Il Milan sborsa 6 milioni (netti) l’anno e Donnarumma non è più traditore

Mino Raiola ottiene un contratto da top player, con tanto di clausola rescissoria da 50 o 100 milioni. Il cuore è roba per bonaccioni

Il Milan sborsa 6 milioni (netti) l’anno e Donnarumma non è più traditore

Sotto contratto anche il fratello

Tradimento all’italiana. Basta sganciare l’argent (per dirla alla francese) e tutto rientra nei ranghi. Raiola ottiene un contratto da top player per il suo Donnarumma, sei milioni di euro l’anno, e i tifosi rossoneri perdoneranno Gigio. Anche perché Donnarumma potrebbe ricompensarli con una clausola rescissoria da cinquanta milioni che diventeranno cento in caso di qualificazione alla Champions. La sbandiereranno come una storia d’amore. in realtà, com’è giusto che sia, è una questione di soldi. E anche di nepotismo, il Milan tessera anche il fratello do Gigio. Il Milan ha riconosciuto a Donnarumma quel contratto da fuoriclasse di cui parlava Mino Raiola che ancora una volta è il vincitore della vicenda. Il racconto è che Donnarumma ha rifiutato un’offerta faraonica del Psg. Le favole sono sempre ben accette.

ilnapolista © riproduzione riservata