Matador che delusione, salvo Pandev e il portiere

DE SANCTIS 6 – Buoni interventi su due punizioni di Pirlo, poi evitando l’autogol di un compagno e bella parata su un gran tiro di Marchisio. Nel finale sventava ancora una conclusione di Del Piero. Prende il terzo gol sul suo palo.

CAMPAGNARO 5,5 – Era stato il migliore della difesa, spegnendo le iniziative di Vucinic e spingendosi anche avanti (una volta penetrando perentoriamente nell’area della Juve), poi s’è fatto giocare da Vidal sul raddoppio bianconero.

CANNAVARO 5 – Controlla Borriello, sbaglia molti lanci, sui gol non c’è.

ARONICA 5,5 – Senza colpe. Un paio di salvataggi (uno su Vucinic). Ma gara grigia.

MAGGIO s.v – Esce dopo 24 minuti per l’infortunio che lo affligge dalla gara col Chelsea.

DOSSENA 5 – Entra dopo l‘uscita di Maggio. In ombra. Un paio di cross. In difficoltà contro Lichtsteiner. La cosa migliore è stata una “murata” a Vidal sul tiro del cileno diretto in gol.

INLER 5,5 – Buona partita, ma non incisiva. In difficoltà, nel secondo tempo, contro la corsa di Marchisio. Avvia qualche buona azione offensiva, ma è lento nei contrasti. Esce al 61’.

PANDEV 6 – Entra per Inler e dà una scossa alla squadra. Ma quando entra in area è accerchiato e perde la palla. Qualche buona combinazione con Lavezzi.

GARGANO 5,5 – Corre contro i portatori di palla della Juve, ma Vidal gli fa vedere i sorci verdi.

ZUNIGA 5 – Prima a sinistra contro Lichtsteiner, poi a destra contro De Ceglie. Manca il raddoppio su Vidal in occasione del secondo gol della Juve.

LAVEZZI 5,5 – La difesa della Juve (la migliore del campionato) non gli dà scampo. Fornisce ad Hamsik un prezioso assist che Marekiaro non sfrutta (13’). Fuori bersaglio i pochi tentativi di mirare la porta di Buffon. Rientra generosamente, ma alla fine delle sue sgroppate è sempre bloccato dai difensori della Juve.

HAMSIK 5 – Doveva controllare in prima battuta Pirlo, ma non è il suo mestiere. Marcatura sempre larga e Pirlo ha fatto il suo gioco senza intralci. Spreca un’occasione favorevole in avvio (13’) quando sull’assist di Lavezzi sta per superare Buffon, ma perde l’attimo per controllare la palla che finisce fuori. Una conclusione alta. Esce al 71’.

DZEMAILI 5 – Entra per Hamsik e non ha modo di farsi vedere. La Juve difende in massa quando il Napoli tenta di attaccare e lui finisce fra troppi juventini perdendo palla.

CAVANI 5 – Una delusione profonda. Non è stato mai in partita. Un solo tiro (77’ fuori). Ha girato a vuoto nel tentativo di fare pressing sui difensori della Juventus. Nelle dichiarazioni della vigilia era stato il più convinto di un successo del Napoli. In pratica, non ha partecipato al match.

MAZZARRI 5 – Rischia Maggio, non del tutto recuperato, e lo perde subito. Sulle temute punizioni di Pirlo, la difesa è sempre in apprensione. Però vengono a mancargli i tre tenori per intimorire la Juventus. L’ingresso di Pandev lo illude. Il Napoli è sempre chiuso in attacco e non ha fatto un tiro in porta. Forse doveva sostituire Cavani inesistente. Lascia Vargas in panchina. Ma dopo 50 minuti di equilibrio, il Napoli ha complessivamente ammainato le vele, senza la grinta del suo allenatore. Voleva un Napoli sfrontato a Torino, ha visto l’ombra della sua squadra.

MIMMO CARRATELLI

ilnapolista © riproduzione riservata