Gazzetta: Sabaly visitato a Milano, Ochoa aprirebbe al Napoli il mercato messicano

Ultimi test per verificare le condizioni del terzino senegalese, uscito malconcio dal Mondiale. Ochoa vuole Napoli, ma solo a titolo definitivo.

Gazzetta: Sabaly visitato a Milano, Ochoa aprirebbe al Napoli il mercato messicano

I tasselli che mancano

Recap di calciomercato della Gazzetta dello Sport in edicola, e virata ormai decisa sui nomi che sembrano più vicini al Napoli. Ovvero Youssouf Sabaly e Guillermo Ochoa. Anche la rosea conferma l’indiscrezione delle visite mediche “segrete” per il terzino del Bordeaux, 25 anni, reduce dal Mondiale col Senegal. Proprio in occasione dell’ultima sfida in Russia, Sabaly ha riportato un infortunio al ginocchio che sta rallentando gli ultimi step della trattativa. Da qui i test medici prima di chiudere l’affare con il club francese, per circa 15 milioni di euro. Una cifra in cui rientrerà anche un premio di valorizzazione per il Psg, nel cui vivaio Sabaly è cresciuto. Ed è stato notato da Ancelotti.

La scelta di acquistare Sabaly nasce dalla volontà di tenere libera la casella degli extracomunitari. Perché il Napoli vorrebbe tesserare Guillermo Ochoa, portiere messicano dello Standard Liegi. La Gazzetta spiega che si tratta di una scelta tecnica, ma anche puramente commerciale: «Un trasferimento intrigante per De Laurentiis, Ochoa gode di un’ottima immagine in Messico e l’idea di promuovere il merchandising del Napoli in un mercato così forte e inesplorato stuzzica molto il club partenopeo. Tra l’altro, Ochoa vanta un’importante esperienza internazionale, un parametro utile ad Ancelotti in attesa del recupero di Alex Meret». Sempre su Ochoa, il Corriere del Mezzogiorno spiega come il Napoli abbia chiesto allo Standard Liegi il prestito dell’estremo difensore. Una richiesta respinta, anche per motivazioni contrattuali: «Per realizzare un’operazione di questo tipo, Ochoa dovrebbe prima rinnovare con lo Standard Liegi. Invece, ha già comunicato alla sua società di voler accettare la corte del Napoli, ma solo a titolo definitivo».

ilnapolista © riproduzione riservata