviamente non può ancora giocare: è calcio professionistico, non partitella del lunedì. Vedi quanto ha giocato con la Juventus Marco Pjaca da quando è tornato dallo stesso infortunio: 0 minuti. Era a disposizione dal 19 novembre 2017, quando si è aggregato con la primavera, e dopo è andato in prestito in Germania. Minuti giocati con la Juventus del mago del turnover Allegri: 0. Poi se secondo te essere e disposizione vuol dire poter giocare a calcio professionistico, auguri.
            7) De Laurentiis sapeva già che Verdi non sarebbe andato: infatti è salito a Milano con Chiavelli per mangiare l’ossobuco. Anzi no, visto che ha dichiarato quanto segue: «Verdi mi ha deluso. Mi aveva detto di si e avevamo preparato contratti con l’agente del ragazzo e il Bologna. Quando è arrivato il momento di mettere nero su bianco, poi, è arrivata una telefonata di Branchini. Era la vigilia della partenza di Verdi, e ci ha detto che il ragazzo non voleva più venire». Dubito che chi dichiara queste cose sapeva già che nno sarebbe venuto,..
            8) Politano e Verdi giocano esterni in un attacco a tre, e nel calcio moderno qualunque calciatore di quel ruolo sa che deve coprire. Gabbiadimi, Zapata e Pavoletti sono centravanti, ovvio che non corrono per tutta la fascia, ma coprono solo i centrali altrui. Gabbiadini neanche quello: controlla quanto sta giocando col Southampton, una volta liberatosi di Sarri (visto che sei così bravo coi numeri).

  3. In tutta questa storia ci sono solo due certezze:

    1) abbiamo fatto una figura assurda, mitigata solo dal mercato nullo di Roma, Inter e Milan bloccato da cause esterne alle società. Almeno questo ci evita di far ridere tutto lo stivale e ci limitiamo solo a Torino e zone limitrofe (anche se Sassuolo non è così vicino :-)) .

    2) I giocatori di cui si è parlato non avrebbero fatto la differenza. Al più potevano essere un ricambio per EL.

    Su questo mi sbilancio e dico che sono due certezze.

    Le ipotesi invece:

    Sarri con la sua gestione della rosa spaventa il giocatore medio (medio è quello che possiamo permetterci). Nessuno che sta giocando bene nel suo club cambierebbe per fare la riserva di giocatori considerati, pubblicamente e ripetutamente, inamovibili dall’allenatore. Specialmente se parliamo di non giovanissimi.

    La società voleva accontentare l’allenatore prendendo in considerazione solo giocatori a lui graditi e quindi si è rimasti in Italia limitandosi a due profili.

    Le mie personali speranze:
    Speriamo che Ghoulam e Milik tornino presto, già domenica in campo e che recuperino al 100%. Se ciò dovesse accadere allora del mercato non mi frega proprio nulla.

  4. giancarlo percuoco 2 febbraio 2018, 10:08

    con Machach e Ciciretti vinceremo gli scudetti.

  5. Luigi Ricciardi 1 febbraio 2018, 22:38

    I dati bisogna saperli leggere:
    https://www.transfermarkt.it/juventus-turin/leistungsdaten/verein/506
    https://www.transfermarkt.it/ssc-neapel/leistungsdaten/verein/6195
    La juve ha 5 giocatori oltre i 2000 minuti, ai quali manca un portiere, perchè Buffon e Sczezeny si dividono il ruolo (diciamo che il polacco è leggermente più affidabile di Sepe) e perchè Buffon si è infortunato ultimamente, altrimenti sarebbero stati 6.
    Il Napoli ha 9 giocatori sopra i 2000 minuti, e ha una panchina “leggermente” inferiore a quella juventina, soprattutto in avanti, e ha 90 minuti in più per i preliminari di Champions, oltre ad avere Milik con pochissimi minuti causa infortunio, ed è questa rotazioni mancante in avanti ad appensantire il minutaggio degli attaccanti soprattutto.
    Mandzukic, a tuo dire, farebbe la panchina in Gaetano nella primavera del Napoli: credo sia lo stesso giocatore che ha segnato in entrambe le finali di Champions che ha giocato, con un gol decisivo e l’altro inutile (appena 7 mesi fa), ma forse il più bello della storia delle finali della Champions, e che attualmente gioca indifferentemente centravanti o centrocampista laterale di sinistra in un centrocampo a 3 o 4. Povero Gaetano, un fuoriclasse che Sarri non sa di avere in casa.
    Pavoletti fa il centravanti, Politano il laterale a tutta fascia: se il primo ha segnato 5 gol e il secondo 3, il rapporto è a tutto vantaggio del secondo. Pavoletti venne da infortunato a Napoli.
    Zapata è andato via per volere della società, lo diceva anche il Napolista qui:
    https://www.ilnapolista.it/2017/11/zapata-contro-napoli/
    Strinic si alterna con Murru sulla fascia sinistra della Sampdoria, e soffre ancora dei “soliti” problemi muscolari che lo affliggono da sempre. Un buon giocatore per una squadra da metà classifica, niente di più.
    Politano voleva venire a tutti i costi, Verdi ha dichiarato (probabilmente una scusa) che non è venuto perchè non sicuro che Sarri resti a Napoli, e così parlava il suo procuratore prima del mercato: Il suo rapporto con Sarri? Lo stima molto, hanno un rapporto speciale. Gli farebbe piacere tornare a lavorare con lui
    https://www.ilnapolista.it/2017/09/rognoni-agente-verdi-sarri-bologna/
    E lo stesso verdi in un’intervista al corriere dello sport:
    SARRI – “Due anni insieme, ad Empoli. Lo posso dire: è il mio maestro, cioè, è l’allenatore che mi ha fatto fare il primo salto di qualità. Il nostro rapporto è iniziato e finito ad Empoli, nel senso che non ci sentiamo più, ma c’è grande affetto e stima, almeno da parte mia. E sono sicuro, anche da parte sua. Lo rivedo volentieri, lo abbraccerò prima della partita. Come giocava quell’Empoli? Beh, per prima cosa bisogna dire che giocava molto bene, un gran bel calcio. Facevamo il 4-3-1-2, io ero il trequartista dietro alle due punte, Maccarone e Tavano. Ci siamo divertiti. Sarri mi ha insegnato a stare in campo. Mi impiegò in un ruolo che per me era nuovo, sulla trequarti, mi ha fatto crescere. Con lui ho imparato la fase difensiva, e poi ad andare negli spazi senza palla. Tutte cose che mi porto dietro anche oggi.
    Quindi, a sentire interviste e procuratori, sia Verdi che Politano volevano venire a Napoli.
    Poi Verdi ha cambiato idea, e vedremo a giugno perchè. Su Politano ci sono state ovviamente altre ragioni.

