Gazzetta: Ancelotti parlerà di Benzema con De Laurentiis, problemi per Lainer

Il quotidiano in rosa tiene ancora calda la pista che porta a Benzema, anche se servirà «un investimento senza futuro, per il Napoli».

Gazzetta: Ancelotti parlerà di Benzema con De Laurentiis, problemi per Lainer

Questione di scelte

La Gazzetta continua a considerare valida, quantomeno possibile, la corsia di mercato che porta il Napoli verso Karim Benzema. Lo fa per una questione di scelte, tattiche e numeriche, di Carlo Ancelotti. Che rivedrà Giuntoli e De Laurentiis in settimana e spingerà per l’acquisto del centravanti del Real Madrid. Secondo la rosea, Ancelotti «vuole rendere più omogenea la fase offensiva del Napoli. Le modalità del suo gioco prevedono un attaccante possente, che sappia garantire gol e fisicità negli ultimi sedici metri.Il Mondiale di Arek Milik non è stato esaltante, ma di lui si ricorda un finale di stagione a buoni livelli, considerato le poche volte che Sarri lo ha impiegato dal primo minuto. L’impressione, poi, è che l’allenatore voglia riportare Mertens sulla fascia».

Di conseguenza, cambia la situazione numerica del reparto d’attacco: «Ci sono Verdi più la vecchia guardia, rappresentata da Callejon, Mertens, Milik e Insigne. Ma in organico ci sono pure Ounas, Younes al momento infortunato (rottura del tendine di Achille: recupero stimato in 6 mesi) e Roberto Inglese, ingaggiato a gennaio scorso dal Chievo e che potrebbe essere rimesso
sul mercato se dovesse, appunto, arrivare Benzema». Un tipo di operazione che cambierebbe di molto il modello imposto da De Laurentiis: «Sarebbe un investimento senza futuro, Benzema compirà 31 anni a dicembre e chiuderebbe un eventuale triennale a 34 anni».

I costi dell’operazione

Secondo la Gazzetta, il Madrid valuta 50 milioni il calciatore, con cui avrebbe discusso l’ingaggio. Karim, in Spagna, guadagna 8,5 milioni e difficilmente si accontenterebbe di meno. «A questo
punto – spiega la rosea – potrebbe essere necessaria la mediazione di Carlo Ancelotti. I due sono stati insieme ndal 2013 al 2015, quando l’allenatore sedeva sulla panchina dei blancos. In quel periodo, l’attaccante francese è stato uno dei giocatori inamovibili nei suoi schemi».

Infine, la Gazzetta racconta di alcuni problemini per chiudere la trattativa-Lainer. Accordo raggiunto tra il Napoli e il calciatore, ma manca l’intesa con la società austriaca: «Il problema è sul prezzo del cartellino, Cristiano Giuntoli è fermo alla sua prima offerta, cioè 10 milioni di euro. Una cifra che sembrava aver soddisfatto il Salisburgo, ma qualcosa è cambiato in un giorno, perché al diesse napoletano è stata recapitata una nuova richiesta di 12 milioni». Aggiornamenti nelle prossime ore.

ilnapolista © riproduzione riservata
  1. Raffaele Sannino 2 luglio 2018, 12:04

    Una visione completamente distorta delle strategie societarie.I 31 – enni sono già presenti in organico,si vendono Mertens ed Hamsik e con il ricavato si acquista Benzema.Sommando i loro stipendi si paga il francese.L’operazione è fattibile,sempre che il calciatore accetti Napoli.

    • dino ricciardi 2 luglio 2018, 15:47

      Raffaele,mettiamoci una pietra sopra,non è alla nostra portata.
      Guadagna 8.5 ML netti a stagione e non è il tipo che si abbassa l’ingaggio visto la vita che gli piace fare.
      Anche se gli dai 8,5 ML saltano gli equilibri nello spogliatoio.

      • Raffaele Sannino 2 luglio 2018, 17:12

        Ma quali equilibri?L’unico che potrebbe parlare è Insigne ,il cui contratto è ancora lungo.E se esagera,la porta la conosce.

    • Ma sempre che si riesca a sbolognare il capitano di mille battaglie (di retrovia)…

    • Mario Fabrizio Guerci 3 luglio 2018, 11:57

      a parte Hamsik che è come la sora Camilla(tutti lo vonno e nessuno sa piglia..)
      ma privarsi di Mertens,non so…

  2. Benzema è un calciatore fuori target. Ancelotti se ne facesse una ragione.

    • Ancelotti se ne farà una ragione grazie ai 6,5 milioni annui che guadagna. Poi l’anno prossimo sfanculerà il tuo adorato ADL e noi saremo punto e da capo, Benitez docet

    • Mario Fabrizio Guerci 3 luglio 2018, 11:59

      ma credo che lo sappia moolto bene..!

  3. dino ricciardi 2 luglio 2018, 10:26

    Eh Carletto è un allenatore fortunato.
    Con l’austriaco se scansat nu bell cuopp 🙂

    • dobbiamo sempre vedere quello dopo….pare si voglia rinnovare Maggio

      • ho letto…. secondo me Ancelotti si dimette… 😉

      • dino ricciardi 2 luglio 2018, 15:35

        La mia era solo una battuta ma solo perchè penso che l’austriaco non è pronto per il nostro campionato.
        E arrivato a 26 anni giocando contro squadrette del campionato austriaco e giocando in coppa contro altrettando squadrette,ha giocato si e no 4..5 partite di livello negli ultimi turni in coppa,un po troppo poco.
        Allora davvero mi tengo Maggio.

        • giancarlo percuoco 2 luglio 2018, 18:49

          maturo e inesperto di alti livelli, mi andrei a prendere Letizia poi.

        • sisi ma l’avevo capito, e che mi sono immaginato la scena di Ancelotti che scarta il pacco e si ritrova di nuovo Maggio con un fiocco in testa

    • Mario Fabrizio Guerci 3 luglio 2018, 12:00

      lo penso anche io.Il dopo Garics…😁

Comments are closed.