Il Napoli è quarto
nella classifica del 2010

Soddisfacente stagione del Napoli, quarta squadra dell’anno con 65 punti, alla pari della Sampdoria, dietro a Roma (81 punti), Milan (72) e Inter (66), davanti alla Juventus (56 punti). E’ della Roma, nell’anno, il record delle vittorie (24) e il minor numero di sconfitte (5). Per il Napoli 18 successi e 9 sconfitte. Equilibrato il raffronto tra punti interni (33) ed esterni (32) del Napoli.
E’ Hamsik il cannoniere azzurro del 2010 con 11 centri, seguito da Cavani e Lavezzi (10), Quagliarella (5), Denis (3), Maggio (2), poi un gol a testa per Cigarini, Rinaudo, Campagnaro e Cannavaro.
Vola più in alto la squadra azzurra: 10 punti in più alla diciassettesima giornata rispetto al primo anno in serie A con De Laurentiis, sei punti in più rispetto all’anno scorso. Una formazione in crescita.
Dopo 17 turni il Napoli ha raccolto in casa 16 punti, due meno dell’anno scorso, dodici in meno di due anni fa. Nel 2008-09 e nel 2009-10, dopo 17 giornate, il Napoli aveva il campo imbattuto (due sconfitte quest’anno). Ma quest’anno è più che raddoppiato il bottino esterno (17 punti, come il Milan; 9 punti l’anno scorso, 8 punti l’anno prima).
Se il bottino dei gol si mantiene allo stesso livello da quando il Napoli è tornato in serie A (25/26 reti dopo 17 partite), è migliorata la difesa: 17 gol incassati rispetto ai 24 del campionato scorso.
Domina il trio d’attacco: oggi 21 gol sui 26 totali (10 Cavani, 7 Hamsik, 4 Lavezzi). L’anno scorso 15 gol sui 26 totali (8 Hamsik, 4 Quagliarella, 3 Lavezzi). Nel 2008-09, le segnature dei tre attaccanti furono di 18 reti su 25 totali (7 Denis, 7 Hamsik, 4 Lavezzi). E nella stagione del ritorno in serie A (2007-08) erano 25 i gol alla diciassettesima giornata con 14 reti del trio d’attacco (7 Zalayeta, 4 Sosa, 3 Hamsik. Con tre reti anche Lavezzi).
In questi quattro anni il confronto con le formazioni maggiori è in attivo solo contro la Juventus: 4 vittorie, 2 sconfitte, nessun pareggio. Con l’Inter due vittorie, un pareggio, tre sconfitte. Negativo il bilancio con Milan e Roma: una vittoria, tre pareggi, tre sconfitte.
Durante l’anno, il Napoli è la squadra che ha raccolto più punti fuori casa (32) appena dopo la Roma (33), un punto più della Lazio, quattro più dell’Inter e del Milan, cinque più della Juventus. Il bottino casalingo, invece, è nettamente inferiore: Napoli 33 punti, Roma 48, Milan 44, Palermo 43, Sampdoria 40, Inter 38.
In totale il Napoli ha giocato 47 partite nell’anno (38 di campionato, 8 in Europa, una in Coppa Italia perdendola contro la Juve a Torino). Sono stati 21 i successi, 15 i pareggi e 11 le sconfitte. In Europa: tre vittorie, quattro pareggi, una sconfitta.
Da quando è tornato in serie A, le partite internazionali del Napoli sono state 14 con otto vittorie, quattro pareggi e due sconfitte.
La squadra azzurra si va assestando nel gruppo delle formazioni di vertice. Il secondo posto è una conquista recente e promette di migliorare alla fine i piazzamenti degli ultimi anni: ottavo, dodicesimo e sesto posto dopo il ritorno in serie A.
Mimmo Carratelli

ilnapolista © riproduzione riservata