Il pallone racconta il pallonetto di Maradona al Verona che oggi compie trent’anni

Il pallone racconta il pallonetto di Maradona al Verona che oggi compie trent’anni

20.10.1985

Trent’anni e non sertirli.

Perché noi siamo fatti della nostra storia.


‘O pallonetto

Io stevo là, tranquilla, ‘int ‘a trequarti,

comm”a na palla ca nun tene genio.

All’intrasatta, il tempo di svegliarti,

e s’appicciaje ‘a lampada d”o Genio.

‘A gente tutt’attuorno nun capeva:

“Ma chisto sta facenno ‘o veramente?”

Io pure ca vulavo me dicevo:

“Vabbuo’, starrà pazzianno, è cos”e niente.”

Qui vi racconterò le mie memorie:

io pe’ tramente me facevo ‘o volo

io me vedetti ciento e mille storie

ma tutte ‘nzieme, ‘int a ‘na vota sola.

Dall’alto me godevo ‘o panorama:

‘o cielo, ‘o sole, ‘o mare e tutto il resto.

Chesta città che s’odia e che si ama

ca pe’ nu poco ‘e gioia cerca il pretesto. 

Chillo pirciò ‘o Nennillo sta ‘int”o core:

‘o père ca me dette ‘sta carezza

nè, chillo già sapeva ‘e stu dulore,

e procurava ammore d”a tristezza.

Mentre penzavo se facette grigio

e addiventaje ‘na perla ‘e Maradona. 

‘O tiempo ‘e m’addunà ‘e chillu prodigio

e me truvaje ‘int”a porta d”o Verona.
Il Ciuccio

Il Ciuccio ilnapolista © riproduzione riservata