Il Napoli che perde contro la Juventus è lo stesso che vince contro il Parma

Juventus-Napoli, la partita non guardata: la squadra di Ancelotti può solo migliorare, le sicurezze acquisite non bastano ancora contro i bianconeri.

Il Napoli che perde contro la Juventus è lo stesso che vince contro il Parma

Il trasloco

Questa è stata una settimana un po’ particolare, non per le due partite, ma per me. Mi sono trovato in mezzo al trasloco esattamente mentre il Napoli batteva il Parma, con estrema facilità, mercoledì sera. Ho gioito mentre aprivo scatole di libri, e non ho potuto scriverne perché non sapevo nemmeno dove fosse il computer.  Ho mandato un messaggio al direttore, scrivendo che avrei saltato il pezzo, mio malgrado.

Il Napoli mercoledì scorso è stato perfetto, così come lo è stato nelle due partite precedenti. Ho creduto che il Napoli andasse a Torino a fare la partita, a giocarsela, così come si fa tra squadre forti, a vincerla o a perderla, come succede; è andata così. Se siamo osservatori attenti ci accorgiamo che il Napoli che batte il Parma è lo stesso che perde con la Juventus, non parlo di calciatori o di tattica, parlo di un certo modo di stare in campo. Il Napoli gioca con sicurezza e ci prova, col Parma quella sicurezza vale novanta minuti, con la Juve ne vale trenta. Col Parma vinci, con la Juve perdi. La differenza per ora la fa la personalità della Juve. Battere la Juve la prossima volta, vincerne il più possibile dipenderà dal Napoli, sono ottimista.

La piscina riscaldata

Quando trasloco faccio sempre la conta dei libri, scopro di averne ancora alcuni che credevo di aver eliminato nei traslochi precedenti e non ne trovo altri che credevo di avere. Saranno più i romanzi di Roth o quelli di McCarthy? E più di Barthelme o più di Malamud? E tra Carver e DeLillo chi è in vantaggio? Faccio finta di farli gareggiare ma poi vince sempre Joe R. Lansdale, scrittore che amo molto, e molto più prolifico degli altri. Lansdale sa farti divertire e sa come spaventarti, sa mischiare umanità e desolazione, sa come farti smarrire in un bosco o dentro a una palude, e sa come venire a salvarti. Il Napoli per me è come i libri di Lansdale.

Stasera si chiude un paragrafo in cui i cattivi hanno fatto un’ottima mossa e sembrano avere i buoni in scacco. Ma non siamo nemmeno al decimo capitolo. Già nelle prossime pagine troveremo i protagonisti – i nostri, i buoni – che staranno ridendo sopra le ferite, fumando e bevendo, bestemmiando ma pronti a vendere cara la pelle. Il Napoli da oggi prepara le mosse, mette il piede dentro i capitoli successivi, il romanzo è ancora lungo. Il Napoli è come Hap Collins e Leonard Pine, i due personaggi stupendi di molte delle storie di Lansdale. Meravigliosi. Hap è quello delle frasi celebri, in Una coppia perfetta (Einaudi, trad. Luca Briasco) dice:

Fare un paio di round in palestra è come nuotare in una piscina riscaldata, mentre picchiarsi sul serio è come venir gettati in un oceano in tempesta, infestato dagli squali.

Il campionato non è una piscina riscaldata, non  è un’ora di palestra, non è una passeggiata; forse giocarselo è davvero come venir gettati in un oceano in tempesta. Ci sono gli squali? Lo scopriremo solo nuotando. Possiamo continuare a nuotare bene, con la testa fuori dall’acqua o nuotare a casaccio, boccheggiando, respirando male. Secondo me il Napoli nuota bene, non ancora benissimo, ci ha detto la partita di ieri, ma può migliorare.

La partita è finita al secondo gol

Chiudo questo pezzo ancora in mezzo alle scatole, saltano fuori altri libri e cose a caso mentre guardo gli highlights. La partita di ieri forse si è decisa prima dell’espulsione di Mario Rui, si  è decisa quando la Juve ha raddoppiato, all’inizio del secondo tempo. Quel gol è una leggerezza difensiva. Di sicuro Ronaldo fa un bel tiro, ma Mandzukic non è spuntato dal terreno, era semplicemente lì al suo posto. Dimenticarselo è grave. Mi conforta che il Napoli in dieci ci abbia provato e abbia fatto dieci minuti notevoli. Bellissima l’azione che ha portato Calle vicino al pareggio.

Stasera finisce solo il week-end, come tutte le settimane, il campionato è appena iniziato.

 

ilnapolista © riproduzione riservata