Napoli-Lazio 4-1, una vittoria che sa di storia

Ennesima rimonta della squadra di Sarri. Primo tempo in ombra, grande Lazio. Poi il pareggio di Callejon e secondo tempo dilagante. Ha vinto la profondità della rosa, con Tonelli, Mario Rui e Zielinski

Napoli-Lazio 4-1, una vittoria che sa di storia

Un’altra rimonta

La vittoria più importante della stagione. Da cerchiare in rosso sul calendario del Napoli. La squadra di Sarri se la vede brutta nel primo tempo contro la Lazio, pareggia nel finale e poi nel secondo tempo segna altri due gol nei primi dieci minuti.  E dilaga con Mertens. Offre una prova di potenza e solidità che lascia il segno. Una vittoria che condizionerà anche i nostri avversari per lo scudetto. Una partita che il Napoli ha giocato dopo la notizia del nuovo infortunio a Ghoulam e con Tonelli titolare. L’ennesima rimonta della squadra di Sarri. Una serata straordinaria, davanti a soli 33mila spettatori.

Inizio ripresa strepitoso

La squadra di Inzaghi ha disputato un ottimo primo tempo. Il Napoli è apparso slegato, confuso, colpito dal gol subito a freddo – dopo tre minuti – da De Vrij. A centrocampo, ha giganteggiato Milinkovic Savic. A un certo punto persino il pareggio è sembrato una chimera. Poi il pareggio di Callejon, improvviso, e un inizio di ripresa in perfetto stile Napoli, con Insigne immarcabile e per due volte vicino al gol. È stata proprio l’ombra di Lorenzo a indurre Wallace a gettarsi sul cross di rasoterra di Callejon e segnare nella propria porta. Pochi secondi e il Napoli l’ha chiusa con Zielinski che ha deviato in rete un tiro di Mario Rui (la Lega ha assegnato la rete al portoghese). Un gol in cui c’è tutto l’essere squadra del Napoli. Tiro di Mario Rui, il sostituto di Ghoulam, e deviazione anche fortuita del polacco che Sarri ha messo in campo subito nel secondo tempo al posto di Hamsik in ombra.

Con buona pace di chi – soprattutto tra i tifosi del Napoli – non perde occasione alle prime difficoltà di avvelenare il clima con insensate polemiche sulla profondità della rosa. Rosa che è stata ovviamente concordata tra allenatore e società. Ed è stata proprio la rosa a vincere questa partita, con Tonelli, Mario Rui e Zielinski che è entrato al primo minuto del secondo tempo. Mai Sarri aveva sostituito Hamsik dopo 45 minuti. Il campionato si vince soprattutto rimanendo uniti nei momenti difficili.

Mertens e Tonelli

Il Napoli ha cominciato il secondo tempo senza Sarri espulso alla fine del primo tempo per proteste dopo una manata di Milinkovic Savic su Callejon. Sul 3-1, la Lazio è definitivamente scomparsa dal campo. E una giocata sontuosa ha regalato il quarto gol agli azzurri: assist di Zielinski e tocco delizioso di Mertens. Per il finale 4-1.

Un autentico spettacolo. E dire che il Napoli ha schierato dal primo minuto Tonelli che fin qui non aveva mai giocato in stagione. Incredibilmente, dopo averne avuti cinque in rosa, il Napoli si è ritrovato con soli due difensori centrali. Maksimovic è stato spedito in prestito a Mosca, Chiriches si è infortunato e Albiol non stava benissimo.

Il primo tempo

La partita si era messa male, con il gol della Lazio dopo tre minuti. Tocco di de Vrij con la punta nell’area piccola su cross morbido di Ciro Immobile. Era stato lo stesso Immobile a cominciare l’azione dal lato opposto con una fuga fermata in calcio d’angolo proprio da Tonelli. Il Napoli ha accusato il colpo. Non è riuscito a macinare il consueto gioco. Non ha mai trovato, nei primi 45 minuti, le misure, i reparti sono rimasti distanti. La Lazio, invece, è stata decisamente più compatta. Milinkovic Savic è stata l’ombra di Jorginho e si è proposto anche svariando da destra a sinistra.

Reina non ha compiuto parate, e nemmeno Strakosha. Il Napoli ha provato a segnare con giocate individuali, molto spettacolari, soprattutto di Insigne. Due pallonetti usciti di poco. Poi c’è stato un episodio in area di rigore, con un’ostruzione nei confronti di Mertens. La squadra di Sarri è apparsa stranamente confusa, senza il consueto fraseggio. La Lazio si è resa pericolosa prima con un colpo di testa di Parolo, poi con un’incursione di Milinkovic Savic.

