Torres a Napoli, non succede
ma se succede

Mi viene da sorridere. Prima che finisse il campionato, nei vari discorsi che si fanno a fine stagione con la mia banda sul “a chi c’avimm accattà ll’anno prossimo?”, ho sempre espresso, quasi per gioco (viste le cifre), la mia predilezione verso el Nino, che a me personalmente fa ascì pazz (nonostante non stia facendo vedere un emerito tubo al mondiale). Cioè, l’ho sempre detto per sdrammatizzare quando i dialoghi si accendevano su questo o quell’altro attaccante. Un pò per stemperare i toni. “Uà, el nino?!Ahahah”, questo è il tipico e divertito commento alla mia scherzosa ed ironica uscita. E sinceramente anch’io ho sempre riso, perchè l’ho sempre reputata una strada utopica e impercorribile per l’attuale Napoli, un pò come quando sognavo che Aurelio,  impazzito e stonato da una insolazione , ci avrebbe comprato Balotelli. Nel corso del tempo infatti ho accantonato entrambi nel mio bel cassettino onirico perchè l’idea della società è sempre stata un’altra, molto diversa da questa, molto diversa da quella dei tifosi non ragionieri. E non so se per una forzata strategia o per una incapacità di cogliere le opportunità.  Si è sempre pensato ad attaccanti con altre caratteristiche, da scegliere fra sconosciuti (se non intravisti su qualche video multimediale), ex campioni, giovani promesse o tra qualche eterna scommessa che s’è stufata di questa etichetta immortale. Giocatori che facessero sempre quadrare i bilanci, che non avessero pretese sui diritti d’immagine e soprattutto che non superassero  il tetto, il camino e l’antenna degli ingaggi… Finora è stato così, e così penso (ma non spero)che sarà…

…ma ora, leggendo l’articolo di Gallo, m’è venuta una sorta di frenesia, cioè, mi dico:e se succede?

No, no, lo so, è impossibile, è solo una voce inventata (non quella di Max, eh), una bufala giornalistica. Lo si dice solo per far vendere quante più copie possibile, e poi, Torres, figurati se pensa di venire qui, con quello che guadagna,eh. Non può mai succedere. Domani si tornerà sulla terra ferma a parlare delle incontinenze di Fred, delle similitudini tra la moglie di Acquafresca  e quella di Di Natale e del desiderio di ogni inizio stagione di Trezeguet di accasarsi altrove(per poi rimanere con qualche milioncino in più alla Giuve). El Nino? El Nino è impossibile, è fantacalcio, costa troppo, scordiamocelo…

…ma se succede…
Gianluigi Trapani

ilnapolista © riproduzione riservata