Ancelotti: «Abbiamo mostrato carattere»

Ancelotti a Sky dopo Napoli-Bologna: «Noi non abbiamo chiesto la sospensione della partita di Milano, piuttosto la sospensione temporanea da protocollo».

Ancelotti: «Abbiamo mostrato carattere»

L’intervista a Sky

Carlo Ancelotti intervistato da Sky al termine di Napoli-Bologna: «Bisogna considerare che siamo in un periodo particolare della stagione. Tante squadre giocano un calcio non esaltante, anche noi non abbiamo fatto una grande partita, non siamo riusciti a tenerla sotto controllo. Loro hanno giocato in maniera aperta, così le nostre difficoltà sono aumentate. Abbiamo mostrato carattere, altrimenti non si vinceva».

Il bilancio alla fine del girone d’andata: «Siamo in linea con quello che volevamo fare. Il girone d’andata è ottimo, abbiamo 44 punti e sono tanti. Siamo più vicini al primo posto che al quinto, certo le cifre della Juventus annacquano un po’ la percezione. In Champions abbiamo fatto il possibile, ma sono convinto che questa squadra vada a migliorare. E debba migliorare».

«Ho trovato un bell’ambiente, c’è un gruppo sano, modesto, serio, professionale. In questo modo il mio lavoro è agevolato. Abbiamo cambiato qualcosa rispetto all’anno scorso e i ragazzi hanno risposto bene. Abbiamo un gruppo già formato – Callejon, Insigne, Mertens -, e poi ci sono altri calciatori che devono ancora formarsi. Milik, ad esempio: ha dimostrato di essere un grande attaccante, non dimentichiamo che ha praticamente saltato due stagioni».

Ancelotti e il mercato: «Noi abbiamo 21 giocatori e tre portieri, siamo una squadra completa. La gestione è complessa, non arriva nessuno e non va via nessuno».

Il Bologna: «Non mi sembra una squadra in disarmo, ha delle idee molto chiare. Oggi ci ha creato dei problemi che altre squadre non sono riuscite a farci patire al San Paolo».

Inter-Napoli: «Noi non abbiamo chiesto la sospensione della partita di Milano, piuttosto la sospensione temporanea da protocollo. Se ci fossimo fermati, l’errore non sarebbe stato nostro».

 

ilnapolista © riproduzione riservata