Fischiare l’inno costa diecimila euro

Fischiare l’inno costa 10.000 euro, gettare i petardi 10.000 euro. Totale 20.000 euro di ammenda per il Napoli. Questa la motivazione del giudice sportivo.

Ammenda di € 20.000,00 : alla Soc. NAPOLI per avere suoi sostenitori turbato l’esecuzione dell’inno nazionale con ininterrotte bordate di fischi; per avere altresì, nel corso della gara, fatto esplodere e lanciato nel proprio settore, nel recinto e sul terreno di giuoco innumerevoli petardi, bengala e fumogeni; entità della sanzione attenuata ex art. 14 comma 5 in relazione all’art. 13 comma 1 lettere a) e b) CGS, per avere la Società concretamente operato con le forze dell’ordine a fini preventivi e di vigilanza.
Ammenda di € 10.000,00 : alla Soc. JUVENTUS per avere suoi sostenitori, nel corso della gara, fatto esplodere e lanciato nel proprio settore e nel recinto di giuoco innumerevoli petardi, bengala e fumogeni; entità della sanzione attenuata ex art. 14 comma 5 in relazione all’art. 13 comma 1 lettere a) e b) CGS, per avere la Società concretamente operato con le forze dell’ordine a fini preventivi e di vigilanza.
Il giudice ha anche squalificato per tre giornate Quagliarella, per una Borriello e Storari.

ilnapolista © riproduzione riservata