Mazzarri avverte:
“Attenti ai calci piazzati”

Una sfida da prendere in grande considerazione. E non stiamo scherzando. Non facciamoci ingannare dal nome Catania, la città in cui sant’Agata sta all’Etna come San Gennaro al Vesuvio e cannoli e babà camminano a braccetto. Nel girone di ritorno è la terza forza del campionato. Ha collezionato 20 punti in 11 partite con 5 vittorie, 5 pareggi e una sconfitta. Dunque i dati prima delle emozioni. E allora la carica di Mazzarri: “E’ la partita più importante dell’anno, un esame fondamentale per il nostro futuro. Sapete che non uso mai questi aggettivi, ma questa volta è così, altrimenti vanifichiamo la splendida vittoria contro la Juventus. Siamo in una buona posizione di classifica, serve continuità per non rovinare tutto”. Mascara, Martinez, Maxi Lopez e Ricchiuti stelle di una squadra rivitalizzata da Mihajlovic che verrà a Napoli per vincere, anche perché non ha nulla da perdere e ha il solo compito di togliersi qualche sfizio. Davanti tornano i tre che dalle stalle sono saliti alle stelle. “Lavezzi è tornato al top della forma, ma anche Quagliarella si è sciolto dopo il gol, l’ho visto più libero. Stesso discorso per Hamsik. Averli recuperati al massimo è fondamentale nel finale di campionato”. Il tecnico toscano è preoccupato anche dal fatto che la battaglia juventina ha concesso un giorno di recupero in meno rispetto al match del Catania disputato mercoledì. “Sto parlando con tutti quelli che hanno giocato giovedì, mi dovranno dire come si sentono. Chi non è al top, me lo deve dire. E’ una grande prova di maturità della squadra, voglio un coinvolgimento totale da parte loro”. Avanti con un minitorneo di otto partite in cui si assegna la Champions: “Le prime tre ormai si sono staccate, noi dobbiamo dare il massimo e poi tiriamo le somme. Il nostro pubblico lo ha capito e ci sarà accanto perché apprezzano un gruppo che dà sempre l’anima in campo”. Attenti ai calci piazzati, Chiellini insegna: “Abbiamo ripreso con il gioco la partita con la Juventus, ma quel gol è stata una grave disattenzione”. Fuorigrotta pieno? “Mi garba”.

ilnapolista © riproduzione riservata