Feyenord-Napoli 2-1, pagelle / Dicembre nero, disastro Albiol e depressione ucraina

Una partita orribile. Il senso dei pochi minuti di Rog. Ounas avrà un posto stabile nel 2020 (forse)

Feyenord-Napoli 2-1, pagelle / Dicembre nero, disastro Albiol e depressione ucraina

REINA. Non è la notte dei miracoli, cara Ilaria, e in terra olandese Pepe si ritrova folletto verde e disoccupato e ben due gol al passivo. Quando non è destino, e stasera non lo era, escono le combinazioni più grottesche – 6

Doje tiri, doje gol, doje frittur – 5,5

Senza macchie

MAGGIO. Intendiamoci, il veterano Maggio continua a fare il suo, senza macchie particolari e guadagnandosi la pagnotta della sufficienza. Epperò, a lungo andare la fascia destra si “normalizza” peggio che con Hysaj e abbiamo detto tutto – 6

Ha trentacinque anni ed è uno dei migliori in campo, stasera. Lo fa capire subito, quando dopo una sola manciata di secondi tenta addirittura il primo tiro. Non si può non sottolinearlo – 6

Il senso di Mario Rui

MARIO RUI dal 63’. La perdita della sinistra, in senso di fascia, è una voragine sanguinosa per l’ideologia sarrita e Mario Rui non blocca affatto l’emorragia. Né quando parte dall’inizio, né quando entra dopo. Il senso del suo acquisto, per le sue condizioni fisiche, è un mistero doloroso. Molto – 5

La cosa più avvincente che fa è bagnarsi i capelli prima di entrare in campo nonostante il gelo – 5

ALBIOL. Parte benissimo ed è sponda preziosa nell’azione del vantaggio azzurro. Indi conferma la sua involuzione difensiva degli ultimi tempi: Jorgensen e St. Juste gli sbucano alle spalle beati e allegri e infilano di testa Pepe. Che fine ha fatto Albiol? – 4,5

Non lo so, Fabrizio, ma così è inguardabile – 4

KOULIBALY. La squadra si spegne per le notizie provenienti dal fronte ucraino ma lui, fiero pilastro, mantiene la linea e le prende tutte di testa, quelle di sua competenza – 6

L’ho visto cadere, nel secondo tempo. Non ricordo chi lo ha buttato a terra. Mai visto Kalidou franare così sotto i colpi avversari – 5,5

HYSAJ. Copre copre copre ma non contrasta per nulla la spinta del pareggio olandese – 5

In Italia a sinistra non funziona nulla. Stasera neanche nel Napoli – 5

Allan alla Vasco Rossi

ALLAN. Persino lui, stasera, vuole stare spento, per cantare con Vasco Rossi. Un mastino opaco – 5

Però è uno degli ultimi ad arrendersi in campo – 6

ROG dal 60’. In due anni continua ad avere solo ritagli e manciate di minuti, nonostante il talento e la voglia di fare. Tutto questo ha un senso? – 6

No, non ce l’ha. Potremmo spendere parole sulla mancanza di senso all’assenza di Rog in campo proprio in un momento in cui la luce nelle teste di quasi tutti gli altri è spenta, Fabrizio – 6

DIAWARA. Amministra senza osare in una partita in cui il Napoli gioca solo i primi venti minuti – 6

La punizione che batte per il gol è bellissima – 6

Sarà la prossima volta

HAMSIK. Gli scippano all’ultimo secondo un gol a botta sicura. Il resto è la solita solfa senza acuti, mediocre nel vero senso del termine – 5

L’uomo del “sarà per la prossima volta”. Peccato che in questo caso non ce ne sia un’altra – 5,5

CALLEJON. Di fronte ha un esordiente men che ventenne ma non ne approfitta quasi mai, se non per un rigore che l’arbitro inglese si rifiuta di vedere. Quando il sarrismo segna il passo in velocità e palleggio, Callejon è un vagabondo che ha perso la strada – 5

