È ora di porci una domanda: che fine ha fatto Mario Rui?

L’unico calciatore di movimento del Napoli senza un solo minuto di gioco: merito della forza di Ghoulam e degli automatismi del Napoli.

È ora di porci una domanda: che fine ha fatto Mario Rui?

Unico e solo

Dopo che Maksimovic è stato “reintegrato” nel Napoli, Mario Rui è rimasto solo. Il terzino portoghese è l’unico calciatore di movimento a disposizione di Sarri a non aver giocato neanche un minuto in questa stagione. Siamo ben lontani, come tempistiche e modalità di utilizzo, persino da Ivan Strinic. Che l’anno scorso giocò 67 minuti il 17 settembre contro il Bologna. Era la quarta giornata. Tornò in campo alla nona, a Crotone.

Insomma, Mario Rui è una situazione diversa da quella di Maksimovic. Intanto, è l’alternativa del calciatore più in forma del Napoli in questo inizio di stagione. E poi è un nuovo acquisto puro, l’unico insieme ad Ounas, il secondo giocatore con meno minuti giocati nel Napoli (24, una sola apparizione contro il Benevento). Come dire: non è un caso.

Dinamica comune

Potremmo sembrare anche tra l’ironico e il critico, ma “si sapeva”. “Si sapeva” che, dopo un periodo primavera/estate passato a rinnovare contratti e a scongiurare cessioni, il Napoli sarebbe stato conservatore – se non proprio uguale a sé stesso. Sapevamo che Sarri avrebbe fatto fatica a modificare meccanismi già oliati, a maggior ragione quando gli interpreti sono così in forma. Vedi Ghoulam, questo Ghoulam, per renderci conto di cosa significa.

Volendo continuare sul filone ironico, basta lanciare una ricerca su Google con la query “Mario Rui Napoli” per rendersi conto che le foto che lo ritraggono in azzurro sono letteralmente ferme. Alla presentazione, all’acquisto, a qualche allenamento. A Dimaro o alla partecipazione alle amichevoli. Sì, Mario Rui ha giocato qualche spezzone, ma poi c’è stato solo Ghoulam.

Lezione di mercato

È una condizione strana, quella del Napoli, in e per “casi” come quello di Mario Rui. Che non è molto distante da Maksimovic, ad esempio. Ovvero: la necessità di avere un’alternativa in un ruolo importante e la difficoltà nel poterla usare. Perché c’è una gerarchia, perché chi viene prima in questa gerarchia è più forte e più in forma. È una cosa comune a tante squadre. Prendi il Barcellona. Ci sarà una riserva di Busquets, o comunque esisterà in rosa un giocatore in grado di sostituirlo nel ruolo di centromediano. Ma non gioca. Mai. Perché c’è Busquets.

Ecco, succede (e succederà) proprio questo, anche a Napoli. Con buona pace di Mario Rui, di chi sostiene che “debba giocare” così come “deve giocare” Ounas. Se c’è o c’era una cosa che va o andava fatta, era il loro acquisto. Era dare a Sarri l’opportunità di variare, di ampliare il turn over. Il resto è a discrezione del tecnico, delle sue scelte. È una sua responsabilità. Strinic vuole andare via per giocare di più? Bene, si prenda Mario Rui. E si prende Mario Rui, per averlo a disposizione nel momento del bisogno. Che può essere ridotto al minimo quando Ghoulam vive un periodo così eccellente, per forma fisica e prestazioni. È l’idea primordiale dei co-titolari calata nella realtà di una squadra che sembra funzionare bene. Anzi, benissimo.

Futuro

Il portoghese avrà le sue occasioni. Avverrà, perché Ghoulam non può giocarle tutte. Però, come dire: se questo è Ghoulam, ora, il tempo di Mario Rui potrebbe allungarsi ancora. E non ci sarebbe niente di male, sarebbe solo meritocrazia momentanea. La curiosità di vedere un nuovo acquisto è comprensibile, ma il ragionamento va fatto in funzione alla funzionalità. E in questo momento, Ghoulam gioca benissimo e non è nemmeno stanco. Anche perché – questo va detto – nessuno conosce o può conoscere il vero stato di forma dei calciatori come un allenatore qualificato e il suo staff. Ci sarà un senso dietro la scelta di ruotare soprattutto, anzi sempre, a centrocampo? Sì, magari il principio di coinvolgere tutti il più possibile è una parte importante nella gestione tecnica ed emotiva di un gruppo. Ma ci sono allenatori e allenatori. E si gioca in undici con tre cambi a disposizione.

