L’Italia e’ già in Brasile

L’Italia stacca il biglietto per il Mondiale dell’anno prossimo in Brasile con due gare di anticipo sulla conclusione del gruppo di qualificazione battendo in rimonta a Torino la Repubblica ceca (2-1) in una partita complicata per la serata maledetta di Balotelli. Trafitta in contropiede nel primo tempo (19’ Kozak, che sprecava il raddoppio alla fine del tempo), una uscita a vuoto di Cech sul corner di Pirlo (51’ gol di Chiellini di testa) e il rigore procuratosi e segnato da Balotelli (54’) rimettevano in corsa gli azzurri con una rimonta tutto sommata meritata.
Nel primo tempo porta stregata per Balotelli: 12’ parata di Cech, 24’ traversa, 26’ palla fuori a porta vuota, 37’ parata di Cech sul colpo di testa ravvicinato. Prandelli schierava un quasi-inedito 3-4-2-1 cercando a centrocampo l’intensità mancata contro la Bulgaria. Ma la serata grigia di Montolivo, Giaccherini e Candreva, oltre alla posizione troppo avanzata di Maggio e Pasqual, immiseriva la scelta del commissario tecnico. Per giunta la Repubblica ceca (4-1-4-1) era brillante proprio a centrocampo con Rosicky, Darida, Plasil e Jiracek. Davanti alla difesa a quattro giostrava Prochazha.
L’Italia, buttatasi subito in avanti, con la sensazione di sfondare, si sbilanciava e veniva beccata in contropiede dopo una palla persa da Candreva e difesa scoperta. Con tre passaggi i ceki tagliavano il campo. Lancio di Rosicky, fuga a sinistra di Jracek e cross per il colpo vincente di Kozak. In ritardo De Rossi (centrale di difesa tra Bonucci e Chiellini), lontano Pasqual troppo offensivo, tagliati fuori dal contropiede Maggio e Candreva avanzati.
Il match si complicava per le occasioni che sfuggivano a Balotelli e per il superiore palleggio dei ceki in mezzo al campo che però perdevano per infortunio Rosicky, il giocatore di maggior talento (38’ Kolar). Per fortuna dell’Italia, in chiusura di tempo Kozak falliva il raddoppio (un altro contropiede micidiale).
Prandelli aveva corretto la squadra all’ultimo momento (3-4-2-1). Una sola punta, Balotelli, tartassato di falli, col sostegno impreciso di Candreva e Giaccherini. A sinistra, Pasqual (terza presenza azzurra) completava il centrocampo con Maggio a destra (buona partita), in mezzo Pirlo e Montolivo. De Rossi (piede buono per cominciare la manovra) in difesa fra Bonucci e Chiellini. Buffon al record delle presenze (136 come Fabio Cannavaro): un tiro, un gol, poi un mezzo salvataggio su Jiracek.
Nella ripresa, dovendo rimontare, Prandelli escludeva Giaccherini, mai in grado di saltare l’uomo, mettendo Osvaldo punta centrale con Balotelli a sinistra. L’Italia ricominciava di gran carriera, come nel primo tempo, e rimontava. Determinante l’uscita a vuoto di Cech sul corner di Pirlo e colpo di testa vincente di Chiellini. Poi Gebre Selassie atterrava Balotelli in area (lancio di Montolivo) e dal dischetto Balo siglava il 2-1, capocannoniere azzurro di queste qualificazioni con quattro reti.
L’Italia in calo fisico soffriva nel finale di partita. Perdeva per infortunio Pasqual (78’ gomitata di Kozak, entrava Ogbonna). In buona evidenza il fiorentino in fase offensiva (numerosi i cross). Poi Thiago Motta negli ultimi nove minuti per Montolivo. La Repubblica ceca finiva in dieci per l’espulsione di Kolar (88’). Quattro minuti di recupero, ma anche i ceki erano stremati pur continuando ad attaccare.
Mimmo Carratelli
ITALIA (3-4-2-1): Buffon; Bonucci, De Rossi, Chiellini; Maggio, Pirlo, Montolivo (85’ Thiago Motta), Pasqual (78’ Ogbonna); Candreva, Giaccherini (46’ Osvaldo); Balotelli.
REPUBBLICA CECA (4-1-4-1): Cech; Gebre Selassie (77’ Rabusic), Sivok, Suchy, Limbersky; Prochazha; Plasil, Darida (55’ Vanek), Rosicky (38’ Kolar espulso all’88’), Jiracek; Kozak.
ARBITRO: Eriksson (Svezia).
RETI: 19’ Kozak, 51’ Chiellini, 54’ Balotelli rigore.

QUALIFICAZIONE MONDIALE, GRUPPO B.
Italia-Repubblica ceca 2-1, Malta-Bulgaria 1-2, Armenia-Danimarca 0-1.
CLASSIFICA: Italia 20 (15-5); Bulgaria 13 (13-6); Danimarca 12 (9-10); Repubblica ceca 9 (8-8); Armenia 9 (8-10); Malta 3 (4-18).
La prima direttamente qualificata alla fase finale, le migliori seconde agli spareggi.
PROSSIMO TURNO. 11 ottobre: Danimarca-Italia, Malta-Repubblica ceca, Armenia-Bulgaria.
15 ottobre: Italia-Armenia, Bulgaria-Repubblica ceca, Danimarca-Malta.

ilnapolista © riproduzione riservata