Le offerte per i diritti Tv: Sky punta all’intera Serie A, approccio opportunistico per Mediaset

Tripla offerta per Sky: satellite, multipiattaforma e trasmissione internet. Mediaset, invece, gioca al ribasso per il pacchetto relativo al digitale terrestre.

Le offerte per i diritti Tv: Sky punta all’intera Serie A, approccio opportunistico per Mediaset

Tutte le indiscrezioni

Calcio&Finanza fa un punto sulle indiscrezioni arrivate da Milano in merito all’asta per i Diritti Tv del prossimo triennio del campionato di Serie A. Le notizie Ansa e di Radiocor spiegano l’approccio delle varie aziende editoriali al bando della Lega. Per quanto riguarda Sky, doppia offerta: per il satellite (160 milioni base d’asta, otto club tra cui i migliori sei tranne la Roma) e per i pacchetti multipiattaforma, ovvero partite che saranno trasmesse su satellite, digitale o internet in base alle scelte dell’aggiudicatario. Questo agglomerato di match e club, che include i diritti in esclusiva per la Roma, aveva come prezzo base d’asta 310 milioni (144+166).

In tutto, le buste pervenute nella sede della Lega sono cinque. Sky ha infatti presentato anche un’offerta per la trasmissione internet di 248 partite (base d’asta 160 milioni). L’azienda di via Rogoredo, per questo pacchetto, dovrà concorrere con Tim e il gruppo Perform.

Per il digitale terrestre, Radiocor racconta di un’offerta al ribasso di Mediaset. Prezzo base d’asta di 260 milioni, ma l’azienda del Biscione avrebbe deciso di rimanere bassa, proponendo una cifra inferiore (tra 220 e 240 milioni). La concorrenza è rappresentata dal gruppo Italian Way Srl, che farebbe capo all’imprenditore Francesco di Stefano. L’offerta di Mediaset sarebbe relativa al cosiddetto pacchetto B della Lega Calcio, che riguarda 248 partite in modalità digitale terrestre. Tra queste ci sarebbero tutte quelle delle quattro big (Juventus, Milan, Inter e Napoli) più Lazio, Fiorentina ed altre due squadre. Nelle prossime ore ci saranno le prime reazioni da parte della Lega, che punta a incassare oltre un miliardo per il prossimo triennio.

ilnapolista © riproduzione riservata