Insigne: «Finché starò a Napoli, voglio dare il 110%»

Intervista al Corsport: «Vogli restare a lungo a Napoli ma ho 28 anni e può arrivare un’offerta irrinunciabile. Higuain non è mai venuto a salutarci negli spogliatoi»

Insigne: «Finché starò a Napoli, voglio dare il 110%»

Insigne ha concesso un’intervista al Corriere dello Sport, a firma Antonio Giordano. Dichiara di stare bene fisicamente. Il piatto forte sono le dichiarazioni sul mercato. Sulla sua eventuale possibilità di partire.

Dello sfogo dopo Sassuolo-Napoli dice: «Da napoletano le pressioni sono maggiori, la gente da te si aspetta di più. Le responsabilità hanno effetti positivi ma anche negativi. Non siamo macchina, un periodo buio è inevitabile».

«Ora non ci penso neppure (a giocare con un’altra maglia, ndr). Però so bene che magari in giro possa esserci qualcuno che mi stimi. Ma non esistono squadre né interessamenti. Ho il dovere di pensare, senza essere immodesto, che in questi anni con il Napoli abbia dato qualche dimostrazione di ciò che so fare».

Mino Raiola e quindi il pensiero che voglia andar via.

«Niente di tutto ciò e siete liberi di non crederci. Ma ritengo che Raiola, con Mendes, sia il più forte in circolazione e che rappresenti un’autorità in materia. Ma non c’è dietrologia. Finché starò qui, darò sempre il 110 per cento e voglio starci a lungo».

«So anche che ho 28 anni e che possa capitare, in carriera, di ritrovarsi dinanzi ad un’offerta, come dire?, irrinunciabile. Questo sì, può succedere».

Infine, un passaggio su Higuain: «Non mi andò giù il suo modo di esultare. La Juventus fu una sua scelta, libero di prenderla ci mancherebbe, però poi ci siamo incrociati altre volte e mai una volta, mai una dico, che sia venuto a salutarci nello spogliatoio, come pure sarebbe stato naturale fare. Vuol dire, allora, che ce l’aveva anche con noi, con i suoi ex compagni di squadra che lo hanno aiutato a segnare 36 gol».

 

ilnapolista © riproduzione riservata