Di Natale, m’ ‘o veco e mm’ ‘o chiagno!

Ora mo sempe ca ‘a nutizzia è overa e nun s’ ‘a so’ ‘nventata ‘e pennarule, ajere ‘a Juventús, mentre ll’Udinese presentava tutt’ ‘e jucature ‘nchiazza (Di Natale cumpreso ca diceva ‘e vulé restà a Udine) a Ttorino ‘o prucuratore ‘e Di Natale steva firmanno ‘o passaggio d’ ‘o napulitano â Juventús! Sto’ schifato: mentre DeLa, Bigònne e Mazzarri frijeno ‘o pesce cu ll’acqua e vanno a spennere a san Gennaro ‘e Povere (Lucarelli), ‘a Juventús s’accaparre n’ato ca si nun è proprio guaglione (1977=33 anne) è ‘nu jucatore napulitano ‘e nazzionale e  ca mo – pejo pe isso! – se ‘nchiaccarrà ‘e lebbra juventina comme ggià succieso a Cciro Ferrara, Fabio Cannavaro e a quacche atu napulitano ca mo me scordo e comme a  ttutt’ ‘e jucature ca tènono ‘a faccia tosta ‘e se mettere ‘a maglietta janca e nnera d’ ‘a juventús! Me sbaglio o  nun era stato proprio ‘o signurino De La a dicere ca lle fosse piaciuto ‘nu Napule tutto ‘e napulitane? Forze se trattava ‘e n’atu bleffo, cert’è ca Totonno Di Natale ‘mmece ‘e vení a Napule addó puteva turnà a ffà cocchia cu Quaglia è gghiuto a ‘nchiaccarse a Torino! M’ ‘o veco e mm’ ‘o chiagno!

Brak

ilnapolista © riproduzione riservata