Dietro l’attacco di Tuttosport alla Juventus c’è l’avvicendamento Agnelli-Elkann?

L’editoriale di De Paola apre il dopo Andrea Agnelli che – nonostante il silenzio dei media – verrà con ogni probabilità squalificato dalla giustizia sportiva. E quindi costretto a lasciare

Dietro l’attacco di Tuttosport alla Juventus c’è l’avvicendamento Agnelli-Elkann?
Andrea Agnelli e il cugino John Elkann

La copertina che trae in inganno

È stato confezionato molto bene Tuttosport, c’è poco da dire. Una copertina che induceva all’errore, con un titolone a nove colonne: “La Juve è questa…” e sotto le foto dei successi in Coppa Italia e campionato. Una prima pagina negazionista, per usare un termine che oggi viene adoperato con pericolosa superficialità. Ma la confezione non rende l’idea del messaggio del quotidiano. Messaggio che invece è efficacemente sintetizzato dal titolo della “reale” prima pagina: “Non si vince a parole”. Titolone che campeggia sui volti a capo chino e affranti di Higuain e Dybala simboli della disfatta bianconera.

L’attacco violentissimo del direttore De Paola

Il direttore De Paola – lo abbiamo scritto qui – ha sferrato un attacco violentissimo nei confronti dell’ambiente Juventus. Non ha risparmiato nessuno. Né i calciatori (“se l’ambiente respira un’aria di leggerezza e si gongola nei selfie, difficilmente si trova la giusta concentrazione e la fame necessaria per centrare l’obiettivo”).

Né Allegri (“Non può una squadra con un obiettivo così chiaro e ambizioso arrivare a questo appuntamento in queste condizioni fisiche e e mentali. Il salto di qualità, caro Allegri, si fa in partite come questa”).

Né Andrea Agnelli “spesso defilato in uno strano snobismo. Ma la Juve, esultanze a parte sugli spalti, quanto gli interessa ancora?”.

Andrea Agnelli sarà squalificato

Ed è proprio Andrea Agnelli il punto. In Italia, ahinoi, il sistema informativo – in particolar modo quando si parla di Juventus – è a dir poco lacunoso. E non soltanto per le imbarcate da tifosi da bar su Cristiano Ronaldo che farebbe panchina alla Juve.

Il processo silenziato dai media

Ma perché in questi mesi si è cercato di tenere sotto silenzio un processo sportivo piuttosto grave che ha visto imputata la Juventus e Andrea Agnelli. La propaganda juventina – operosa persino in queste ore, tra cellule ufficiali e cellule finto-terziste – ha provato a depotenziare l’inchiesta della procura della Figc nata peraltro da una costola di un’inchiesta penale che è sfociata nel processo alle infiltrazioni della ‘ndrangheta in Piemonte. Insomma, quella di ieri sera è stata con ogni probabilità l’ultima ribalta di Andrea Agnelli che a settembre sarà condannato e squalificato dalla giustizia sportiva. Ovviamente non possiamo conoscere l’entità della pena. Potranno essere due anni di squalifica, oppure uno, o ancora sei mesi. La squalifica di Agnelli porterà a un avvicendamento in seno alla Juventus. Da tempo è in atto una battaglia sotterranea e John Elkann alla fine porterà il risultato a casa.

I legami con Rocco Dominello che rischia otto anni di carcere

L’editoriale di Tuttosport può essere anche letto con questa scenografia sullo sfondo. Agnelli pagherà, a livello di giustizia sportiva, il bagarinaggio di fatto autorizzato e concesso agli ultras in cambio della pace nelle curve dello Juventus Stadium. E a far da tramite era quel Rocco Dominello indagato al processo ‘ndrangheta – che non coinvolge dirigenti della Juventus – e per cui l’accusa ha chiesto una condanna di otto anni. Il gip Giacomo Marson ha detto in Aula che «la ndrangheta fa affari con i biglietti della Juve dal 2013. Dominello aveva tutti i biglietti che voleva». In un altro Paese, se ne sarebbe parlato e scritto tanto. Anche se la Juve ha sempre detto – e le hanno creduto – che non sapevano chi realmente fosse Dominello.

