ilNapolista

Higuain è diventato un peso, andrà al Milan (in prestito)

La Gazzetta racconta la parabola di Higuain, diventato merce di scambio sull’asse Milan-Juventus. Diventerà rossonero con una formula cervellotica.

Higuain è diventato un peso, andrà al Milan (in prestito)

L’articolo della Gazzetta

La strana parabola italiana di Gonzalo Higuain ora si dirige verso il basso. La Gazzetta dello Sport racconta la doppia trattativa Juve-Milan per Bonucci e Caldara, poi chiarisce che anche Higuain, alla fine, diventerà rossonero. Con una formula originale: prestito oneroso (20 milioni) con obbligo di riscatto a 35. Mentre lo scambio Bonucci-Caldara potrebbe essere chiuso praticamente alla pari, con grossa delusione del pubblico juventino.

Detto questo, torniamo ad Higuain, alla sua figura più che altro. L’attaccante argentino viene definito «un peso» dai titolisti della Gazzetta, al’interno del pezzo si legge di come la Juventus «debba monetizzare al massimo la cessione di un calciatore che è diventato un problema». Il punto è economico prima che tecnico, il club bianconero deve coprire il maxi-investimento fatto per Ronaldo e allora deve letteralmente liberarsi dell’ex centravanti del Napoli. Che sembrava potesse interessare al Chelsea dell’ex maestro Sarri, solo che da Londra non è mai arrivata l’offerta attesa da 60 milioni di euro. Idem per Rugani, ma questo è (ancora) un altro discorso.

Pagato 90 milioni nell’estate 2016, Higuain avrebbe dovuto essere rivenduto a 55 per evitare minusvalenze di bilancio. Un’idea che, secondo la Gazzetta, non stuzzicava per niente i dirigenti della Juventus. Anzi, «non avevano la minima intenzione di un segno meno nei conti». E allora ecco la soluzione-Milan, con i rossoneri che nel frattempo hanno limato le distanze sulla richiesta d’ingaggio dell’argentino. I 7,5 milioni percepiti nelle due stagioni a Torino sono sensibilmente più vicini. Higuain, quindi, è pronto a sbarcare al Milan. In prestito. Da vero e proprio “peso”. Lo scrive la Gazzetta, giusto per gradire.

ilnapolista © riproduzione riservata