Vediamo, aspettiamo. Ci chiediamo Mario Rui che faccia abbia e sia in questo Napoli, ci chiediamo che fine abbia fatto – forse è una suggestione, ma pare che giochi a nascondersi anche nelle inquadrature delle panchine. Finché Ghoulam gioca e continua così, l’importante è sapere di avere la giusta alternativa. Il resto è solo esercizio di curiosità, o sterile polemica.

ilnapolista © riproduzione riservata
  • Paco2020

    E’ comprensibile che Sarri non lo faccia giocare vista l’ottima forma di Gulham, è anche comprensibile che il Napoli lo abbia comprato per rinforzare la squadra. Quello che è di difficile comprensione è la scelta personale di questi calciatori perennemente in panchina. Strinic se n’è andato e critica il poco utilizzo nel Napoli, Maksimovich ha un minutaggio irrisorio considerando la data d’acquisto, e Giaccherini ?, Ounas avrebbe fatto la stessa fine se Milik non avesse avuto l’infortunio, Tonelli e Grassi manco a parlarne. Ma che ci vengono a fare ?? Solo per soldi ?? Non credo. L’atleta (in genere) vuole continuare ad essere un atleta. Non è pensabile che l’aspirazione sia la pensione. E allora ?? Forse mal consigliati dagli agenti.

  • Venio Vanni

    Sarri si dimostra un tecnico inadeguato sulla gestione della rosa. Confermando sempre gli stessi sminuisce il valore del suo credo tattico….

    • Luigi Ricciardi

      Si parla di Mario Rui, l’ultimo arrivato che, per stessa ammissione del suo agente, fino a una settimana fa era in forma pessima, e ha davanti il miglior Ghoulam di sempre.

  • Ciccio Bomba

    posso aggiungerne un’altra? Guardate i primi 50 secondi di Zenit – Real Sociedad. tutti sicuri di volere Rulli l’anno prossimo?
    https://www.youtube.com/watch?v=58sZ3NGas28

    • Leovvi

      ah beh… e noi ci lamentiamo delle papere di Reina. La verità sta sempre nel mezzo: un portiere è forte a prescindere di cappellate o paratissime estemporanee

    • Il Boemo

      Il primo può capitare il secondo da brividi…

    • dino ricciardi

      Sul primo gol va giù come un sacco di patate,senza spinta ne tecnica.

    • mr. Catenaccio

      mi sembra il degno successore del buon Pepe

  • Raffaele Sannino

    Nel contratto di acquisto c’è una clausola sul suo impiego.Se non raggiungerà un certo numero di presenze,ritornerà alla roma.

  • Nunziocity

    Il guaio sarebbe quando Ghoulam giochi male o squalificato se questo è il nonno affannato Mario Rui. Maskymovic? stendiamo un velo pietoso, rincorso a quel prezzo, corri corri acchiappalo da Cairo manco fosse la resuscitazione di Beckembauer…

    • Il Boemo

      25 milioni non sono niente per i difensori, ormai valgono più degli attaccanti, visto che ce ne sono sempre meno di forti e tecnici essendo in un’era in cui il calcio è soprattutto fatto di attaccanti e mezzali. David Luiz è stato pagato 50 milioni e continua a fare cappellate che neanche Aronica.

      • Effe Bongi

        eh ma lui è un top player, almeno fino a quando non lo prendiamo noi.
        poi diventa un rottame.

    • Effe Bongi

      siamo messi male, in effetti.

  • Sergio Travi

    Abbiate pazienza, però al di là di qualsiasi altra considerazione, che può pure essere condivisibile, ancora soltanto 3 (tre) giorni fa il suo agente Mario Giuffredi ha dichiarato:”Mario Rui? Ancora non è in ottime condizioni. Ho già detto che sarebbe stato pronto tra fine settembre ed ottobre. Quando starà bene dimostrerà il suo valore”. Se le cose stanno così, e Giuffredi non è uno che nel caso la manda a dire, di che stiamo parlando?

    • Me

      Esatto, ci lamentiamo quando i procuratori parlano a vanvera, per una volta che uno dice le cose come stanno facciamo finta che non abbia nemmeno parlato…

      • ArMa

        Pienamente d’accordo

  • Il Boemo

    Mario Rui viene da un altro infortunio al crociato è normale che non sia partito subito forte. Comunque la sensazione è che sia stato preso per stare buono buono in panchina senza il problema di dover imparare il gioco di Sarri, purtroppo il nostro tecnico ragiona così, prendere o lasciare…

  • Effe Bongi

    io credo che mettere Ghoulam in panchina, oggi, sia una scelta che nessun allenatore sobrio farebbe.
    e lo stesso vale per Insigne, per Mertens, per Calle, per Kuli.
    ogni squadra, anche le più grandi, hanno giocatori sostanzialmente insostituibili.
    se vi ricordate, anche Rafa (che fa della rotazione sistematica un mantra del suo modo di gestire la rosa), li faceva giocare sempre.

  • ArMa

    Tra l’ironico e il critico.
    Rui è stato comprato per permettere alla Roma di prendere Kolarov (gran giocatore).
    Rui senza Sarri non sarebbe mai arrivato a questi livelli e, quindi, di Sarri accetta disciplinatamente qualsiasi decisione, anche nella speranza che Ghoulam non rinnovi (Giuffredi è un pò troppo presenzialista ma non mi sembra uno stupido).
    Non ci saranno foto di Rui col Napoli ma ricordo che, prima di Napoli-Atalanta, indicava a Reina, ancora indeciso, gli applausi e i cori che il S. Paolo gli tributava.
    Forse Sarri lo ha voluto anche per questo. Già conosceva il suo valore di uomo-spogliatoio.