Il gol di Callejon

Poi, nel finale, alla prima distrazione della squadra di Inzaghi, il Napoli ha pareggiato. Lancio di Jorginho per Callejon che ha bruciato Lulic e da solo, davanti a Strakosha, non ha perdonato. È stato il gol che ha cambiato la partita. E che potrebbe diventare uno dei più importanti di questa stagione. Ottava vittoria consecutiva, 63 punti in classifica. La Juventus torna dietro.

ilnapolista © riproduzione riservata
  1. Si vabbé che ti devo dire, peró intanto sono quelli che portano la barca avanti…da tanti anni ormai

  2. Io parlo del ruolo di manager! come allenatore mi ha deluso troppo.

  3. Cara Luciana, io son di Modena. Se ti appelli a San Gennaro ti presto (ma solo fino a maggio) San Geminiano nostro patrono amatissimo. Se non basta chiedo ai nostri cugini reggiani emiliani il prestito di San Prospero loro stimato Patrono. E che Dio ce la mandi buona… d’altronde con 3 tipacci cosi’ gli conviene stare dalla ns. parte.

  4. Mario Fabrizio Guerci 11 febbraio 2018, 12:21

    Rui in continua crescita.Partita sbagliata per il debutto di Tonelli che però,ha reagito molto bene. Se gioca spesso,sarà un valore aggiunto.
    Nel secondo tempo,il Napoli ha fatto scuola calcio.Il Brasile di Pelè…
    A Torino ci vorrà l’ansiolitico,ma sognare è lecito.

  5. Mi spiace dirtelo, anche qualora il Napoli vincesse lo Scudetto sarebbero piu’ le critiche e le lamentele che gli elogi. Troverebbere mille motivi per denigrare.

  6. Un secondo tempo orgasmico, dagli spalti ancora di più.

  7. Una vittoria dedicata anche a chi diceva “ma che razza di giocatore è Mario Rui”, “ma che bidone abbiamo preso”, etc etc. Rui è stato STREPITOSO stasera, e anche Tonelli, a cui comunque non affidavano mai la fase di proposizione del gioco, è stato super.

  8. Alfonso De Vito 11 febbraio 2018, 0:30

    Il Napoli oggi si è giocato una partita scudetto con i 3/4 della vecchia difesa dell’Empoli in campo… a Sarri bisogna fare un monumento. Davvero

    • Sarri é il motivo per cui questo Napoli é li dov´é.

    • Quando giocavano nell’Empoli avevano 4 anni di meno, Hysaj e Piotr 19/20 anni, Tonelli e Rui pochi di piu’. Se lo dici pensando fossero scari allora e anche ora, ti sbagli. Non diventera’ mai gente da “Madrid” pero’ grandi giocatori e grandi persone.
      PS Non mi prendere in giro, ma dopo Verdi, Politano etc. io avrei preso SAPONARA, cha sarebbe servito, eccome. A me piaceva e faceva anche goals.

  9. Il quarto gol è un capolavoro…

  10. Era un anno che aspettavo una partita giocata con questa intensità da tutti e per 90 minuti. Devo dire che il secondo tempo di stasera è un’iniezione di fiducia per tutti. Una prova di forza mostruosa. Tonelli mi ha sorpreso molto, ma Zielinski e Callejon devastanti. Anche Insigne è finalmente tornato in forma.

  11. Giulio Valerio Maggioriano 11 febbraio 2018, 0:13

    Il Napoli non gioca bene.
    Gioca benissimo.
    Un grande avversario per giocarsi lo scudetto, onore a voi

  12. tutto molto bello. I ragazzi sono stati commoventi.
    Ma rosa è corta. E’ CORTA, inutile negarlo

  13. M’aggia arrecreato. Non ho nient’altro da aggiungere.

  14. Alfonso De Vito 11 febbraio 2018, 0:09

    Partita emozionante, dalla curva ancora di più. La squadra sta dando l’anima, questo sugli spalti si vede e si sente, giocando probabilmente una volata impari che vincerla saprebbe di grande impresa. Peccato che allo stadio non vengano tutti quelli che potrebbero. Eravamo 35000 oggi e l’atmosfera era di autentica simbiosi emotiva pure sullo 0-1, chi non è venuto davvero si è perso qualcosa.
    Società non all’altezza in questi ultimi mesi del capolavoro che sta facendo la squadra ma speriamo in bene. Sembra che si siano applicati ad aumentare le difficoltà invece di diminuirle. “Numericamente siamo pochi” l’ha detto pure Sarri oggi, malgrado i commenti del Napolista a volte fanno a cazzotti con la logica

    • Ma che dici?! il mercato é da 10…cit.
      Incredibile che ci sia ancora chi difenda sta vergogna.

