Mourinho: «C’è stata una caccia all’uomo contro di me»

Ai media dopo la vittoria sul Newcastle: «Quel che è successo in questi giorni mi rende una persona migliore non solo un manager migliore»

Mourinho: «C’è stata una caccia all’uomo contro di me»

La rimonta sul Newcastle

Il Manchester United ha vinto al 90esimo, in rimonta, contro il Newcastle. Perdeva 2-0, ha vinto 3-2. Mourinho non ha rinunciato allo show dopo il trattamento mediatico ricevuto nelle ultime settimane. Queste le sue risposte a BT Sport

«Stasera vado a Londra stasera. Se domani pioverà, la colpa sarà mia. Se c’è un problema con Brexit, la colpa è mia».

«In queste condizioni non è facile per i giocatori. Oggi eravamo nel panico all’inizio. Ogni palla la buttavamo in area, ho pensato che potessimo fare autogol. Per me non è facile, ma penso che la vita sia fatta di esperienze. Alcuni sono nuove e altre sono invece dei deja vu».

«Posso convivere con questo clima, alcuni ragazzi non so»

«Ho 55 anni. È la prima volta che vedo la caccia all’uomo. Io posso conviverci. Alcuni ragazzi non so, nonostante non siano loro a essere la preda»

«Quel che è successo in questi giorni, è nuovo. Mi rende non solo un manager migliore, anche una persona migliore. Capisco come funzionano le cose al giorno d’oggi e nel settore in cui lavoro; mi piaceva, lo amo ancora ma è diverso».

«C’è troppa malvagità in qualcosa che invece dovrebbe essere bello. Lo affronterò con un po ‘di tristezza. Sono maturo. Nessuno è importante, solo il club lo è. Nel secondo tempo i giocatori hanno dato assolutamente tutto, non avevano più niente da dare».

 

ilnapolista © riproduzione riservata