Mura: «La Juve vince col minimo sforzo, il Napoli è vivo ma sprecone»

Il duello Napoli-Juventus raccontato da Gianni Mura, editorialista di Repubblica: «Bravo Allegri a ridisegnare la squadra nonostante gli infortuni, gol di Allan in stile-Barça».

Mura: «La Juve vince col minimo sforzo, il Napoli è vivo ma sprecone»

L’editoriale su Repubblica

Il commento alla lotta scudetto, sulle colonne di Repubblica, è affidato a Gianni Mura. L’editorialista del quotidiano romano definisce «un’enorme tazza di camomilla» lo stadio Olimpico di Torino, sede del derby di ieri.  Leggiamo: «Cancellate le immagini guerresche della tradizione: emozioni, espulsi, botte assortite, lampi di bellezza, recriminazioni sugli arbitri (non essendoci Var). Per la Juve contava vincere e mettere pressione al Napoli. Ha vinto col minimo sforzo».

In fondo è quello che volevano i bianconeri, dopo la controversa settimana europea: «Il pari col Tottenham ha prodotto stanchezza e delusione, è un momento difficile. Dybala in panca, come Buffon. Avvicendamento già deciso da tempo, ha detto Allegri. Sarà, ma venendo dopo una partita non esemplare del portierone non è una dichiarazione molto credibile, sa di spedizione dietro la lavagna. Il Torino è molle e privo di carica agonistica, Mazzarri non cambia atteggiamento nemmeno quando esce dal campo Higuain, prima del quarto d’ora. S’era fatto male dopo 3’ in uno scontro fortuito con Sirigu. Bloccato Mandzukic, sempre in panca Dybala, entra Bernardeschi. Bravo Allegri a ridisegnare su due piedi la squadra».

Il Napoli

Il successo del Napoli sulla Spal, secondo il racconto di Mura: «Il Napoli ha replicato con un altro 1-0, da cineteca l’azione del gol di Allan in purissimo stile- Barça. Non era la Spal attuale a poter preoccupare il Napoli, reduce da una batosta interna in Europa fin troppo auspicata, direi quasi programmata, disapprovata da pochi. Per quel che serve, disapprovo. La squadra di Sarri tira in porta 24 volte ma deve accontentarsi del gol di Allan. Il rinnovo fino al 2022 di questo giocatore utilissimo è la notizia migliore per la squadra. Vedendo il Napoli dei titolari maramaldeggiare con la Spal, ci si può chiedere come sarebbe andata contro il Lipsia, ma è inutile, ormai è acqua passata. Palo e parate di Meret a parte, la sola colpa del Napoli, ben vivo, è di avere sprecato troppo in attacco».

ilnapolista © riproduzione riservata