  6. Antonio Iannaccone 1 febbraio 2018, 22:23

    Riassunto:
    -) Sarri grande allenatore, ma non capisce niente di mercato.
    -) Giuntoli grande scopritore di talenti, ma con le ali tarpate dal maestrino Sarri e dall’invadente De Laurentiis.
    -) De Laurentiis grande presidente, ma solo se si occupa di cose societarie.
    Riassunto ultra-sintetico: se ognuno nel Napoli facesse il suo mestiere, vinceremmo la Champions in un paio d’anni. Per ora accontentiamoci di lottare per lo scudetto (ovviamente uscendo dall’Europa League senza nemmeno fare il viaggio per Lipsia) e speriamo nel Cielo…

  7. Raffaele Sannino 1 febbraio 2018, 21:08

    Lo scorso anno il 3 gennaio gli incompetenti presero Pavoletti…e manco ti è piaciuto!

  8. Francamente non credo ci siano dubbi sul fatto che il mercato del Napoli sia stato determinato dalle scelte di Sarri. Il nostro Mister è un geniale costruttore di gioco e pure un eccellente allenatore dei giocatori che gli “garbano”. Ma è anche un tecnico che non applica il turnover e poco incline alla flessibilità. Con lui, quindi, è grande il rischio che i giocatori di riserva giochino poco o addirittura mai, anche se validi e costati molto. Se il suo sistema reggerà agli stress della lotta per vincere, come noi tutti speriamo, lo vedremo tra un po’. Nel caso, vorrà dire che non servono 25 calciatori in rosa.

  9. felice d'amora 1 febbraio 2018, 20:02

    tanto per non giocare mai uno vale l’altro, in fin dei conti hai ragione, per non fare neanche un minuto davamo un milione al benevento che sempre dei cugini sono, avremmo avuto un nuovo grassi pagandolo un decimo, chissà perchè il pappone non ci ha pensato, non è poi così perverso infondo

  10. a quanto frignate per due mancati acquisti di mezze figure.. Per fare cosa? Comparsa in panchina. Giocate il miglior calcio d’Europa, avete un maestro in panchina e vi disperate per Politano, Ma chi lo conosce? Manco fosse Messi.

  11. Stefano Valanzuolo 1 febbraio 2018, 16:25

    Sì sì, vabbe’… Ma il nonno di Younes come sta?

  12. Luigi Ricciardi 1 febbraio 2018, 15:50

    Ricapitoliamo con aggiunta : secondo il Napolista, Sarri avrebbe richiesto espressamente Verdi e/o Politano. Sarri in tv aveva detto che gli andava bene chiunque basta che fosse forte.
    Quindi o una delle due posizioni non è vera, o, volendo pensarle entrambe vere, Sarri avrebbe espresso preferenze per tutti e due e avrebbe accettato qualcuno di quel tipo, casomai quelli non potevano venire.
    Di quei due : uno lo abbiamo aspettato per 20 giorni su 30 (nessun aut aut insomma) e per l’altro abbiamo inviato l’offerta decisiva e la bozza di contratto alle 22.50 dell’ultimo giorno utile.
    Quindi la società ha deciso di perseguire solo quei due giocatori e nessun altro, perché se insisti per Politano fino all’ultimo secondo quello si capisce.
    Poi magari Sarri voleva proprio solo quei due, e allora il mercato non è stato per niente una delusione. Ma tenderei ad escluderlo.

