L’idea della 10 diventi business per beneficenza

Difendiamo i sentimenti col business o, almeno, con la beneficenza. La maglietta n. 10 del più grande di sempre diventi più di una reliquia, la si metta in vendita negli store autorizzati e convenzionati. Ipotizzo una  camiseta azzurra sul retro della quale stamperei: “10” e “MARADONA” appena sotto. Con un carattere appena più piccolo, aggiungerei: “dieci per sempre”.
Potrebbero sbizzarrirsi i grafici e i creativi con l’autografo stilizzato del Pibe e quant’altro. Anche perché la maglietta sarebbe un modo per sperimentare il successo di vendite ed eventualmente ragionare sulla commercializzazione di felpe, tute, palloni.  DAM è stato così generoso, nelle interviste, da dichiararsi d’accordo con l’eventuale “regalo” a Lavezzi del numero 10 ritirato. Ma se proprio di regalo deve trattarsi, il presidente avrebbe la possibilità di un gesto ancor più nobile, concordandolo – è ovvio – con Diego: dare in beneficenza i proventi delle vendite della camiseta. Invece di farlo al Pocho, il dono si consegnerebbe in questo modo a chi ne ha bisogno. Quanti sarebbero disposti a spendere qualche decina di euro per acquistare la maglietta di Diego Armando? Non lo so. Ma la presente vale come prenotazione.

Giuseppe Pedersoli

ilnapolista © riproduzione riservata