Inler non mi convince, lento e pure… vecchio

Inter-Napoli, ma anche Inler-Napoli. In città non si parla d’altro. Alcuni siti e quotidiani danno già quasi per conclusa la trattativa che porterebbe in azzurro il centrocampista elvetico. Eppure, a rischio di passare per pazzo, a mio giudizio è un buon giocatore ma non è una priorità di questa squadra. In primis per la cifra richiesta (manco dovessi cacciarli io..) 15 milioni mi sembra un valore spropositato per le effettive doti del mediano di origini turche. Poi per una questione anagrafica: a giugno Inler avrà 27 anni, non tantissimi ma neppure pochi. Inoltre Gokhan mal si assimilerebbe al modulo di Mazzarri, centrocampista abbastanza statico, predilige giocare in un centrocampo a tre in cui preferisce agire da vertice basso. Finissimamente intelligente nel posizionamento tra la linea arretrata e quella mediana, sopperisce al deficit di corsa con un acume tattico raro a vedersi. In pratica sarebbe quasi l’alter ego di Pazienza con qualche centimetro in più e una prestanza fisica leggermente superiore. Sarebbe un tassello importante ma certamente non fondamentale nel progetto di crescita a cui ambisce la società azzurra. Poi, detto senza imbarazzi, dispiacerebbe veder relegato sempre più nelle retrovie Yebda: non un campione, ma uno che comunque il suo contributo lo offre con regolarità.
Le priorità sono altre per permettere il salto di qualità a questo Napoli. Un difensore di piede mancino veloce (che non è Britos ma potrebbe essere Mantovani) e un vice-Lavezzi per completare la rosa. Se proprio il buon Mazzarri richiede un centrocampista bisognerebbe fare ogni sforzo per acquistare un altro calciatore di cui presto se ne sentirà parlare: Jucilei. Centrocampista di colore del Corinthians, alto un metro e ottantacinque centimetri, classe 1988 (quattro anni di meno rispetto a Inler). Jucilei ha una caratteristica che Inler non ha: corre, corre tanto tanto e velocemente. Fisicamente è un colosso, calcia più che discretamente con entrambi i piedi, molto mobile, predilige agire prevalentemente sul centro-sinistra, è puntuale e intelligente nei tempi di inserimento. È un acquisto da fare immediatamente prima che le grandissime ci si buttino a capofitto. E poi, motivo non trascendentale, costa poco più della metà di quanto l’Udinese richiede per Inler e certamente accetterebbe un ingaggio considerevolmente inferiore a quello dello svizzero. Si parla di un interessamento della Fiorentina nei suoi confronti. Si prepara quindi un’altra Corvinata… speriamo che Bigon non resti a guardare.
L’Italia in fondo è terra di santi, poeti, navigatori e allenatori… ultimamente anche di direttori sportivi… e io non faccio eccezione… Spero solo che qualcuno suggerisca a Bigon di leggere questo mio pensiero. Datemi pure del presuntuoso ma mai come questa volta sono sicuro del talento di un giocatore in funzione del modulo questo Napoli.
Valentino Di Giacomo

ilnapolista © riproduzione riservata