Non piangiamoci il morto prima di aver giocato i nostri ritorni

Il Napoli, Sarri, tutti ascoltino Down in Mississippi nella versione di Mavis Staples. Pensiamo a noi, non agli arbitri né agli addizionali.

Non piangiamoci il morto prima di aver giocato i nostri ritorni
Milik rincorso dalla Juventus (Cuomo)

Down in Mississippi

Stanotte ho ascoltato Down in Mississippi nella straordinaria versione di Mavis Staples. Facciamoci un favore, ascoltiamola in questi giorni, prima di sabato, prima di martedì prossimo. La ascoltino i giocatori. La ascolti Sarri. Al mondo non esiste nulla di più a sud del Mississippi, di più sordo abissale ed ingiusto del Mississippi, dove solo una manciata di neri sono tornati vivi per raccontare. Una terra in cui i bianchi avevano stabilito una stagione di caccia ai conigli, sparando ai quali fuori tempo massimo si andava in galera, ma in cui nessuno beccava una multa se ammazzava un negro. Ma quelli tra i negroes tornati hanno scritto canzoni come questa, larghe, grevi e gioiose, tra complicati accordi di settima che i bianchi hanno dovuto imparare con fatica nei conservatori.

Rimaniamo sugli errori nostri

Non piangiamoci il morto prima di aver giocato i nostri ritorni. Solo i bianchi si fermani alle andate. I ritorni sono tutti davanti a noi. Non piangiamo prima di aver provato i nostri appelli. Di aver preparato le nostre cassazioni. Quarantacinque minuti duri allo Stadium sono tanti. Poi, come al solito abbagliati, nel vortice della cupio dissolvi abbiamo gettato tutto via. Sempre lo stesso terrore da neri fasulli, da terroni distratti. Lasciamo stare l’errore degli altri, che non possiamo controllare. Rimaniamo sui nostri, sui quali abbiamo controllo.

Lasciate perdere i Masanielli per ogni stagione

Prima di sfogarvi e urlare che tutto cade sotto il peso della corruzione, prima di ingigantire semplici errori di un arbitro, ascoltate Down in Mississippi, nelle parole di J.B.Lenoir, quando canta: “Non ho niente contro il Mississippi / era anche la casa di mia moglie / ma mi considero un uomo fortunato / a esserne venuto via vivo”. A noi serve questo spirito negro, meno canzonette e più sangue che si raggela, lo spirito del sud fiero e temprato, concentrato solo su di sé, al di sopra della storia, con gli occhi perennemente spalancati. Se persino Lenoir non ha niente contro il Mississippi, neanche il Napoli coraggioso ne avrà contro arbitri, addizionali, commentatori e addetti a questi strani lavori. Lasciate perdere i masanielli per ogni stagione.

Giochiamo. Balliamo. Recuperiamo queste forze come uomini veri, sull’onda della frase della donna più negra della storia, Filumena Marturano, di fronte al suo aguzzino: “Ll’uocchie mieie so’ asciutte comm’ all’esca”. Down in Mississippi. Forza Ciuccio.

ilnapolista © riproduzione riservata
  1. Jean Paul Sartre 3 marzo 2017, 14:26

    Ardita questa proposta-speranza di Raniero Virgilio. Se ai tifosi del Napoli levi il vittimismo… come passano poi la giornata?

  2. White Shark 2 marzo 2017, 0:56

    Vorrei invitare caldamente chi non crede nelle possibilità del Napoli di ribaltare i risultati, ma soprattutto di far ingoiare una tonnellata di ? ai gobbi e ai suoi pseudo tifosi, di farsi una bella passeggiata il giorno delle partite. C’è bisogno di tutto il calore possibile e di tanta garra da far tremare le gambe al Real e di far passare ogni dubbio a chi verrà ad arbitrare di poter solo per un secondo pensare di commettere scemenze. E poi una cosa vorrei. Il gol della qualificazione contro quelle ? strisciate palesemente irregolare per vedere la finta signorilità loro, dei loro dirigenti e dei loro sudditi che oggi fanno tanto i superiori parlando di vittimismo solito napoletano. Il Signore è grande. Forza Napoli sempre, dovunque e comunque.

    • Jean Paul Sartre 3 marzo 2017, 14:30

      Avete già segnato all’andata un gol irregolare (Callejon peraltro recidivo: Napoli-Juve 30-03-2014) e nessun dirigente della Juve si è lamentato. Volete continuare a segnarne altri? Viva la sportività!

      • Caceres non ti ricorda nulla? Truffaldino come la tua squadra.