  15. dino ricciardi 10 febbraio 2018, 23:59

    Vicchiariell vieni a gioire con noi.
    Anche se hanno giocato quelli dell’Empoli.
    Ahahaha

    • giancarlo percuoco 11 febbraio 2018, 0:25

      dai che anche per lui c’è stato un momento di gioia.
      quando è stato espulso Sarri.

      • dino ricciardi 11 febbraio 2018, 8:10

        Puo sempre dire che i ragazzi hanno giocato cosi perchè Sarri era in tribuna
        ahahaha

  16. Francesco Sisto 10 febbraio 2018, 23:57

    La partita l’ha cambiata l’entrata di Zielinski, é stato una soina nel fianco della Lazio, (anche perche sono calati un po), con le sue accellerazioni non lo tenevano, bellisdima l’azione con assist sublime per Mertens.
    Forse esagero, perche ho un debole per il polacco, ma che talento che ha.

    • giancarlo percuoco 11 febbraio 2018, 0:22

      entrasse sempre in partita come oggi, per Marek sarebbero dolori.

    • L’assist e’ il meno….e’ stata la partenza che sa di fiaba, in breve spazio tic toc tic tac tacco del Zielo su Jorge, partenza a razzo, lancio a scavetto del Jorge su Zielo, controllo, attesa…. e poi il tocco filtrante. (Mertens l’ho seguito, c’ha creduto talmente da farsi 40 metri di corsa senza alcun dubbio, a velocita’ supersonica, per poi accarezzare solamente un attimo la palla andando ancora a tutta birra, magnifico)

  17. Ho visto la Juve ieri, il Napoli oggi…per la prima volta da inizio campionato penso che – nonostante gli infortuni e la sfi..- ce la possiamo fare.
    Grande, grande Napoli

  18. Bisogna fare i complimenti a questa squadra, giudizi di parte a parte, scusate il gioco di parole.
    Nonostante una societá che si fa sempre trovare impreparata sul mercato e una sfortuna Fantozziana, nonostante si sia infortunata addirittura la riserva della riserva pochi minuti prima della partita, nonostante una migliori squadre d´Italia con il miglior attacco sia andata in vantaggio dopo 3 minuti ed abbia giocato in modo perfetto, é riuscita a recuperare e a fare un secondo tempo di rara bellezza.
    Il quarto goal é qualcosa di fantastico.
    Complimenti sinceri a Sarri e a questi ragazzi.

    • Una società che deve ringraziare ancora Benitez con cui abbiamo avuto il mercato più proficuo degli ultimi anni. I migliori sono arrivati tutti con lui.

      • Giusto. Ci servirebbe Benitez manager e Sarri allenatore!
        E soprattutto che la societá impari dai suoi errori. Se finora ha avuto la scusa dell´inesperienza adesso dovrebbe finalmente saper gestire le situazioni ed essere piú tempestiva, decisa, coraggiosa e perché no, aggressiva.

  19. Quando Sarri diceva che il suo sogno era far giocare il Napoli come l’Empoli l’hanno preso a pernacchie. Stasera ce n’erano 4 dell’Empoli.

  20. giancarlo percuoco 10 febbraio 2018, 23:19

    Hysaj sotto la pioggia. SEMPRE!

  21. Perché siete così contenti? N amm accattat a nisciun! 😀

  22. Bellezza del calcio allo stato puro. E dimostrazione che il calcio si gioca con la testa prima che con tutto il resto: non so cosa sia successo ai nostri nell’intervallo, ma sono entrati in campo con un’autostima ed una convinzione che li ha portati a vincere tutti gli uno contro uno e le seconde palle, laddove nella prima frazione soccombevano regolarmente. E non è stata la classica partita vista tante volte quest’anno, in cui l’avversario pressa alto all’inizio e poi crolla per il dispendio di energia: stavolta i nostri ci hanno messo una forza ed una qualità che ha letteralmente schiantato la Lazio.

  23. Io non seguo il Napoli io sono malato del Napoli: oggi mi sono commosso vedendo questi ragazzi vedendo rui e hysaj buttare il cuore oltre l ostacolo tonelli giocare come non fosse mai uscito di squadra allan spaccarsi i polmoni jorginho contrastare come un leone insigne incitare il pubblico zielinski correre di rabbia koulibaly sgomitare il capitano stringere i denti mertens andare al di la del dolore callejon squarciare l aria maggio e rog dare tutto sembravamo il Brasile nel secondo tempo grazie Ragazzi contro tutti contro tutti! Gracias Dios por el futbol gracias per esto Napoli!

    • Vero, oggi sono stati commoventi. Forse hanno addirittura esagerato nel primo tempo perdendo in luciditá, ma questo ha fatto capire quanto cuore ci mettono!