Sarà il freddo, ma è come se si nascondesse dietro le maniche lunghe della maglietta e i calzettoni come autoreggenti. Sembra essere in campo per sbaglio. Svogliato, quasi un fantasma. Che depressione vederlo così – 5

Viva viva l’anarchia

OUNAS dal 74’. Entra e strattona con un paio di giocate i compagni dormienti. Ma si sa: è un talento anarchico senza disciplina e troverà posto stabilmente nel 2020 – 6

Ahahhahahahaahhahahaha (il voto è chiaramente una provocazione, anche se per la freschezza del cervello meriterebbe almeno un 6,5) – 8

MERTENS. Un lampo, uno solo, al 18’: anziché tagliare per Callejon, dialoga con Hamsik e si ritrova finalmente solo davanti al portiere. Un falso allarme, purtroppo – 5

Dopo quel lampo, il blackout – 5

La luce in mezzo al tunnel

ZIELINSKI. Neanche due minuti e battezza la sua novella vice-Insignità con un gol facile e potente. Nella fascia di sinistra è quello che si dà più da fare, con i suoi piedi e le sue qualità. Ed è una novità positiva, l’unica di stasera – 6,5

La luce nel dramma del buio più pesto – 6,5

SARRI. Il primo obiettivo della stagione, gli ottavi di Champions, è saltato. E dicembre è cominciato nel peggiore dei modi, dopo l’ouverture bianconera. D’accordo, avesse avuto Higuain stasera sarebbe finita diversamente. Ieri però ha rimpianto Milik. Il sarrismo in crisi è un’ideologia contorta: Milik era in campo a settembre contro lo Shakhtar e allora invocammo Mertens, nella sua fase migliore. Andiamo a casa in una partita purtroppo decisa altrove, in Ucraina. Ma resta la soddisfazione in Champions di aver ripetuto con il Manchester la mezz’ora di calcio più del mondo, dopo quella con il Real – 5

Io invoco solo il Padreterno, Fabrizio. E, invocandolo, mi taccio – 4

ARBITRO OLIVER (inglese). A trentadue anni bisognerebbe avere una vista da vedette alpine. Lui, invece, non vede un rigore su Callejon a pochissimi metri da lui – 4

Su questo, invece, non ho lesinato parole che non sono riportabili qui. Ma tanto: sarebbe servito, quel rigore? Solo a fare una partita meno disgustosa, forse – 4

Adottateci!

IL PUBBLICO DEL FEYENOORD. Riempiono lo stadio a zero punti in classifica nel girone di Champions. Una lezione per tutti – 10

È anche troppo poco, come voto. Una sola parola, per loro: ‘Adottatemi’ (a me e agli Ultràs napoletani, che, in vecchiaia, mi trovo a rivalutare) – 10

ilnapolista © riproduzione riservata
  • Diego della Vega

    Finite con l’elogio dei tifosi del Feynoord che sono stati lì a festeggiare tutto il tempo ma avete scritto pagelle deprimenti piene di risentimento contro tutto e tutti. Siete esattamente l’antitesi di quel tipo di tifosi. Non avete mai menzionato le attenuanti per la partita di ieri che ha smesso di essere partita sul 2-0 per lo Shaktar. Solo voi non vi siete accorti che in campo quelli del Napoli hanno smesso di correre alla comunicazione del secondo gol ucraino.

    • 26_07_06

      Magari fosse come dici, magari. Ho paura che se hanno smesso di correre è perché la benzina è quasi finita.

      • Domenico Sapio

        Mi dici un po’ a cosa sarebbe servito rimettere benzina , se ormai la corsa era finita ?

        • 26_07_06

          A vincere magari, così da essere testa di serie in Europa League?.

