Corsera: «Dazn migliora, per Napoli-Milan il gruppo Perform avrebbe aumentato gli investimenti»

Il problema dei Cdn, i server per la distribuzione dei dati, sarebbe stato attenuato da un ulteriore intervento economico di Dazn.

Corsera: «Dazn migliora, per Napoli-Milan il gruppo Perform avrebbe aumentato gli investimenti»

Alleviare i singhiozzi

La seconda meglio della prima. Quantomeno non è stata una tragedia, dopo un esordio davvero complicato. Il Corriere della Sera racconta la seconda settimana di campionato Dazn, e il big match tra Napoli e Milan vissuto in streaming. Il picco toccato dai server durante Sassuolo-Inter era stato di 440mila dispositivi, e non era stato gestito benissimo. Per il match del San Paolo «non sono mancate lamentele: c’è chi ha fatto fatica a entrare nel suo profilo, chi si è perso la zampata di Bonaventura al 15’ del duello fra Ancelotti e Gattuso e chi si è dovuto arrendere a qualche rallentamento o blocco di troppo. Però la sensazione è che ci sia stato un miglioramento».

Il problema – come scritto dal Fatto Quotidiano in un lungo pezzo di approfondimento – si farebbe risalire alla posizione dei Cdn (content delivery network). Ora che la situazione è leggermente progredita, potrebbe essere merito di nuovi investimenti del gruppo Perform. Almeno questa è la versione del Corsera: «In soldoni: i britannici avrebbero messo mano al portafoglio in corsa per poter contare su un’infrastruttura migliore. Paolo Cremonesi, docente di Computer Science del Politecnico di Milano sottolinea inoltre come Dazn potrebbe aver sottostimato quanto sarebbe poi accaduto in fase di iscrizione e login: “Tipicamente i tifosi si collegano tutti nello stesso momento e il sito può andare in crash. Risolvere questo problema è relativamente più facile, basta affidarsi a un sistema più potente”».

Dalla prossima settimana, potremmo saggiare la reale crescita del servizio, quando Dazn trasmetterà Parma-Juventus. Cristiano Ronaldo è un’attrattiva mediatica al di là del tifo, le connessioni saranno tantissime, e da tutta Italia. Ne sapremo di certo qualcosa in più.

ilnapolista © riproduzione riservata