  24. Grandissimo LORENZO TONELLIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIII

    • dino ricciardi 10 febbraio 2018, 23:13

      Grande Eduardooooo !!!!
      ahahaha

    • Grande Eduardo, giuro che ti ho pensato durante la partita 😉

    • Stavolta ti devo dare proprio ragione. Bravissimo. Sereno, concentrato, in forma. Meglio di Vlad, se gioca sempre così. Applausi a Lorenzo.

    • Guarda a tenere la linea non é il massimo, in compenso in marcatura é bravissimo.

    • Ti ho pensato

    • Speriamo resti

    • Se gestisce le partite così, perfetto. In marcatura non ha sbagliato mai, atletico e preciso, non perfetto nel posizionamento ma comunque grandissima prestazione, sporca, cattiva e serena comunque. Meglio di chiriches che ultimamente sbaglia moltissimo sia in marcatura che a tenere la linea.
      Che dire Eduà, ogni tanto ho dei dubbi su quello che dici eppure hai sempre ragione ahahah

    • ho sempre guardato con tenerezza il tuo amour fou per Tonelli. Da qualche tempo mia figlia è innamorata di uno pieno di tatuaggi, ma com’è possibile… ieri sera vedendo Tonelli mi sono ricordato di quando ho dovuto riconoscere che c’era del buono in quel tatuato. Aggiungo una I al tuo urlo.

  25. Antonio Baiano 10 febbraio 2018, 22:59

    Napoli stratosferico nel secondo tempo, vittoria importantissima. Nota speciale perTonelli veramente positivo, a maggior ragione perché non giocava da più di un anno. Per me incomprensibile il fatto che fosse quasi fuori rosa.

    • Scelta societaria per valorizzare il sonnolento maksimovic che vale la metá

    • Ci dev’essere stato qualcosa che non sappiamo. Non fosse così a gennaio sarebbe partito lui e non Maksi.

    • Oltre a problemi fisici (a quanto ho sentito), Sarri non é contento col modo di tenere la linea di Tonelli e ad essere sincero sono d´accordo con lui. Tonelli ha tante qualitá, soprattutto a livello agonistico e di reattivitá, inoltre dopo KK é il miglior marcatore che abbiamo in rosa, ma i suoi movimenti tattici mi fanno paura,

    • Uno dei tanti misteri di questa società

  26. tutta la mia solidarietà ai telecronisti di premium..un cravero in lacrime balbetta “non so se dare meriti al napoli o è la lazio che è venuta meno” e l’altro “i giocatori festeggiano perchè hanno avuto paura..la juve è più abituata a queste vittorie”..oltre a quelli di sky una capatina da quelli di premium no?

    • E su sky quello che entra e urla pezzi di m sky pezzi di m… stratosferico

    • Smettiamola di fare sempre i complottisti, poi ci chiamano “chiagn e fott” ed hanno ragione! Io ho sentito tantissimi complimenti. Ragazzi cominciamo ad essere piú obiettivi.

  27. dino ricciardi 10 febbraio 2018, 22:56

    Un secondo tempo FAVOLOSO !!!!!
    Questi ragazzi comunque vada a finire sono una bellissima immagine di sport.
    Mi sono emozionato.

  28. Francesco Sisto 10 febbraio 2018, 22:56

    Solo una domanda: a tutti quelli che “Zielinski ha esaurito il processo di crescita (a 24 anni..), non diventerà mai un campione, non ha mantenuto le promesse, non ha tiro, non sa saltare l’uomo, blah, blah blah..” per favore, potreste cambiare sport? Se Non volete farlo per me, fatelo per il Calcio.
    Il primobtempo mi hanno fatto smadonnare alla grande, sembravano svagati, slegati, senza genio, poi negli spogliatoi le 2 paroline di Sarri, l’entrata di Piotr, ed e stata goduria.

    • Nota di merito per tutti i ragazzi

    • Le perplessità sono in fase difensiva mai state sulla tecnica.

      • antonio lampitella 11 febbraio 2018, 0:46

        Prova di grandissimo carattere della squadra che ha dimostrato 2 cose:
        -non sara’ così facile per l’odiosa juve farci fuori
        -siamo certamente in grado di farcela ( contro tutto e tutti)

  29. Secondo tempo mostruoso. Rui ed Hysaj fra i migliori.
    Povero Inzaghi. All’andata perse 4 -1 e schiumò rabbia invocando gli infortuni.
    Questa volta gli infortuni li avevamo noi ed ha perso lo stesso 4-1.
    Mi sa de deve farsene una ragione.

    • No dice che hanno perso perché hanno fischiato un fuorigioco su Immobile che non c’era (sic). Patetico e odioso. Vanifica con i suoi gnegnegne quanto di buono sa fare (di solito, non contro di noi, tra l’anno scorso e quest’anno ne ha perse tre e pareggiata una) in campo.

Comments are closed.