Torino snobba Quaglia
Il Napoli snobba i club

Una “freddezza” tipica e classica della migliore cultura Piemontese. Certo non hanno fatto i salti di gioia per l’arrivo del calciatore stabiese. Ma ho l’impressione che siano in attesa. Due parole per descrivere come gli juventini hanno accolto Fabio Quagliarella  in bianconero. Del resto la prima prestazione del “Masaniello sabaudo”  non è che è stata un gran che, anzi.  Ma li sentiremo, li sentiremo quando passeranno  davanti alla nostra sede del Napoli Club “cuore azzurro” di Cambiano-Torino stombazzando con le loro macchinine rigorosamente di marca FIAT padronale. A dir la verità è un bel po che non  lo fanno più perché anche nell’animo di un  juventino a volte alberga un minimo di dignità. Noi siamo qui e restiamo fieri a rappresentare il calore ed il colore della  squadra e di Napoli che è sempre nel nostro cuore. Il trend positivo del tesseramento  ci fa ben sperare per il superamento dei 150 iscritti, record imbattuto del primo anno di vita del nostro sodalizio. Ma alla Società del Napoli  tutto questo non interessa infatti le nostre lettere, i nostri inviti, gli inviti del Sindaco e di tutta L’Amministrazione Comunale  di  Cambiano non sono degne nemmeno di una risposta. Ma questa è un’altra storia.

Pietro Mitrione
ilnapolista © riproduzione riservata