VIDEO – Napoli-Torino, Carlo Alvino minacciato al San Paolo: «Spegni tutto e vai via»

VIDEO – Durante le sue interviste prepartita ai tifosi, Alvino è stato fermato da alcune persone (evidentemente napoletane) che l’hanno minacciato in diretta.

VIDEO – Napoli-Torino, Carlo Alvino minacciato al San Paolo: «Spegni tutto e vai via»

Il video in diretta

Brutto, bruttissimo episodio all’esterno dello stadio San Paolo prima dell’inizio di Napoli-Torino. Impegnato nelle sue interviste prepartita ai supporter azzurri, Carlo Alvino è stato avvicinato da alcuni uomini (che parlavano il dialetto napoletano) che l’hanno minacciato in diretta tv. Il giornalista di Tv Luna è stato tirato mentre parlava con un tifoso, e queste sono le parole che si capiscono dalla registrazione: «(in napoletano) Non ti picchiamo perché non vogliamo far. Ma ora devi spegnere tutto e devi andare via. Vai via ora, vai via ora». Sotto, il video del canale Youtube All Goals.

Ovviamente, l’intera redazione del Napolista sostiene Carlo Alvino e il suo lavoro di reporter.

ilnapolista © riproduzione riservata
  1. Caro Napolista, però nell’articolo non scrivete il perché dell’aggressione!
    E non capisco il motivo.
    Il povero giornalista avrebbe la grave colpa di aver dato voce ad ADL
    Si può dire?

  2. Rassegnatevi, Aurelio non è come Andrea, non si passa.

  3. C’è il filmato, si vedono i ceffi e non c’è bisogno di cercare prove. La matrice dei personaggi è proprio quella a cui stiamo pensando tutti.
    Evidentemente ADL non li ha soddisfatti in qualche loro richiesta e parlano a nuora perché suocera intenda.
    Sia chiaro che, con tutte le critiche che rivolgo al Presidente e a Carlo Alvino, sono dalla loro parte per tutta la vita. Invito tutti i tifosi del Napoli a manifestare la loro solidarietà al giornalista in tutti i modi e con tutti i mezzi possibili.

  4. White Shark is still here 6 maggio 2018, 18:22

    Qualche istante fa, Alvino in diretta ha detto che c’è stato un chiarimento nel segno dell’amore comune per il Napoli con quei “signori”.
    La faccia purtroppo sembrava dire altro. L’ho visto turbato.
    Ora il personaggio può piacere o meno, ma mi auguro che le autorità vadano a fondo della questione.

  5. episodio deprecabile che spero venga punito da chi di dovere.

  6. dategli i biglietti gratis e le trasferte pagate e vedrete che si calmeranno.

  7. Ecco che succede quando un tecnico fa il capopolo e i giornalisti spalleggiano certi atteggiamenti criticando il club a prescindere in modo malizioso e sporco da ANNI.

    • White Shark is still here 6 maggio 2018, 20:12

      Spiega. Cosa c’entra Sarri con sti pendagli da forca?

    • Hai ragione, secondo me pure le stese oramai quotidiane sono colpa del tecnico capopolo. Pure perché se no non si spiega come sia stato possibile un atteggiamento del genere da parte di persone tradizionalmente dedite alla filantropia. Siete identici a loro solo che la vs violenza è verbale.

    • Dici che é colpa di Maran? A me quanto successo al Chievo é sembrato gravissimo!

    • Quindi se un domani dovessere succedere qualcosa ad un giornalista antisocietario o filosarri dovrei ritenerti mandante morale? Ma quale capopolo? Ma hai sentito le sue interviste nel`postpartita? Ha fatto di tutto per buttare acqua sul fuoco e per spegnere tutte le possibili polemiche. Chi porva a fare il capopolo e De LAurentiis, ma é un gioco rischioso quando il pubblico non sta dalla tua parte, nonostante lo sforzo dei media.

