Repubblica: «Napoli, 785 passaggi per nulla, era una sfida da vincere»

La cronaca parte da un dato eloquente rispetto al dominio del Napoli a Belgrado: «Eppure, la squadra di Ancelotti non è riuscita a rompere il ghiaccio».

Repubblica: «Napoli,  785 passaggi per nulla, era una sfida da vincere»

La cronaca da Belgrado

Repubblica scrive di Stella Rossa-Napoli con un titolo autoevidente, eloquente rispetto all’andamento della partita: «Napoli, 785 passaggi per nulla: Ancelotti ricomincia a metà». Vero, tutto vero: il dato dei passaggi effettuati scandisce il ritmo della delusione per un match dominato ma non vinto, e che era fondamentale nell’economia del girone.

Il pezzo si apre con la descrizione dell’ambiente: «La Stella Rossa è stata tenuta in partita – al di là dei suoi limiti tecnici – dal tifo incessante dello stadio Marakana, vestito a festa per il ritorno dei campioni di Serbia nella élite internazionale. Le insidie maggiori sono state di natura ambientale. Anche se il tifo dei 55 mila è stato molto corretto e non c’è stato lavoro per l’imponente servizio d’ordine».

Il resto è il racconto di una partita dominata dal Napoli. La squadra di Ancelotti, però, ha vissuto «il problema di rompere il ghiaccio, oltre la sua superiorità tecnica. Del resto, i serbi sono stati arroccati nella loro metà campo, oltreché bloccato dalla comprensibile emozione. Certo, c’è stata anche una robusta dose di sfortuna sulla traversa iniziale di Insigne. E pure a causa della scarsa cattiveria sotto porta di Milik. Non sono bastati 785 passaggi in 90 minuti, i lampi di classe di Zielinski e il bel debutto di Fabian per ammutolire il pubblico del Marakana. Il bunker della Stella Rossa ha tenuto, anzi la difesa della Stella Rossa è diventata più convinta e compatta con il passare dei minuti. Quella di Belgrado era una sfida da vincere».

ilnapolista © riproduzione riservata