        • Il Boemo

          sarà pure così ma io la testa sotto dal Feyenoord non me la sarei fatta mettere, una juve secondo me non avrebbe perso la partita, ieri poi la lentezza di Reina, soprattutto nel calcio d’angolo dal quale è scaturito il gol, è stata preoccupante. Lo spagnolo quando non si sente al pieno delle forze dovrebbe farlo presente

      • Frédéric Moreau

        In effetti vedo sempre molti più preparatori atletici lavorare da casa.

    • Il Boemo

      Hamsik il migliore in campo diventa il peggiore, lol

    • nith

      Quando le prendevamo in Ucraina o vs il City andata e ritorno quali attenuanti avevano? I dati parlano chiaro: 6 partite, 4 sconfitte.

  • luxlu

    D’accordissimo su tutte pagelle.

    La giocata no-look di Ounas che ha lanciato Mertens mi ha fatto salire l’ittero come poche cose al mondo. Il Pub dove mi trovavo si è arrevotato. Mi sono sentito privato di qualcosa. Non fare giocare i ragazzi di talento è una cosa che nemmeno il più cinico farebbe. Altro che migliore allenatore d’Italia.

    Ma una cosa è chiara, e sentendo parlare Sarri si capisce, più nel tono che in quello che dice. Sarri è un signore arrivato tardi al calcio importante, con molta fatica. Ha un approccio sbrigativo e detesta (ripeto detesta) fare la balia ai ragazzini. Cioè fosse per lui giocherebbe con tutti trentunenni. Perchè lui vuole essere capito subito e 40 anni di differenza con il suo giocatore sono troppi. Lui non vorrebbe stare là a spiegare l’ABC tattica, vorrebbe un Kolarov che arriva da uno squadrone e con cui ti intendi con poche parole. La ragione per cui non sta facendo giocare Giaccherini è un po’ un mistero però, forse semplicemente non gli piace il giocatore.

    • Il Boemo

      Ma in realtà non è così perché, Zeman insegna, il calcio lo fai imparare ai giovani, i trentunenni se non hanno giocato con allenatori che praticavano già un calcio simile, non sanno ad esempio salire in linea come chiede il nostro tecnico, non sanno uscire palla al piede con le triangolazioni dalla difesa e così via. Purtroppo lui come Mazzarri non capisce che in realtà il progetto Napoli è l’ideale per lui, altrove quando capiscono di non riuscire a interpretare bene il gioco di questi allenatori del calcio totale, i campioni o i giocatori esperti che lui vorrebbe tanto gli remerebbero contro molto presto.

  • Nevio Pizza

    gli stessi 12 dal 15 agosto.
    poi stiamo a far le pagelle ad albiol.

    • quqquacha

      Per la verità Albiol è il difensore più sottoposto a turn over. A volte i mantra vi obnubilano i sensi.

      • Nevio Pizza

        anche soffermasi su un esempio , spesso, annulla i sensi.

        • quqquacha

          basterebbe scegliere esempi pertinenti con ciò che si argomenta. Gli esempi errati invalidano le tesi 😉

  • 26_07_06

    Mertens ha finito la pozione magica? Ormai non salta più uno che sia uno di avversario, anche questi olandesi che non sono certo dei fulmini di guerra. Ormai letteralmente ci sbatte contro.
    SPREMUTO

    Callejon impalpabile, in che ruolo gioca? Ormai non si capisce più se gioca per segnare o per difendere. Certo senza Insigne praticamente inutile. Programmato per il taglio alle spalle dei difensori STOP.
    PROSCIUGATO

    Hamsik ormai si parla di lui solo per il gol che manca al record di Maradona, o per l’immancabile sostituzione. Sinceramente mi sembra in confusione e poco convinto dei propri mezzi. Quando va al tiro o cerca una giocata difficile sembra farlo senza convinzione.
    DEPRESSO

    • Eduardo

      Il mastro Sarri ha detto che giocherebbe in dieci pur di non dare soddisfazione alla critica che chiede maggiori turnazioni………un pazzzzzz

      • Mazzarrrrrrrrrrr

      • 26_07_06

        Questa cosa mi ha fatto veramente cambiare opinione su di lui.

