Napoli-Milan, la probabile formazione: i titolarissimi, e qualche dubbio su Mario Rui

La nostra idea sulla formazione di stasera, sui ballottaggi e sulle possibili scelte in vista della partita contro il Milan.

Napoli-Milan, la probabile formazione: i titolarissimi, e qualche dubbio su Mario Rui

Le scelte del Napolista

Napoli-Milan, ci siamo. La formazione di questa sera è un rebus che sembra di facile risoluzione, almeno stando ai rumors della vigilia. Sarri non ha dubbi di sorta, ci saranno i titolarissimi almeno per nove undicesimi. Recuperato Reina dopo l’assenza di Verona, due soli, piccoli e virtuali dubbi. Virtuali, nel senso che noi non ci crediamo. Poi ci saranno Shakhtar e Udinese, partite per le quali è fattibile immaginare delle rotazioni. Prima, però, la sfida a Montella. Vediamo quali potrebbero essere i ragionamenti del tecnico azzurro.

Mario Rui – Maggio

Sarà un dubbio consueto, questo, fino al rientro di Ghoulam (o all’arrivo a gennaio di un terzino sinistro). In pratica, la scelta di Sarri sarà quella di fidarsi o meno di Mario Rui. Dopo Verona, noi crediamo che il portoghese abbia il 65% di possibilità di essere scelto nella formazione iniziale. Anche perché le due settimane di sosta, teoricamente, hanno permesso all’ex Empoli di lavorare sul suo gioco e sulla sua condizione fisica, ovvero i due parametri da migliorare per poter diventare un calciatore di sicuro affidamento per il Napoli. Dal punto di vista tattico, il dubbio non si porrebbe: al di là dell’avversario di questa sera, il Napoli ha bisogno di un terzino mancino, perfettamente aderente a questo ruolo, per poter sfruttare al meglio la fase di costruzione nella zona sinistra del campo. Quindi, semplicemente: Mario Rui favorito. Sarebbe – a parer nostro – la scelta migliore, per Mario Rui stesso e per il Napoli.

Jorginho – Diawara

Si è parlato di questo dubbio, ed è più che altro frutto di un ragionamento: Jorginho è l’unico degli azzurri ad aver giocato una partita vera, con la maglia della propria nazionale – anche se comunque all’inizio della settimana scorsa (Italia-Svezia, lunedì). Quindi, anche in vista dello Shakhtar, suggestione-Diawara. Per noi è un’idea che vale 25 punti precentuali, pochini, anche perché il Milan è una squadra pensata e costruita per giocare a calcio. E quindi, da affrontare con la maggior quantità di tecnica possibile, per affermare il possesso palla e la manovra avvolgente e sincopata della squadra di Sarri. Un sistema che passa da Jorginho, al di là di un suo possibile affaticamento. Per tutti questi motivi, Jorginho avanti. E pure nettamente.

ilnapolista © riproduzione riservata