      • Butta acqua sul fuoco ora che se ne va. Da quando è andato via Higuain ne ha dette di cotte e di crude, dalla società che non lo aiuta, alla juve che ha 90 milioni in meno e tre punti in più e cosi via. L’ho detto io che qui si ha la memoria corta. Sarri avesse mai detto qualcosa di buono sul Napoli in tre anni, perché gli piace essere riconosciuto come mito popolare più delle altre cose. Per altro non venendo mai criticato ha potuto gestire la rosa come voleva, tanto la colpa è sempre d’o pappone.

  8. La cosa più orrida tra l’altro è che è stato fatto davanti a bambini e disabili.

  9. Signori e signori ecco a voi la città di Napoli… Intimidazilne, chiedere permesso per salutare qualcuno, se i bambini voglio salutare fateli salutare… Mio nipote voleva un cavalluccio rosso…

  10. Gennaro Russo 6 maggio 2018, 17:45

    Di chi fanno gli interessi? Chi c’è dietro ? In un paese civile, sarebbero gia’ stati presi e buttati in un carcere a marcire per sempre.

  11. giancarlo percuoco 6 maggio 2018, 17:37

    feccia.

  12. Jacopomartino 6 maggio 2018, 17:28

    Mi è stato detto che sia vietato filmare sia in curva che fuori, per volontà di certi loschi esponenti… d’altra parte sono presenti come sempre in tutte le tifoserie, noi NON SIAMO MIGLIORI

    • E’ successo anche recentemente uno strano episodio che ha convolto i Fius Gamer, youtubers che facevano una live reaction dalla curva. Ad un certo punto hanno dovuto smettere e lavorare da casa durante le partite al San Paolo.

    • Questo bisogna ricordarlo sempre. Nessuna tifoseria é immune da questi problemi. Ci mancherebbe che lo fosse a Napoli, una metropoli difficile. Il fatto che noi ci risparmiamo i cori razzisti, che le immagini dal San Paolo mostrino sempre folle festanti anche quando si pareggia, che le immagini ci mostrano sempre tanti bambini, noi ci rende certo immuni da questi problemi. Per me l’amore per il calcio e non per la vittoria a tutti i costi, la cultura sportiva e tutto quello che hanno veicolato il sarrismo in questi bellissimi 3 anni sono il miglior anticorpo contro chi vive questo sport come una guerra.

      • Jacopomartino 6 maggio 2018, 22:51

        Bravo mi piace come ragionamento, sopratutto perché si evince come tu sia consapevole che ormai tutte le tifoserie sono affette da questo “morbo” orrendo

  13. Pacojonathan 6 maggio 2018, 17:18

    Non sono d’accordo con la violenza, il sopruso e la prepotenza, ma a questo pagliaccio di giornalaio dovrebbero radiarlo dall’albo degli edicolanti…

    • perchè la tua non è violenza? l’insulto non è prepotenza?

    • Se non sei d’accordo con la violenza non giustificarli per l’operato di Alvino.

    • questo è un altro discorso. ma mai ricorrere alla violenza fisica e/o verbale.

      • Deve essere liberissimo di esprimersi Alvino. Se non si apprezzano le sue idee, come per esempio é il mio caso, non é in questo modo che le si combatte. Al contrario questo é un mezzo perché si dia megafono a gente di cui non sentivamo l’esigenza.

      • Pacojonathan 7 maggio 2018, 18:23

        L’ho scritta come premessa… contrarissimo a qualsiasi tipo di violenza sia fisica che verbale… appunto per questo, ribadisco e sottolineo, il signore in questione, per il ruolo che ricopre, dovrebbe essere molto ma molto più professionale, evitando di annebbiare animi e menti di persone facilmente infiammabili… per fare un paragone, lo metto sullo stesso livello di uno zuliani di JTV (uno squallidissimo personaggio)

    • Non sei d’accordo con la violenza ma parli in maniera violenta. La gente come te è il terreno di coltura di quei guappi di cartone.

