LE PAGELLE DEL RETTORE
Bari-Napoli 1-2

La pagella di Bari-Napoli 1-2 a cura del rettore dell’Università Federico II Guido Trombetti.

DE SANCTIS – 7 – Una sicurezza assoluta.
GRAVA – 6,5 – Dimenticato il Parma. Torna sui livelli di grande affidabilità cui ci ha abituato quest’anno.
RINAUDO – 6 – Buona prestazione contro un attacco non trascendentale. Alla fine del primo tempo prende un rischio inutile dando a De Sanctis una palla velenosa. A proposito dove era sul goal di Almiron?
CAMPAGNARO – 6,5 – Giocatore duttile e con personalità (talvolta troppa). A me piace di più in questa posizione di spinta.
SANTACROCE – 6 – Al rientro dopo tanto tempo va solo incoraggiato.
HAMSIK – 5,5 – Nella memoria mi resta un grave errore, nel primo tempo,in fase di conclusione. Ed alcuni errori in fase di appoggio. Tocchetta, giochicchia. Non affonda le ripartenze anche quando potrebbe. Boh!
GARGANO – 7 – Quando dimentica di essere Gargano e non Maradona commette errori irritanti. Però è insostituibile. Contrasta e riparte con la consueta generosità ed efficacia.
PAZIENZA – 7 – Lucido, ordinato. Quante chiusure provvidenziali. Uno di quei giocatori della cui importanza ti rendi conto quanto non c’è.
ZUNIGA – 6,5 – Ancora una volta a sinistra. Spinge ma arriva raramente al cross. Fatica molto su Alvarez ma non gli lascia molte occasioni per emergere.
LAVEZZI- 8 – Giocando tra le linee trova un grande goal che sblocca la partita. Non perdona messo davanti al portiere per il secondo goal. Vuoi vedere che è diventato un goleador? Si sacrifica anche in copertura. Oggi uno contro uno incontenibile.Negli ultimi minuti, rimasto solo in attacco, pur di guadagnare tempo avrebbe (meritoriamente) dribblato anche la mamma.
DENIS – 5,5 – Presenza poco incisiva. Per carità, ce la mette tutta. Ma il giocatore è quello.
BOGLIACINO – S.V. – Entra in partita e dà una mano nell’ultimo quarto d’ora. Quando lo chiami risponde sempre “ Presente”.
DOSSENA – S.V.
MAZZARRI – 6,5 – Partita ben preparata. Ottime alcune scelte (magari obbligate). Campagnaro più avanzato. Il passo di Zuniga  contro quello di Alvarez.
Guido Trombetti

ilnapolista © riproduzione riservata