  • Eduardo

    Che dire dicembre 2017 come novembre 2016 ora temo per domenica ……perché non c’è due senza tre,,,!!!
    Sarri meriterebbe un uno.
    Cche senso,ha stasera speremere ancora i vari ALBIOL, KK, HAMSIK, Callejon.
    Solo uno stupido poteva dare valore all incontro e allora era l occasione, ancora una volta persa, per far rifiatare gente stanca.
    A Verona contro l helas pensvo che mastro Sarri fosse cambiato, 4/5 cambi nei titolari,ma invece poi è tornato alle sue abitudini …..e tutto ciò non promette niente di buono purtroppo.
    Tantissime colpe ha il mister
    Formazioni sbagliate
    Giocatori poco utilizzati
    Giocatori validi fatti partire
    Incapacità di capire lo stato psico fisico della squadra
    Incapacità di leggere le partite
    Poca flessibilità tattica.
    La sfiga di quest anno e che il campionato non si ferma a Natale; oltre agli infortuni anche quest aspetto non ci favorisce.

    Ribadisco il concetto
    Se la squadra e stanca non puoi chiedergli di fare le stesse cose di quand e in perfetta forma.
    È un suicido.
    Ora spero che la partita di domenica sia preparat con acume tattico e non come è stata preparata quella contro là rube, davvero imbarazzante per un professionista che studia calcio dalla mattina alla ser.

  • Eduardo

    In questi momenti,di difficoltà dovrebbe essre decisivo l apporto del tecnico per realizzare qualcosa di nuovo che possa dare nuova linfa e imprevedibilita ala squadra.
    Io evidenzierei due problemi, Oltre alla conclamata stanchezza.
    1) la scarsa incisività che abbiamo sulla fascia sx.
    2) la scars prolificità dell attacco. A proposito di questo argomento lo sbaglio più grosso è stato quello di non tener una seconda punta in rosa perché se ad inizio,stagione MERTENS lo,consideri anche come alternativa ad insigne, vuo dire che in rosa hai solo una vera punta milik e questo non può bastare.
    Torniamo ai due problemi.
    La,fascia sx………..(altro errore la rinuncia a strinic e qui Sarri e cento,volte colpevole)
    E poco incisiva, RUI sembra tecnicamente valido ma fisicamente non la proromoenza di GHOULAM e il nostro gioco ne soffr.
    Allora si sipotrebbe inventare un KK messo sulla fascia, per vedere se possiamo migliorare la profondità della azione……..si potrebbe impostare una difesa con

    MAGGIO , KIRIKES. MAK. KK
    chiaramente parlo di tentativo, poi solo il campo ci darà il responso.

    Passiamo all attacco.
    MERTENS, a parte il momento di calo fisico, sembra non poter reggere da solo il peso dell attacco contro difesa schierate e allora vedo come una soluzione quella di affiancargli CALLEJON nel ruolo di seconda punta.

    Quindi a questo punto, roba impossibile per la mentalità di Sarri, per superare le difficoltà attuai e sorprendere gl avversari si potrebbero varare due schemi tattici alternativi al 433

    Il 442 ( nn schierando insigne per l infortunio)

    MAGGIO. KIRIKES. MAK. KK

    JORGINH. HAMSIK

    OUNAS. CALLEJON. MERTENS. GIACCHERINI

    Oppure estrema ratio un 352. Sempre per poter schierare le,cosiddette due punte.

    MAK. ALBIOL. KK

    Maggio. ALLAN. JORGINHO HAMSIK. RUI

    CALLEJON. MERTENS
    Anche se il 352non mi convince tanto

    • Luigi Ricciardi

      Eduardo, tu critichi Sarri per essere una capra e ti metti a giocare con formazioni cosi’, e proponi una difesa Maggio, Chiriches, Maksimovic, Koulibaly? Lasciamo stare va,
      A proposito, mi dici come ridurre il debito pubblico italiano? E come risolviamo la fame nel mondo? Per l’ inquinamento che facciamo?

