Gli auguri del Ciuccio, da Reina a Sarri

Gli auguri del Ciuccio, da Reina a Sarri

Gli auguri del Ciuccio

Uno per uno vorrei far gli auguri. 

Nel dire a tutti voi ciò che mi frulla

radiosi vedo già vostri futuri:


Auguri a Pepe. Napoli ti è culla. 

Tu da Portiere e da Amministratore:

nel mio palazzo io non temo nulla.
 

Auguri a chi fa muro con furore

a Kalidou di ebano a sorpresa

ed al fido Raul, suo professore. 


Auguri alle mie ali di difesa:

venti del Sud e i loro tre polmoni

mi solchino le fasce senza resa. 

Tu che sei di diritto tra i campioni

accetta quest’augurio, o Capitano:

che la tua cresta solchi mari buoni. 

Auguri alla mediana: qua la mano. 

al 5 e al Direttore dell’orchestra. 

C’è grinta e qualità, sacro e profano. 

Auguri a chi dà il sale alla minestra

e gioca sempre in casa in quella maglia:

che Fratta metta drappi alla finestra. 


E chi fa doppi auguri non si sbaglia:

che Dries poi si senta una sol cosa. 

Un “issimo” per lui: quanto m’abbaglia. 


Al goleador di Coppe auguri a iosa:

la manica sia lunga, che s’arrabbia,

la corsa sua infinita e strepitosa. 


Al Pipa scrivo t’amo sulla sabbia. 

A Lui salute e gloria duratura. 

E il sostituto non si senta in Gabbia. 


A Mister Sarri auguri con misura:

esempio di lavoro e tanti frutti

e del Maestro accetti investitura. 


Al Presidente auguri da noi tutti. 

Che la sua Impresa faccia noi contenti:

che siano giorni belli pure i brutti. 


Lettori, auguri a Voi: siate vincenti. 

Attendo con fiducia il nuovo giorno

e con trepidazione i nuovi eventi. 


Sono felice e nel Presepe torno

ilnapolista © riproduzione riservata