Stavolta non si stona, il Napoli vince a Verona

A Chievo Verona negli ultimi anni
abbiamo subito sconfitte ed affanni,
la musica cambia con Mastro Rafe’,
avanti Ragazzi ! Facite vere’
di cosa è capace il Napoli odierno,
i “mussi volanti” spedite all’inferno !!
Il Napoli gioca con grande freschezza,
la palla che gira con buona scioltezza,
è per il Pipita la prima occasione,
è attento Puggioni e di pugno si oppone.
Ed ecco un’azione assai prolungata,
Insigne a sinistra fa una giocata,
la mette al centro in orizzontale,
chi viene da dietro pronto a far male ??
E’ Lui, Marekiaro, la fascia sul braccio
“Adesso la fermo e, poi, cosa faccio ?
La metto, radente, lì nell’angolino”.
E goooooooooooollllll !! E goooooooooooolllll !!
A Te or mi inchino !!!
Il Chievo Verona ben presto reagisce,
un cross dalla destra, così ci punisce,
ché Britos si ferma e non interviene,
Paloschi la tocca . . . così non va bene !!
Si ruba la palla adesso Gonzalo,
dal fondo la mette sul secondo palo,
sta lì, come un falco, José Maria,
infila il portiere. E goooooooolllllllll !!!
Allegria !!!
Il Chievo si batte, non si dà per vinto,
il Napoli dietro è poco convinto,
Maggio di testa tocca il pallone
che viene frenato dal suo “spazzolone”
(ma come ha tagliato i capelli, questo,
qualcuno intervenga e lo faccia presto !),
Paloschi ha la porta spalancata,
il palo ci salva dalla frittata,
qualcosa di brutto è in arrivo, lo sento,
Maggio di nuovo sbaglia intervento,
la mette in rete ancora Paloschi
e i nostri pensieri adesso son foschi !!
Nell’intervallo, le facce tirate,
ecco si sente la voce del Vate.
“Ci sono stati diversi errori,
ma ne usciremo da trionfatori,
mi aspetto tre gol nella ripresa
e la partita sarà in discesa !”.
Il Napoli infatti è più equilibrato
anche perché il Chievo è scoppiato,
Inler ci prova un po’ da lontano
ma il loro portiere ci mette una mano,
insiste lo svizzero, va avanti e crossa,
alla difesa gli viene una mossa,
la palla schizza come impazzita
ma è troppo alta per il Pipita,
e mentre grido “puozz’itt’o’bbeleno”
ecco il Suo destro, di collo pieno,
bevi, Giulietta, il calice amaro,
mentre impazziamo per Marekiaro !!!
Ci manca ancora la ciliegina,
ma la sua festa ormai è vicina.
Gonzalo a Lorenzo, poi detta il passaggio,
il lancio è perfetto, con gran dosaggio,
il tocco di esterno sinistro al volo,
esce il portiere, la sfiora solo,
la palla torna al nostro Pipita,
di destro infila la porta sguarnita !!!
Così può esultare, le braccia allargate,
in spiaggia a Gaeta si abbracciano il Vate,
quest’anno, Amici, ci divertiremo,
ma or c’è la sosta e quindi già fremo,
ché l’eccitazione è davvero tanta.
Tra due settimane c’è l’Atalanta. . . .
Chievo Verona – Gaeta,
31 agosto 2013 by Bruno

ilnapolista © riproduzione riservata