Troppo vicina a mme steva ‘a barriera

Troppo vicina a mme steva ‘a barriera

Troppo vicina a mme steva ‘a barriera / Tacconi m’era miso annanze ‘o muro

mentre penzavo: “Comme ‘a veco nera!” / “Passala chiano, ‘cca, statte sicuro”

– dicette Diego a Eraldo: ” ‘O tengo a tiro”. / Pecci po’ assecondaje chella pazzia

e me facette fa’ nu miezo giro / ca quasi po’ chiammavo  ‘a Polizia.

‘O père unico ‘o munno m’allisciaje / comme puteva fa’ accussì sol’ isso.

Lieve comme nun ero stata maje / io accumminciaje a vulà c”o sguardo fisso.

Comm’era bella ‘a coppa chella schiera / comme a surdate vinti, bianchi e nnire.

Era nu pianufforte la barriera / e io c”o sunavo senza fa’ sentire.

Saglievo troppo. Insieme alle paure: / ‘na forza misteriosa m’acalaje.

Vinsi la gravità,  e la Juve pure / e tutta ‘a gente attuorno arrevutaje.

M’emozionai pur’io, pallone e bbuono, / Napule era accussì,  vuleva ‘o sfizio.

Ma chella punizione ‘e Maradona / sulament’ io ‘o ssapevo: era l’inizio.
Il Ciuccio

Il Ciuccio ilnapolista © riproduzione riservata