Koulibaly, anche noi napoletani ti vogliamo bene

Koulibaly, anche noi napoletani ti vogliamo bene

Tengo a chiarire non ho mai detto qualcosa contro i tifosi o il popolo napoletano! Ho sempre detto che vi ringrazio per tutto quello che avete fatto per me! Sono diventato uomo in questa città e ne sono felice! Nonostante tutto quello che dite contro di me, vi voglio bene napoletani…”.

Così Kalidou Koulibaly su Instagram oggi, dopo le polemiche sorte per le sue dichiarazioni all’Equipe in parte smentite dal suo procuratore. Che cosa dire? Il calcio è una bestia strana. I tifosi chiedono una sorta di extraterritorialità, pretendono il mondo delle favole pur essendo consapevoli che non esiste. Loro (noi) farebbero lo stesso: chiederebbero aumenti, vorrebbero andare in luoghi di lavoro più ambiti e meglio remunerati. Eppure dai calciatori pretendono un atteggiamento diverso.  

Sì, Koulibaly è esploso a Napoli. E allora? Forse sarebbe esploso anche a Vicenza. Bravi noi a comprarlo, a valorizzarlo. Poi, se ci sono le possibilità, continueremo l’avventura insieme. Altrimenti no. Lo abbiamo difeso dai cori razzisti? Certo, e ci mancherebbe. Lo abbiamo fatto con lui e lo rifaremmo con altri, anche con lui se dovesse giocare con un’altra maglia.

Anche noi vogliamo bene a Koulibaly, non solo lui a noi. La foto di Kalidou abbracciato alla Supercoppa italiana non la dimenticheremo mai. Chissà, l’anno prossimo gliene scatteranno un’altra di lui estasiato vicino a una coppa con la maglia del Napoli.   


ilnapolista © riproduzione riservata