Caro Max, Cavani e’ una grande perdita ma il Napoli non sarà un’altra Udinese

Certamente se Cavani va via sara’ una grande perdita. Chi può affermare il contrario? Un capocannoniere non lo si guarda partire senza rimpianti. In particolare nel caso dell’uruguaiano. Che qui é cresciuto . Che qui è esploso. Qui si é consacrato come uno dei più forti attaccanti al mondo. Ed ha inoltre legato il suo nome alla stagione della rinascita del club azzurro.
Detto ciò di una cosa sono certo. Se veramente il giocatore sarà ceduto il Napoli comunque non ripartirà da zero. Come qualcuno paventa. E proprio pensando alla vicenda Cavani mi é tornato in mente il titolo del film che decretò l’ingresso di Massimo Troisi nell’ Olimpo del cinema italiano. Ricomincio da tre. Ecco il Napoli ricomincia proprio da tre.
Innanzitutto penso ad Hamsik. Fuoriclasse assoluto. Protagonista di una stagione strepitosa. Finalmente uomo squadra continuo e solido. Capace di mandare in goal i compagni. Come di andarci personalmente. Capace di costruire e di lavorare in copertura. Insomma un campione di razza.
Poi penso a Lorenzo Insigne. Il ragazzo ha doti tecniche eccezionali. Tali da farne un fuoriclasse potenziale. Diventerà un fuoriclasse a tutto tondo? Chi può dirlo. Certamente nella nazionale under 21 ha esibito numeri di alta scuola. Ed occorre dargli l’opportunità di manifestare a pieno le sue capacità in campionato. Cioè puntare su di lui come titolare nella prossima stagione. Se son rose…..
Infine il terzo é Benitez. Allenatore molto esperto. Con un medagliere di tutto rispetto. Due campionati spagnoli. Una coppa d’Inghilterra. Due Europa League. Una Champions League…. Insomma un signor tecnico. ” E’ un grande allenatore. Con una cultura europea del calcio. Ma tatticamente è un italiano. Attento, perfezionista. Sempre avanti con la metodologia. Anni fa già riprendeva gli allenamenti per monitorare i giocatori…” Ha detto parlando di lui Edy Reya.
Ovviamente i tre sono soltanto un punto di partenza. Poi verrá la campagna acquisti. Nella quale occorrerà scegliere calciatori mirati secondo le indicazioni del tecnico. La società , se Cavani va via veramente, sarà chiamata ad una prova “di maturità aziendale” senza precedenti. Investire al meglio i 63 milioni intascati per la cessione del cannoniere. Abbiamo più volte ricordato esempi di squadre che dalla cessione di un fuoriclasse (Inter- Ibrahimovic, Juventus-Zidane…) hanno trovato la spinta per diventare ancora più forti. Vincendo campionato e coppe nella stagione successiva alla cessione. Su questo terreno si giocherà la vera partita. Valutando le scelte da questo punto di vista sapremo se il Napoli, come dice Max Gallo, é condannato a non essere più dell’ Udinese (societa’ per altro degna della massima ammirazione). O se vi é lo spazio perché il Napoli si inserisca stabilmente tra le prime della classe. Io sono fiducioso.
Guido Trombetti

ilnapolista © riproduzione riservata