Aurelio: vendere e integrare senza sfasciare

Prima vendere, poi integrare. Parola di Aurelio De Laurentiis che ha parlato al sito internet mediagol.it che ha ipotizzato anche un interesse per Edinson Cavani. “Il Napoli – dice De Laurentiis – deve sanare gli sbagli del passato. Noi abbiamo giocatori in esubero e non possiamo stare in ritiro con tutti questi giocatori, quindi la priorità assoluta per la nostra società è quella di piazzare altrove nel rispetto dei giocatori stessi e con la loro possibilità di crescita ulteriore. Soltanto dopo avver sistemato tutti quanti i calciatori in esubero ci muoveremo per riempire quei tasselli con le pedine che mancano. Poi Zamparini è un amico, una persona adorabile. Ha avuto il coraggio di invesstire molti soldi sui giovani e condividiamo in merito la stessa teoria. Se i giovani hanno classe ce l’hanno, non bisogna dire ‘ah, ma quello ha 19 anni…’ perché quello o ha la classe a 19 anni ed è un fenomeno o non ce l’ha e non sarà mai un talento. L’esperienza   la si può anche insegnare, motivo per il quale è importantissimo avere un allenatore, un direttore sportivo e uno staff tecnico che stia vicino a questi campioni che sono pur sempre e rimangono dei ragazzi. Senza la partenza ad handicap probabilmente quest’anno noi saremo arrivati terzi quindi non credo ci sia molto da sfasciare e distruggere nel lavoro che è stato fatto  c’è soltanto da allestire una rosa con 16-17 elementi per campionato e coppa Italia e poi bisogna aggiungere altre 6 persone perché con un team di 22 calciatori, così come richiesto da Mazzarri, si disputeranno tranquillamente anche le partite internazionali dell’Europa Leagu

ilnapolista © riproduzione riservata