È grave quello che è successo in questi anni a Torino, fronte Juventus. C’è anche un morto in questa vicenda: Raffello Bucci, ultras che poi si è scoperto essere un informatore dei servizi segreti. Insomma, una storiaccia. C’è un episodio poco chiaro sugli striscioni esposti allo Stadium per infangare a memoria di Superga e ci sono molti dubbi sul ruolo di Andrea Agnelli.

Insomma, anche silenziato mediaticamente, il processo sportivo alla Juventus porterà alla squalifica di Agnelli. E a un avvicendamento in casa Juventus. La Juve di Andrea Agnelli, con ogni probabilità, è finita a Cardiff.

 

ilnapolista © riproduzione riservata
  1. Bile di che che? Gli Elkann sono quelli che comandano sul serio nella famiglia Agnelli, un avvicendamento non cambia nulla nei rapporti di forza. Ma capisco che in Italia è difficile concepire qualcosa oltre i campanili.

  2. amadeo gardoni 6 giugno 2017, 14:27

    Ecco che con questi articoli da giornalismo di ottava categoria ci rendiamo ancora una volta ridicoli di fronte al mondo. Chiaro che gli juventini ci perculano. Parliamo del Napoli, ragazzi….Date un’occhiata a un sito strisciato come juventibus. Si parla SOLO di Juve. Facciamo anche noi cosi’!

    • Veramente questo è giornalismo vero. Quello di juventibus la solita roba che si legge su gazzetta e compagnia.

      • amadeo gardoni 6 giugno 2017, 21:10

        No che non e’ giornalismo! Sono gossip sulla relazioni tra cugini nella dirigenza della Juventus. E’ una speculazione ridicola su cosa motivi un giornalista del cavolo come Di Paola, che da anti-juventino e’ diventato filo-juventino per far carriera. Citare la sua carta sporca e’ il colmo dello pseudogiornalismo. Non dico che juventibus sia da premio Pulitzer, ma almeno parlano della loro squadra, e non delle beghe interne del Napoli.!

  3. Luigi Borrelli 5 giugno 2017, 16:15

    sognate

  4. Ciccio Bomba 5 giugno 2017, 10:53

    caro ragazzo, la bile che vedi è il riflesso della vostra. siete voi, non noi, che invadete blog di tifosi napoletani. siete voi, non noi, che volete essere riconosciuti come i più forti, i più belli, e dybala è meglio di insigne, e chiellini è meglio di baresi. siete voi, non noi, che inneggiate al vesuvio. siete voi, non noi, l’unica squadra internazionale alla quale vengono riconosciute più ruberie che meriti. vuoi il mondo dorato e finto della tua squadra invincibile? emigra su siti bianconeri.
    esistono, pochi a dire il vero, tifosi bianconeri che scrivono qui in maniera civile e con i quali si argomentano i reciproci punti di vista. ma sono appunto poche eccezioni. il 99% sono frustrati, quelli sì pieni di bile, che sfogano la loro rabbia e insoddisfazione della vita tifando a calcio per il più potente. salvo questa settimana, in cui si sono scoperti perdenti e si sono rintanati nella loro stanzetta con lo spillone e il pupazzo.

    • Mi riferisco alla quantità di articoli che hanno come unico argomento la Juve. Non è travaso di bile quello? E se ne sono lamentati anche diversi commentatori di questo sito.
      Sulla tua sociologia da strapazzo non vale la pena scendere al tuo livello.

      • Ciccio Bomba 5 giugno 2017, 12:28

        eidentemente non conosci il livello dei tuoi colleghi di tifo che imperversano su questo sito, per i quali l analisi spicciola è perfettamente calzante

        • Santiago, il Marchese e Sartre non mi sembrano così malaccio, rispetto al 90% di voi che non risponde argomentando ma con gli insulti, avallati dal moderatore (mentre noi dobbiamo essere perfettini pena il ban).

          • Ciccio Bomba 6 giugno 2017, 12:58

            con il marchese difatti si discute e argomenta. se poi dici che sartre non è malaccio, allora il tuo metro è completamente deviato. il 90% argomenta con insulti? il tuo metro è ancora più deviato. sei completamente fuoristrada, amico. forse leggi tuttosport.

