La bomba (inesplosa) del giorno: Higuain all’Atletico, ma il Napoli non cede

La bomba (inesplosa) del giorno: Higuain all’Atletico, ma il Napoli non cede

Diciamo la verità: un po’ ci mancava. Higuain senza offerte faraoniche, nel calciomercato di giugno, è come un cielo senza stelle la notte del 10 agosto. Ecco che allora i giornali ci riprovano e tu senti che tutto è a posto, che tutto va bene. Che è tutto normale.

Stavolta, a innamorarsi del Pipita, sarebbe l’Atletico Madrid. L’abbiamo scritto già ieri rilanciando una notizia battuta da Marca, oggi tocca al Corriere dello Sport. Che, in prima pagina, sgancia l’ordigno: «Mega-Offerta dei Colchoneros per il Pipita: 60 milioni più Kranevitter, pronto un contratto da 8 milioni per 5 anni al centravanti argentino». Secondo il quotidiano romano, De Laurentiis non cambia la sua posizione nonostante una proposta comunque allettante, dato anche l’alto valore del calciatore proposto a integrare i contanti: Higuain si vende solo per il prezzo della clausola. Quindi, che altro dire: rispetto a ieri non è cambiato niente. C’è solo una bomba inesplosa in più da mettere agli archivi. Anche perché, secondo quanto scritto dal Corriere del Mezzogiorno, non filtra assolutamente nulla dall’entourage di Higuain, deciso a rivedere la posizione del capocannoniere a fine Copa America. 

Quindi, occhi e orecchie solo alle altre operazioni (quelle “vere”, verrebbe da dire, ma è difficile crederci anche in questo caso): la prima, ovviamente, è sempre quella che vede coinvolto Hector Herrera. Secondo il Cdm, la distanza da limare con il Porto si assottiglia giorno dopo giorno. Siamo arrivati, infatti al 20/30% della quota: secondo il quotidiano, un accordo sarà trovato nei prossimi giorni. 

Capitolo Fabinho: il terzino brasiliano è entrato nelle grazie di De Laurentiis, che in un’intervista rilasciata ai francesi di Monaco Hebdo rilancia il suo interesse per l’affare: «Ho offerto 10 milioni per aprire una trattativa, ora aspetto una risposta dal Monaco». Secondo Il Mattino, l’annuncio potrebbe essere questione di giorni, data l’ormai minima distanza tra l’offerta di Adl e le richieste del club monegasco (14 milioni). Per Repubblica, invece, la situazione è giusto un attimo più complessa: il calciatore avrebbe dato il suo assenso al trasferimento, però il Monaco si è preso un week-end per pensarci, nella speranza che il Napoli possa arrivare a un’offerta da 13 milioni più Zuniga. E anche perché, sulle tracce di Fabinho, sarebbero spuntati gli inglesi del Manchester City e ovviamente l’Atletico Madrid. Che dopo Vrsaljko, e avendo pure Juanfran in organico, ha deciso di fare una squadra di soli terzini destri. 

Fabinho non è il solo nome per la corsia di destra: dalla Spagna, per la precisione da Don Balon, arriva un’indiscrezione su Gino Peruzzi, esterno destro del Bca Juniors in passato già in Italia con la maglia del Catania. Secondo il giornale iberico, il prezzo si aggirerebbe intorno ai 4 milioni di euro. 

Utime notizie in arrivo dall’Italia, più precisamente da GazzettaTuttosport: per la rosea, azzurri che hanno provato un affondo per Witsel ma sono poi rimasti spaventati dall’ingaggio richiesto dal mediano belga (4,2 milioni di euro). In caso di addio di Valdifiori, invece, sarebbe già pronto Kums. Per il quotidiano torinese, invece, sondaggio azzurro per un calciatore in uscita dalla Juventus, Roberto Pereyra. L’argentino è stato messo sul mercato dalla dirigenza bianconera, ma sulle sue tracce ci sarebbero già Roma e West Ham. Gli inglesi, tra l’altro, avrebbero offerto già 12 milioni. La Juventus ne vuole 15, l’asta è aperta e il Napoli sembra esserci. Tra una bomba inesplosa e l’altra, non sarebbe un affare proprio malvagio. 

ilnapolista © riproduzione riservata