      • Pacojonathan 7 maggio 2018, 13:15

        Non sai cosa dici… o sei un suo seguace o non lo ha mai ascoltato. Il signore in questione fomenta violenza tra sottoculturati … il signore in questione si augura la morte degli juventini… il signore in questione è l’antisportività in persona e io come napoletano non posso passare per troglodito a causa sua, e siccome penso che quelli che lo ascoltano e lo seguono nell’anitisportività sono troppi (non dico tanti, ma troppi), sarebbe bene mettergli il bavaglio, perchè, ripeto, questo signore semina odio. Ps. spero che tu sia solo uno che non l’ha mai ascoltato e che ti piaceva solo l’idea di fare il paladino della vittima in questione. Altrimenti anche tu sarai terreno fertile per piccoli “alvini”

  14. Si muovono le procure per le cose più inutili. Ecco finalmente una ragione per cui una procura dovrebbe muoversi, minacce in televisione ad un giornalista. Una roba da Messico di frontiera.

  15. Raffaele Sannino 6 maggio 2018, 17:03

    Questo episodio la dice lunga ,Alvino viene indicato come lacchè del presidente e questi personaggi sono della stessa risma di chi attacca il barbetta sui social con 3000 nick diversi.

    • chi attacca il barbetta esprime opinioni, qui parliamo di intimidazione che è tutt’altra cosa. del resto che alvino sia un lacchè del presidente è evidente ma impedirgli di fare il suo lavoro è antidemocratico oltre che illegale. do per scontato che quei personaggi saranno perseguiti.

      • Raffaele Sannino 7 maggio 2018, 1:57

        Mario , converrai che alcuni soggetti sono il braccio social di questi personaggi.Non saprei neanche quantificarli,visto che cambiano nick a iosa.Non mi riferivo certo a te ,che esprimi delle opinioni legittime.Spesso non le condivido,come tu sei in disaccordo con le mie.Ma siamo entrambi persone oneste e insieme condanniamo questi episodi.

        • innanzitutto di ringrazio. di certo le 2 tipologie di personaggi condividono il pensiero. in ogni caso era l’occasione per liberare lo stadio da 3-4 persone indegne, cosa indubbiamente positiva. peccato che carlo alvino l’abbia risolta con la stessa ignavia con la quale trattò alcuni ragazzi che “giocavano” con una pistola qualche capodanno fa.

    • non stumentalizzare. Vengano arrestati questi camorristi e noi tifosi saremo piu liberi. Di tifare e/o di protestare civilmente. Forza Napoli Sempre.

    • Ecco siamo ai cattivi maestri. Cosa c’entra il barbetta adesso?

  16. White Shark is still here 6 maggio 2018, 14:58

    Le facce ci sono (parlare di volti non si può), provvedano gli organi competenti. Il comune si costituisca parte civile.

    • Ma per fare cosa? La sconfitta è delle persone incapaci di insegnare ai propri figli a reagire a queste provocazioni. Siamo cresciuti così. Un popolo di pavidi dinanzi alla prepotenza… ma quali organi competenti ma quale comune che si costituisce parte civile…. Ma in che mondo vivete…

      Sembrava la scena del cavalluccio rosso…

      • La scena del cavalluccio rosso descrive l’impotenza di fronte ai soprusi, non invitava certo al faidate. Con quella gente fai una brutta fine e il problema non lo risolvi. Anzi sfotteva quelli che come te dicono “io avrei fatto avrei detto” sintetizzato nella frase di Pazzaglia che esclama: “lo avrei ucciso!” e poi arriva il padre del piccolo camorrista e dice “capo o criatur s’a scurdato braccalett ind a machina s’o po’ piglia? Vai va o signor è robba nostr!”

        • Io ho detto che siamo stati cresciuti a subire. Non ho detto avrei detto avrei fatto, perché come tutti non ne avrei avuto il coraggio.

Comments are closed.