        • Jean Paul Sartre 3 marzo 2017, 18:00

          Continui a non afferrare. Non stiamo giocando a chi ha rubato di più, sennò dovrei ricordarti i due rigori inesistenti che il simpatico Bergonzi vi regalò qualche anno fa.
          Il punto è che mentre noi juventini riconosciamo gli errori a nostro favore, voi depennate dalla memoria quelli che hanno favorito voi. Nell’ultimo Juve-Napoli avete resettato il mancato rigore a Dybala e il fuorigioco di Callejon e avete fatto partire la vostra surreale e personalissima moviola dal presunto rigore su Albiol. Ridicolo, non trovi? 🙂 Puoi farcela, dai!

          • Siamo al bue che da del cornuto all’asino. In una gara a chi ha rubato non avremmo speranze. Siete dei fuoriclasse senza rivali al mondo. Feccia pura. Tipico atteggiamento di quelli beccati con le mani nel sacco. Negare tutto, negare sempre e se possibile ribaltare la verità. Fammi e facci il piacere, torna tra i tuoi simili e smettila di insozzare questo blog.

          • Bèh anche Lei di venire su un forum del Napoli a portare le sue tesi, suvvia, come le siamo noi nei vostri cuori nessuno mai

  3. Abbiamo molte più probabilità con il real che con i torinesi solo perché non abbiamo la spada di Damocle degli arbitri italiani che essendo all interno della organigramma delle società degli agnelli devono portare l osso al loro padrone.che tristezza .

    • Giuseppe Scazziota 1 marzo 2017, 20:46

      Altri tempi ed altri giocatori sicuramente di maggior personalità

    • Guglielmo Occam 1 marzo 2017, 21:54

      Magari….

    • Jean Paul Sartre 3 marzo 2017, 14:42

      Ma è la partita del gol regolare annullato a Laudrup? Solo rubando potete battere la Juve.

      • Vincenzo D'Agostino 3 marzo 2017, 19:30

        Be potrei ricordare mille episodi in cui è successo il contrario, non solo con il Napoli ma anche con altra squadre, tipo 6 anni fa con il Milan, cosa che Allegri sembra aver dimenticato, ma non scendo ad un livello così basso.
        Mi sembrava chiaro che il mio post era una battuta/speranza…..la storia nel calcio spesso, praticamente sempre, non ritorna….il calcio non è di vichiana memoria……..

        • Jean Paul Sartre 3 marzo 2017, 19:54

          Fu una bella rimonta e nessuno della Juve si lamentò. A parti invertite… apriti cielo, se ne parlerebbe ancora adesso 🙂

          • Luigi Ferrara 3 marzo 2017, 20:53

            Si lamentarono eccome ma in Europa nessuno vi fila. Ti rendi conto che l’unica svista a nostro favore ha come protagonista un arbitro straniero?

          • Jean Paul Sartre 6 marzo 2017, 10:08

            A me pare che l’arbitro dei due rigori farlocchi in Napoli-Juve 3-1, fosse l’italianissimo Bergonzi. Ma magari mi sbaglio…

  4. con il Real sarà una bella partita, fatico a credere nel passaggio del turno ma sono sicuro che ci andremo vicini.
    l’altra sinceramente non mi interessa.

  5. Rimaniamo compatti, facciamo un grande tifo ma non facciamoci illusioni. Ribaltare i risultati delle coppe sarà cosa ardua se non impossibile specie perchè, per fare un risultato positivo, necessita non prendere gol e mi pare questo stia risultando molto difficile al napoli.

  6. Sono d’accordo
    Prepariamogli l’inferno fuori e dentro il campo….

    • Le vittorie vengono dal campo non dal casino che si fa fuori.

    • Che fai, minacci? ???

      • Quello lo faceva Moggi.

        • No, quello lo fanno certi galantuomini che la fanno da padroni col silenzio/assenso di molti… e non farmi aggiungere altro

          • Ecco bravo, stai zitto che è meglio, che se fossero state applicate per bene le leggi, della Juve ci si ricorderebbe solo negli almanacchi ingialliti e nelle cronache giudiziarie e ora staresti a rifare per la tua squadra della tua città (cioè il Crotone o l’Acireale).

          • Ser, le leggi dei tuoi sogni bagnati.

          • White Shark 2 marzo 2017, 0:47

            ?.

  7. Bellissimo pezzo, Virgilio………..dobbiamo rimanere compatti.
    Capaisco gli sfoghi, le lamentele ma ora è il momento di essere uniti e vicini alla squadra.
    Bisogna fare tesoro dei nostri errori e cercare di lavorare per eliminarli……..non sarà facile ma è l unica strada.
    La squadra e giovane e’ mostra dei limiti, dobbiamo accettarlo e farle sentire il nostro supporto ora più che mai

Comments are closed.