jastemma, pe Lippi ce sta
Pe Mazzarri no

Nun s’ ‘o vonno levà ‘o vizzio (Moggi o nun Moggi…) nun s’ ‘o vonno levà ‘o vizzio ‘e fà ‘e ccarte ‘e tre e ‘e ‘na manera o ‘e n’ata vonno purtà annante ‘a mariuliggia cuntinuata! Nun ce sta ‘a fà niente: chilli mammasantissime ‘e Turino (sponda janca e nnera) cu ‘na faccia tosta peggio d’ ‘o ppepierno cuntínuano a ce piglià p’ ‘o funno d’ ‘e cazune! E nnuje, chionze chionze…, ce stammo zitte!… Avévamo liggiuto ‘ncopp’ ê ggiurnale e avévamo sentuto pe televisione ca ‘a Feterazzione d’ ‘o pallone taliano aveva deciso ‘e stregnere ‘e vvite e mazzulià cu mulde e squalifiche a tutt’ ‘e jucature, allenature, massaggiature, miedece e ‘nfermiere etc. ca ‘ncopp’ê campe ‘e juoco, pe qualunque mutivo jastemmassero, giacché è overamente ‘na cosa ca fa schifo, scannalosa e ‘ndecente jastemmà ô Pataterno, â Madonna ê sante, sia ca uno nce credesse, sia ca nun ce credesse; e me spieco: si uno nce crede capisce ca fa peccato a ghiastemmà e si ‘o ffa è ffesso e fetente,; si po nun ce crere, m’avesse spiecà qua’ senzo tène a ghiastemmà a Cchi nun se penza ca c’esiste? Pirciò chi ‘o ffa e ghiastemma, si ce crede è ‘nu fesso fetente, si nun ce crede è ‘nu cuglione!
Turnammo a nnuje e cercammo d’essere cchiú chiare! Sarrà pure quistione ‘e nervatura , ‘e vattecore (tensione), ‘e stresso, ma dico io: neh, gué, ma che ce azzeccano ‘o Padreterno, ‘a Madonna e ‘e sante? E’mmece ‘a jastemma è ssempe cchiú presente ‘mmiez’ ô campo, ‘ncopp’ ê spalde, ‘mpanchina. Quaccuno prutesta, quaccuno vene pigliato a cucchiere ‘affitto ,quaccuno (si nun è d’ ‘a juventús) vene squalificato, tutte venono ripigliate d’ ‘a televisione e ffanno ‘na fijura ‘e mmerda.
Eppure ‘a jastemma ‘ncopp’ ê campe ‘e pallone ce sta, ce sta, se sente e ll’abbitudine ormaje è generalizzata! ‘Ncopp’â carta se rischia d’essere jettate â via ‘e fora,ma po realmente paricchi arbitri ‘nzerrano uocchie, naso e rrecchie soprattutto si se tratta ‘e tesserate d’ ‘a juventús e tirano annante. Del resto convinto ca ‘a jastemma è ccosa ‘e niente è ppure ‘o ct nummero uno ( d’ ‘o pallone taliano, Marcello Lippi chillu stesso ca quann’era allenatore d’ ‘a juventús addestrava ‘e suoje a ffà ‘e ppeggio fetenzie: cauce, fecuzzune, mazzate, sputazzate, pelee (provocazioni) e simulazzioni a gogò futtennosene ‘e ògne recolamento;e mmo ‘o ffa fà a cchilli profuche d’ ‘a nazziunale taliana ca ce ànno vinciuto ‘nu mundiale a bbotte cauce, fecuzzune, mazzate, sputazzate, pelee, simulazzioni fauzaríe e ‘mbruoglie assurtite ; ora mo ‘o signurino Lippi à ditto esattamente accussí: «Chi impreca lo fa piú per istinto e per rabbia, che per mancanza di fede o per offendere Dio» ‘ntervistato ‘ncopp’ô sito papanews.it.; e à raccuntato ca è capitato pure a isso, ca po è ppure ‘e Viareggio, e «in Toscana la bestemmia è quasi utilizzata come un intercalare, ma è stato un attimo e non per astio verso Dio. Perciò io non trasformerei in un dramma le bestemmie di un giocatore o di un tecnico, c’è di peggio».Nun saccio qual è ‘stu ppeggio, ma nun stento a credere ca è overo, ma però Lippi avesse ‘a capí ca s’êsse ‘a cercà ‘e accunciarle ‘e ccose e nno ‘e aggravarle mettenno uoglio ‘a copp’ ô peretto. Ma Lippi chesto nun ‘o capisce; tène ‘a capa pe spartere ‘e rrecchie e ggià anne fa, ‘o ct campione d’ ‘o munno dichiaraje: «La bestemmia è cultura, un modo di parlare nostro toscano ». Aveva appena jastemmato doppo ‘nu gollo pigliato preso dâ Slovenia. I’ nun me saccio decidere, vedite vuje: è cchiú ffesso fetente o cchiú cu….? Ma qua’ cultura e cultura me va ammaccanno Lippi?Fosse comme dice isso, tutte ‘e tuscane avessero ‘a jastemmà comme a tturche. E nun è accussí; presempio Mazzarri è d’ ‘a pruvincia ‘e Livorno ma maje è stato cuoveto a ghiastemmà… Pecché è ‘na perzona perbene e nno ‘nu fetente! ‘A jastemma è ‘na cosa sbaggliata assaje, è rrobba ‘e arrobbagalline, banchiere (pettegoli), chiachielle (sciocchi),cugliune,scauzune, spogliampise,tarcenale (gaglioffi), vrinzule (cenciosi) e vurzacchiune(birboni), ato ca ‘e ggente saputa e educata!
E comunque ‘o fatto serio è n’ato: tutte chille ca ghiastemmano ‘a quanno è asciuta ‘a decisione ‘e stregnere ‘e vvite s’ ‘a stanno passanno sporca; tutte meno naturalmente ‘e figlie d’ ‘a gallina janca e nnera!… Cumminfatte Buffon (…’o meglio purtiere d’ ‘o munno (prrr,prrr)n.d.r. )piglia ‘nu gollo pe bbia ‘e ‘na papera grossa comme a ‘na casa, se ‘ncazza, fa scennere ‘o paraviso ‘nterra: tutte ô vedono, ô sentono, ô fanno ‘a ripresa cu ‘a televisione, ma nun succede niente e isso se ne jesce comme a ccicero ‘ncopp’â cucchiara…; ancòra, a ffrisco a ffrisco, Del Piero vène sostituito, se ‘mparulea cu Zaccheroni, se ‘ncazza, jastemma malamente, tutte ô vedono, ô sentono, ô fanno ‘a ripresa cu ‘a televisione, ma nun succede niente e isso se ne jesce comme a ccicero ‘ncopp’â cucchiara…
E se capisce! So’ tutt’ e dduje figlie d’ ‘a gallina janca e nnera, so’ ffiglie d’ ‘e mammasantissime piamuntese,
ca mo (ca è trasuto dint’ô bbrecco n’atu pecuriello nummato Andrea Agnelli figlio me pare ‘e Umberto e nepote d’ ‘a bonanema avv.to Giovanni)aumentano ‘e ddose… Nun se ne po’ cchiú: tengo ‘o vveleno fino a ‘mpont’ô musso… Pussibbile c’âmm’ ‘a suppurtà cierti preputenze eternamente?

<strong>Raffaele Bracale</strong>

ilnapolista © riproduzione riservata