Benevento in festa: 3-0 al Lecce e prima storica promozione in Serie B

Benevento in festa: 3-0 al Lecce e prima storica promozione in Serie B

Finisce con la festa del Santa Colomba-Ciro Vigorito: Benevento-Lecce 3-0 e stregoni promossi per la prima volta nella storia nel campionato di Serie B. Con l’arrivo dei giallorossi in cadetteria, tutte le province campane hanno raggiunto il secondo livello della piramide calcistica italiana. Per il Benevento, l’approdo in seconda serie arriva dopo un totale di 41 campionati in terza serie e a 87 anni dalla fondazione.

È il capolavoro di Gaetano Auteri, che firma la seconda storica promozione dalla Lega Pro dopo quella colta nel 2011 con la Nocerina. Un campionato di alto livello, con la miglior difesa (appena 20 reti subite in 33 partite) e il secondo miglior attacco dopo quello del Foggia secondo in classifica (allenato da Roberto De Zerbi). I giallorossi hanno conquistato la prima posizione alla 22esima giornata, grazie alla vittoria casalinga contro il Melfi. Tra i calciatori, da segnalare la grande stagione di Alessandro Marotta e Fabio Mazzeo, autori di 9 gol a testa e a segno anche nella sfida decisiva contro i salentini. Bene anche Karamoko Cissé, ex Casertana, e Amato Ciciretti, 22enne fantasista di scuola Roma.

La Serie B arriva dopo anni pieni di occasioni sprecate per cogliere la promozione. In 6 occasioni, infatti, i sanniti sono arrivati ai playoff senza riuscire a centrare l’obiettivo: nel 2004 (eliminazione in semifinale contro il Crotone), nel 2009 (sconfitta in finale ancora con il Crotone), nel 2010 (il Varese vince in semifinale), nel 2011 (va male contro la Juve Stabia), nel 2014 (vittoria del Lecce in semifinale) e ancora nello scorso campionato (sconfitta nei quarti contro il Como). Le qualificazioni alla postseason sono arrivate anche a seguito di buonissimi campionati, conclusi appena dietro la prima piazza e quindi a un passo dalla promozione diretta: nel 2009, nel 2011 e nel 2015 gli stregoni erano infatti arrivati nella piazza d’onore, ma avevano dovuto rimandare la festa. Fino ad oggi.

ilnapolista © riproduzione riservata