Il mio Borussia-Napoli, la sagra del se…

– Del trittico di batoste, questa è la meno devastante.
Forse perché, intimamente, me l’aspettavo.

– oggi ho notato che si è passati alla sagra del “se”:
Se l’arbitro non avesse fischiato quel rigore assurdo dopo 10 minuti…
Se nell’episodio, al posto dell’ingenuo Fernandez ci fosse stato Baresi…Se il diagonale di Calle fosse stato due mm. più a destra…
Se il palo fosse stato piantato 2 mm più a sinistra…
Se Higuain l’avesse tirata rasoterra…
Se il portiere tedesco avesse avuto una mano più flaccida…
Se Reina non avesse aperto le gambe…
Se Insigne fosse entrato prima…
Se Armero avesse avuto una tonsillite prima della gara…
Se avessimo avuto più cinismo e più fortuna…
Se uno solo di questi episodi si fosse verificato…

…sarebbe stata una partita completamente diversa.

– Di contro:
Se Lewandonski non avesse avuto il piede di Matri sotto porta…
Se Reina avesse beccato la stessa tonsillite di Armero nel pre partita…
Se Blacicoski (lo scrivo come meglio mi viene) l’avesse tirata meglio…
Se la madre di Behrami quella sera avesse acceso la tv…

…sarebbe stata una goleada.

– Alla lettura delle formazioni, c’è chi ha detto: questo è pazzo.
E chi: questo è un grande allenatore.

– Di certo, questo è un allenatore che prende rischi e non vuole alibi.

– Di certo, è ciò che negli anni precedenti volevamo e dicevamo che ci mancasse.

– Prima della gara.
Vialli: prevedo un 3-1 per il Borussia.

– All’ingresso delle squadre in campo.
M. Marianella (su sky): il Dortmund viene da 3 sconfitte di fila. È nel momento più delicato della gestione Klopp. Non può fallire.
Bergomi: non vorrei che per la qualificazione pesasse il gol subito all’andata.
Marianella: il Napoli non ha mai vinto in Germania. Mi ricordo il 5-1 di Brema…
Io: ma costoro, a fanculo mai?

– nel guardare i volti dei calciatori, ho beccato quello dal nome inscrivibile ex Genoa (Papastapopulos?!). Ho preso un po’ di coraggio.

– Dopo 10 minuti di nulla, il clone di Mazzoleni spagnolo ha regalato un rigore ai tedeschi.

– Sono i momenti in cui si rimpiange l’esperienza e il peso del nome di un giocatore. Un rigore così l’avrebbero fischiato contro a Fernandez, Chiellini, Mexes, Puleo, non a Puyol, Baresi o Passarella.

– Non ci siamo disuniti. Abbiamo iniziato a recuperar palla e a pressare. Intanto Lewa si è mangiato un gol, dopo un buco clamoroso collettivo della difesa.

– Il tiro di Calle è rimbalzato sul palo.
E subito dopo nel mio stomaco.

– Il parente di Mazzoleni ha iniziato la “gestione” della partita: 38 gialli a noi, 1 a loro.

– L’infamità di questo gioco in 30 secondi:
Azione pulita e manovrata; Higuain si è ritrovato solo davanti al portiere che usciva a valanga; tiro e palla sul guantone del numero uno tedesco che intanto aveva girato la faccia per paura di prendersi una pallonata in bocca;
Occasione fallita; contropiede veloce, velocissimo; difesa napoletana scoperta; palla tra le gambe di Reina. 2-0.

– poi, è entrato Lorenzo.
Un, due, tre stella!
Manco il tempo di voltarci che Insigne ha accorciato le distanze con un bel diagonale.

– Con Valon sugli scudi abbiamo di nuovo riportato grinta e pressione ai gialli.

– Quando ho cominciato a credere davvero in una incredibile rimonta… mi sono ricordato dell’esistenza di Armero… 3-1.

– Non so come andrà l’ultima con l’Arsenal, ma sono certo che questa squadra meriti che io ci creda.

– Gli inglesi sono forti. I favoriti.
Ma sono ancor più certo che solo al San Paolo i pronostici possono essere sovvertiti.

– E comunque sia, se questa squadra deve uscire dalla competizione, merita gli applausi. A prescindere.

– E comunque, una squadra che (potenzialmente) ottiene 12 punti in un girone del genere, non merita l’Europa League.

– E comunque, a proposito dei “se”: se sabato avessimo messo in campo il 10 % di ciò che è stato sputato a Dortmund, oggi a Parma sarebbero in cerca di un nuovo allenatore.

– Ecco, quella di sabato non se n’è mai scesa.

– L’obiettivo, come prima, resta il campionato.
Rialziamoci. Subito. Senza se.

Forza Napoli Sempre
La 10 non si tocca.

Gianluigi Trapani

ilnapolista © riproduzione riservata