Crosetti: “Quanto si diverte il Napoli di Ancelotti che sabato incontra la Juve che lo trattò malissimo”

Su Repubblica elogia il nuovo corso degli azzurri: «Carletto invita anche noi a non agitarsi e butta dentro un giovane sconosciuto come Luperto»

Crosetti: “Quanto si diverte il Napoli di Ancelotti che sabato incontra la Juve che lo trattò malissimo”
Foto Ssc Napoli

Il 4-4-2

C’è ovviamente anche il Napoli di Ancelotti nell’analisi del lunedì di Repubblica firmata Maurizio Crosetti.
“Perché c’è una squadra che si sta divertendo da morire, e questa squadra è il Napoli. Contro il Toro, che non si è mai visto, si è vista invece la prima matrice di Ancelotti, la prima copia di stampa. Senza sbavature d’inchiostro, leggibilissima”.
L’analisi prosegue dal punto di vista tattico:

“Intanto, il modulo: il 4-4-2 rende l’idea di una maggiore protezione, è la coperta di Linus di un Napoli che non si scopre più. E poi Mertens e Verdi sembrano giocare insieme da dieci anni, si annusano di continuo, si cercano e si vedono al buio, mentre Insigne si aggira in posizione più centrale e questo non gli vieta di segnare due volte. Una festosa, colorata girandola in mano al bambino Carletto che invita a non agitarsi, non si agita lui e non dobbiamo – dice – agitarci neppure noi”.

Crosetti scrive che “il Napoli prende forma, butta dentro un giovanotto poco conosciuto come terzino sinistro, Sebastiano Luperto. L’inizio del Napoli a Torino è stato sfolgorante, e sabato proprio a Torino chiuderà la settimana, sul campo della più illusoria vittoria della sua vita recente. Per Ancelotti sarà il ritorno contro la squadra e la città che lo trattarono malissimo: Del Piero si ruppe, Carlo non vinse lo scudetto e la Juve lo mandò via a furor di popolo, perché il popolo pesa”.

ilnapolista © riproduzione riservata