Moggi, il Consiglio di Stato conferma la radiazione: fuori a vita dal mondo del calcio

A undici anni dai fatti di Calciopoli, la giustizia ordinaria boccia l’ennesimo ricorso per la riabilitazione presentato da Moggi, confermando le sentenze Figc.

Moggi, il Consiglio di Stato conferma la radiazione: fuori a vita dal mondo del calcio

Undici anni dopo Calciopoli

Dal 2006 a oggi, ed ecco finalmente la decisione definitiva. L’ex direttore generale della Juventus Luciano Moggi si è visto confermare la radiazione a vita dal Consiglio di Stato. Dopo che tutti i gradi di giudizio della giustizia sportiva avevano sentenziato in questo senso, l’ultimo ricorso per la riabilitazione è finito in un nulla di fatto. La decisione arrivata oggi, secondo il Corsera, viene motivata così da Palazzo Spada: «La decisione della Corte federale della Figc (11 maggio 2012) resta insindacabile, poiché il ricorso presentato è “inammissibile per difetto di giurisdizione del giudice statale”».

Finisce così la carriera di dirigente sportivo di Moggi. Un passato anche nel Napoli, dal 1988 al 1991, prima dell’approdo alla Juve nel 1994. Dodici anni dopo, lo scandalo che travolse i bianconeri e riscrisse la storia del calcio italiani. Altri undici anni per chiudere definitivamente la vicenda, almeno dal punto di vista giudiziario.

ilnapolista © riproduzione riservata
  1. Per i media invece è un eroe da invitare in studio e da chiamare in radio (de maggio)

  2. Peccato , una così brava persona.mi dispiace.

  3. vediamo quanti jumeridini commenteranno questa notizia.

    • nessuno commenterà questa notizia, i rubentini sono un branco di galline senza testa…

Comments are closed.