    • drnice

      su kolarov esprimerei sarebbe meglio aspettare fine stagione prima di giudicare. secondo me non regge queste prestazioni.

      • ArMa

        Il riferimento a Kolarov era la parte ironica dell’intervento.
        Resto, comunque, dell’idea che la Roma ha fatto un buon acquisto che però, per età e livello di ingaggio, è completamente al di fuori della politica del Napoli.

  • Marazola

    Mario Rui è inferiore a Strinic ma le dichiarazioni di strinic testimoniano che è stato lui a non accettare di fare la riserva: parliamoci chiaro al Napoli non tutti vogliono fare pnchina e in tutte le squadre ci sono i titolari o vogliamo fare come benitez che temeva di non arrivare stanco alla spiaggia per poi non arrivarci del tutto? Per me vanno fatti giocare sempre sempre i migliori anche con le squadre minori il turnover va fatto a partita in corso, se si dovesse mai pssare ai 5 cambi, sarebbe perfetto ed ormai sarrbbe anche ora

    • giancarlo percuoco

      sono d’accordo. se il fisico regge, a mio modesto pare, se la riserva è inferiore al titolare, perché indebolire la squadra in campo, se non c’è necessità.

  • giancarlo percuoco

    una curiosità, ma Tonelli ha pure lui esordito quest’anno?

  • Nevio Pizza

    piuttosto mi chiedo tonelli che abbia fatto di così terribile.

  • Ciro Polpetta

    Ma stiamo parlando di Mario Rui o di Marcelo?

  • Mauro

    Non c’e’ certezza che Strinic abbia chiesto gia’ dalla fine del campionato scorso di andare via,nel caso che non fosse cosi,non ho capito perche’ spendere 8 milioni (10 meno i due incassati per Strinic) per comprare Mario Rui.
    Cio’ che rende disgustoso il mercato del Napoli e’ il fatto che in cassa soldi ci siano e siano anche tanti…ciononostante si poteva promettere a Strinic,buon giocatore,di utilizzarlo di piu’,invece di investire soldi in un giocatore che non migliora la rosa.
    Se si comprano giocatori migliori di quelli che gia’ si hanno,o presunti tali,diventano subito titolari….rafforzarsi e’ l’obiettivo di mercato di tutte le squadre del mondo,tranne del Napoli.
    Se si comprano giocatori piu’ o meno dello stesso valore di quelli che gia’ si hanno,l’allenatore li ruota ogni volta che puo’,per dosare le energie.
    Se si comprano giocatori acerbi o inferiori a quelli che si hanno gia’,l’allenatore li usera’ solo in caso di infortuni,o quando i titolari sono al di sotto del 60% delle loro possibilita’….questo e’,purtroppo,il caso del Napoli.

    • Franco Sisto

      Dimentichi una cosa, cocco, che per comprare giocatori più forti di quelli che ha il Napoli come titolari, servono dai 40 milioni in su a giocatore, al netto degli ingagg, che il Napoli non può permettersi, visto il fatturatoi, al netto di chi verrebbe a giocare nel Napoli, che sia di quel livello, e non andrebbe in un top club al netto dei top club che li comprano loro i giocatori di quel livelli.
      Ed il tutto al netto del fatto che sono più di 10 anni che il Napoli migliora di anno in anno, sia come giocatori (rimembro Britos, Lopez, Aronica, Calaio, e company?), e lo dicono i risultati .
      Qua sinceramente di disgustoso c’è solo il tuo commento, atto a diffamare e screditare il Napoli ed il presidente, nonostante abbia assemblato il miglior Napoli della storia (a parte i pochi anni Maradoniani), una squadra che è prima in classifica, in campionato non perde da 30 partite, e 12 nel ranking Europeo, e gioca uno dei più El calcio in Europa.
      Ma oramai siete rimasti solamente una manciata di voi, con l’acido allo stomaco e la bava alla bocca a dire queste fesserie.
      Nel frattempo noi ci godiamo il Napoli ed i suoi campioni.

  • Vincenzo de Blasio

    Sarà che Rui, anche a detta del suo procuratore, non ha raggiunto ancora la forma ottimale e pertanto rimane ancora inchiodato in panchina; ma poi Sarri anche al portoghese deve consentirgli un minutaggio adeguato. Ciò si rende necessario perchè la stagione è piena di impegni ed è giusto che tutti gli effettivi siano pronti a subentrare in ogni evenienza. E’ un presupposto importante quello di coinvolgere tutti, perchè non vorremmo assistere ad un impiego di emergenza senza che un giocatore sia stato mai utilizzato.

  • Carmine Crocco

    Infatti é ora di porci una domanda: perché la società li compra sempre in infermeria come Maksimovic e Mario Rui??