  13. Alfonso De Vito 1 febbraio 2018, 14:55

    secondo me i fatti sono chiari: dopo l’infortunio di MIlik il Napoli ha pensato che fosse Inglese il sostituto per gennaio. Lo ha deciso autisticamente la società. Poi dopo la trionfale cavalcata della squadra e col pericolo di perdere l’allenatore per la clausola, ADL finalmente va a trovarlo e decide di dargli un segnale di importanza, seguendo le sue indicazioni sul mercato. Se così è andata, e a me pare credibile, la dimostrazione data dalla società a Sarri è di una debolezza disarmante…

  14. il mercato non é stato fatto a giugno. punto e basta. la societá da quando é andato via benitez non ha inserito nessun giocatore decisivo nella rosa. l unico titolare é hysaj che della truppa, scommetto che in un sondaggio sarebbe quello al quale tutti rinuncerebbero piu a cuor leggero degli altri. PUNTO non é giuntoli non é bigon non é tutto cio sono i parametri del napoli che non funzionano. l eccezione fu fatta un anno ed uno solo con Benitez che prese scarti delle big (higuain relegato in strapanchina a madrid, mertens chi lo conosceva, callejon riserva , albiol comparsa reina ripudiato e mandato in giro in prestito dal liverpool, ghoulam grande intuizione di bigon come koulibaly e jorginho) l anno dopo a benitez venne detto “giocatela con gargano titolare” e usci dalla coppa. il napoli ha fatto un anno di mercato serio, perche nemmeno gli zielinski e i diawara ne tanto meno i rog sono giocatori da scudetto.

    • Questi sono i commenti da Mattino, Rima. Da tifosotti della Galleria Umberto che oggi vedrebbero bene anche Bruscolotti come uomo immagine…

    • Sono d’accordo. Io non so di chi sia la “colpa” nell’asse Sarri-Giuntoli-DeLa. Però rimane che l’opera di Giuntoli e della triade è quantomeno discutibile. Sì, un paio di lance da spezzare a suo favore ci sono: Allan l’ha portato lui, Milik che purtroppo si è rotto ma era titolare, Mario Rui secondo me è un buon terzino, paragonato al non plus ultra Ghoulam. Zielinski Rog e Diawara sono ottimi innesti, soprattutto Zielinski e Diawara, che ci vuoi fare se i titolari sono quasi insostituibili ultimamente? Zielinski è discontinuo e incompleto in alcuni aspetti ma è un ottimo giocatore, Diawara in prospettiva mi pare devastante (poi presumo dipenda anche da Sarri ma non voglio divagare), Rog ha dato ottimi segnali. E c’è da dire che Koulibaly e Ghoulam un pochino non pervenuti prima di Sarri.
      Altra lancia da spezzare a favore di Giuntolone è che sia stato in grado di liberarsi di alcuni esuberi molto fastidiosi.
      Nonostante ciò, rimango un po’ perplesso.

    • Una analisi tanto perfetta non l’avevo ancora letta. Condivido in toto

  15. Magari erano quelli che ritenevano servissero. A che pro prendere altri che non si considerano utili? Per far felici giornalisti e tifosi?
    Su Deulofeu: alla fine, appunto, è andato, in prestito, al Watford, che vale più o meno un Sassuolo. Ci sarà una ragione oppure è un grande incompreso? O lo si doveva prendere a prescindere per mostrarsi internazionali?
    Tolto lui, quali altri nomi credibili erano sul mercato? Quali grandi occasioni sono state perse?

    • Forse solo Castillejo del Villareal che è veramente un acquisto ottimo, dall’ingaggio abbordabilissimo, tecnicamente e tatticamente perfetto per il Napoli e con una clausola intorno ai 30 mln (meno di quanto avremmo pagato Politano, tra prestiti bonus e Farias vari). E si sarebbero evitate trattative con società ostili (vista la clausola appunto)…ammesso che il giocatore stesso avrebbe accettato (sta cercando pure lui di guadagnarsi un posto per il mondiale e la filastrocca sull’intoccabilità di Callejon la conosciamo già).

    • Economicamente il Watford vale il Napoli…

      • economicamente in premier lo sono tutte..il watford è undicesimo con 12 partite perse su 25..uno squadrone!

  16. Alfonso De Vito 1 febbraio 2018, 14:34

    a gennaio ti servono giocatori subito in grado di inserirsi, ovvio che Sarri spingesse per gente che gioca in serie A… quest’anno gli si chiede di competere per vincere, non (solo) per valorizzare scommesse e lui ragiona di conseguenza

  17. Vediamo se ho capito l’articolo: il fallimento del mercato del Napoli è colpa di Sarri.

    • ovvio, ed era abbastanza scontato che andassero a parare lì.

    • giancarlo percuoco 1 febbraio 2018, 16:19

      eh si, si chiude così.

    • Se hai letto questo sei in cattiva fede… Voler accontentare l’allenatore, un allenatore particolare come Sarri, è complicato quindi non si può crocifiggere ne la società tantomeno il tecnico.

Comments are closed.