    • Miguel Anglani

      Credo che la difesa a 3 per sarri sia un po come l’ananas sulla pizza.

  • Drago

    6 a Diawara?!? Ciaoooo siete peggio di DisavVentura

  • Enrico Marrucci

    Sono irritato, deluso e incavolato come tutti.
    Però alcune note per amor di precisione: mertens è chiaramente con la lingua a terra ma ogni azione del Napoli ieri lo vede protagonista: sul gol viene anticipato di un soffio ma disturba quel tanto, scambio con hamsik ed è solo davanti al portiere, geniale assist a callejon solo davanti al portiere con hamsik poi anticipato, assist ad Allan che si incunea e viene fermato in extremis, scatta sull’assist di ounas. Grave il gol mangiato ma non è assente.
    Altrettanto callejon che nel primo tempo col suo movimento costringe il portiere ad un salvataggio alla disperata, il difensore a un rigore nettissimo e il guardalinee ad un fuorigioco che non c’era. Nel secondo spariscono i rifornimenti, si libera solo per un sinistro smorzato da un difensore. Callejon è sempre stato questo, un terminale offensivo, se lo servi lui si fa trovare.
    Chi invece non ricordo praticamente mai a parte il gol è zielinski. Non fa nessuna giocata da esterno sinistro. Totalmente inutile. Fuori ruolo laddove un paio di giocatori per quel ruolo li avremmo. E uno appena entrato per 15 minuti fa più di lui in 90.
    Abbiamo giocato una partita da vincere e basta con un terzino difensivo a sinistra, adattato, un centrocampista come ala, adattato, e un regista difensivo, nonché Allan. Non dico di strasbilanciarci ma neanche annullare tutte le nostre qualità…

  • Pessona Pebbene

    Altra botta nella due giorni di coppa: tra qualche anno sarà pronto lo stadio della Roma ( una nostra concorrente di pari livello – irraggiungibile la Juventus ). Per rimanere a questi livelli servono i soldi e lo stadio è determinante. Se sottovalutiamo questi aspetti non capiamo di calcio.

  • Il Boemo

    “HAMSIK. Gli scippano all’ultimo secondo un gol a
    botta sicura. Il resto è la solita solfa senza acuti, mediocre nel vero
    senso del termine – 5

    L’uomo del “sarà per la prossima volta”. Peccato che in questo caso non ce ne sia un’altra – 5,5”

    Ma levate mano non è cosa vostra.

  • cave canem

    Da 10 anni assistiamo a uno spiacevole gioco a rimpiattino tra la dirigenza, da una parte, e i tecnici che in tale lasso di tempo si sono succeduti alla guida della squadra, dall’altra: nessuno si assume pubblicamente la responsabilità del mercato e pertanto non possiamo sapere, ad esempio, perché Maksimovic, Ounas, Giaccherini, Tonelli, ecc., sono a Napoli mentre proprio i due calciatori che servivano in questo momento, cioè Zapata e Strinic, sono altrove.
    C’è qualcosa di osceno, di offensivo, di stano nella mia domanda?

    • Il Boemo

      Maksimovic voluto fortemente da Sarri tanto da dire a fine agosto dell’anno scorso che eravamo corti in difesa fino all’arrivo del serbo.

  • Raffaele Cozzolino

    Amo Sarri, ma la sua incapacità nel mettere se stesso in discussione, alcuni suoi “principi” come dogmi assoluti che fanno si che schieri in campo giocatori come ectoplasmi piuttosto che buttare nella mischia ragazzi meno dotati tecnicamente ma in questo momento almeno spendibili come carattere e grinta, mi lasciano perplesso. Altri grandi allenatori buttano dentro ragazzini di 17/18 anni e noi abbiamo Maksimovic che non può essere peggiore di Albiol attuale.
    O Hamsik che passeggia per il campo da mesi come uno zombie ed ogni partita quindi con un uomo in meno…..