I numeri straordinari del Napoli di Ancelotti

Tra campionato e Champions, il rendimentro è migliore rispetto a un anno fa: 47 punti in 22 partite giocate, più gol su azione e le rotazioni di Ancelotti.

I numeri straordinari del Napoli di Ancelotti

Una grande stagione

Pubblichiamo sotto forma di articolo un thread scritto su Twitter da Napoli Outsider. Qui il link al suo profilo.

L’anno scorso il Napoli fece la sua miglior partenza di sempre: 39 punti in 16 giornate. Quest’anno sono 38, giusto per mettere in contesto. Solo 1 in meno, col nuovo allenatore. La media fa 90 sulla stagione completa. Ma c’è di più: dal cambio di modulo, ossia da quando giochiamo “alla Ancelotti”, il Napoli è in media per fare 94 punti. Il problema per il distacco in campionato va ricercato nell’incredibile andamento della Juventus.

Considerate anche le sei giornate di Champions League, l’anno scorso il Napoli mise insieme 45 punti in 22 partite. Quest’anno sono 47 (con un girone più duro). È una squadra che sta progredendo. Lentamente ma con passo certo.

Il Chievo e la Juventus

Una curiosità: l’anno scorso all’andata il Napoli perse punti con la Juve (sconfitta) e col Chievo (pari). Stesso discorso quest’anno, però a campi invertiti: sconfitta allo Stadium con i bianconeri, pareggio al San paolo contro i veronesi. Poi 0-0 in casa con la Fiorentina e quest’anno con la Roma. L’andamento in campionato resta su grandissimi livelli.

Il gap adesso si amplierà, perché l’anno scorso il Napoli ha infilato 10 vittorie di fila a partire da questo punto, mentre le prossime 10 in calendario sono durissime. Però in teoria la squadra di Ancelotti dovrebbe essere più fresca per le ultime 12 di campionato, quando un anno fa la media punti crollò verticalmente. E per le coppe, certo. Per ora il Napoli sta tenendo il ritmo di un anno fa nel periodo migliore. Ma appunto le rotazioni dovrebbero assicurare più competitività sugli altri fronti e soprattutto di durare anche in Primavera. Non me lo aspettavo già al primo anno di Ancelotti, sinceramente.

Un dato sui gol fatti: quest’anno il Napoli è a quota 25 su azione (non considera il contropiede) e siamo in ritmo per chiudere a 59. Un anno fa ne facemmo 48 su azione. Dal cambio di modulo solo la Juve difende meglio. Tutto questo per dire cosa? La squadra di Ancelotti sta disputando una grande stagione, gioca come una delle prime 7-8 squadre al mondo. Il problema è che di quelle 6-7 che sono state davanti al Napoli in questo inizio stagione, ce n’erano due nel girone di CL e una gioca in Serie A. Bisogna sempre tarare i risultati.

Il futuro

In tutto questo, l’allenatore sta anche capendo chi possa rientrare nel progetto (Maksimovic) e chi invece andrà cambiato (Hysaj, per esempio). Al Napoli possiamo e dobbiamo chiedere di continuare a crescere. I passi saranno necessariamente piccoli e lenti, ma sono costanti. E davvero, per chi non può andare a comprarsi un Ronaldo o un Modric, questo è l’unico modo. Per ora è una grande stagione. Ma ricordatevelo negli inevitabili giorni di pioggia che ci saranno.

ilnapolista © riproduzione riservata