          • Tre bimbiminkia cresciuti.

  5. Ciccio Bomba 5 giugno 2017, 9:52

    si parla di juve, e si può decidere se sia opportuno o no farlo, ma che fine hanno fatto i sartre, i guido71, gli smokintheeyes, i mrwolf? dicevano che intervenivano quando si parla di juve…niente. nelle saetelle sono tornati. pseudo tifosi. mediocri. non c’è coppa che vi renda vincenti. mai.

    • Marchese di Carabàs 5 giugno 2017, 12:12

      Dalla fine della partita ad ora, sul Napolista sono usciti 15 articoli sulla Juve (su Juventibus 5-6). Difficile essere ovunque 🙂

      • Ciccio Bomba 5 giugno 2017, 12:29

        suvvia, è la finale di champions. è giusto analizzarne tutti i suoi strascichi

    • smokintheyes 5 giugno 2017, 17:17

      Tu invece vincente non lo sei ne’ nella vita ne’ nel tifo. Aspettavi solo la sconfitta per fare il gradasso, scendendo cosi’ al livello di tutti quelli che denigri. Con la differenza che noi ti perculiamo basandoci sulle nostre vittorie, non ci serve ricordarti che un Real meno in forma della finale ti ha dato 3 pere in casa e in trasferta. Non ti perculiamo se esci col Dnipro o se il Bilbao ti sculaccia. A te ti tocca tifare per il Real ( la Juve di Spagna, tra l’altro, e te lo dice chi in Spagna ci vive ) per poterti sfogare. Contento tu…

    • Caro Ciccio…
      si vede che non leggi bene.
      Io ho scritto il sabato sera della sconfitta in Champions diversi post.
      Ed ho ricevuto anche complimenti da diversi tuoi colleghi per il “coraggio di essere come un cristiano al colosseo” per essermi presentato, civilmente, anche dopo la sconfitta.
      Ed in effetti ti faccio notare due cose:
      – io intervengo SOLO nei post dove si parla di Juventus; ho fatto una sola eccezione per Hamsik, capitano e grandissimo giocatore che avrei da sempre voluto alla Juventus
      – ogni tanto lavoro…. quindi scrivo quando ho il tempo e la tranquillità giusta per poter leggere, e poi eventualmente rispondere; in effetti ora sono in pausa pranzo….
      Lunica cosa che non capisco è perché cavolo devi sempre offendere!!
      Saetelle, pseudo tifosi, mediocri, mai vincenti…..
      SEI IN GRADO DI ESPRIMERTI CIVILMENTE?
      CON ARGOMENTI?
      Grazie
      Guido 1971

  6. Che vergogna avere un presidente così…

  7. …ma che ci frega!!

  8. io non capisco di cosa si lamentano. basta che fanno come con gli scudetti: dicano che hanno vinto 4 champions, tanto che gli frega, non costa niente…

    • Fabio Milone 5 giugno 2017, 9:57

      Beh loro si gloriano delle finali raggiunte (ben sette!) dimenticando il loro stesso motto: “l’unica cosa che conta e’ vincere”.

      • La tua informazione è errata!!
        Le finali raggiunte sono 9
        Le finali perse sono 7
        E parliamo solo di Coppa Campioni e Champions League.
        Nessuno si gloria per averne perse 7, un numero impressionante.
        Però io sono da sempre orgoglioso di averci provato e di provarci ancora, che prima o poi ne vinciamo un’altra.
        Non è a Napoli che dicono:
        CHI NON TENE O CURAGGIO NON SI CUCCA CO E FEMMENE BBELLE??
        se non l’ho scritto bene mi spiace, ma spero che il senso ti sia chiaro,
        Guido 1971

        • Fabio Milone 6 giugno 2017, 13:55

          Beh averci provato e’ una licenza letteraria; la BB e’ una squadra che magari lascia l’avversario “provarci” – voi siete passivi, avete un gioco disgustosamente cinico e che si basa solo sull’attesa del momento opportuno per colpire (o dell’aiutino arbitrale nei confini italico-sabaudi).
          Detto questo il mio computo era limitato alle finali raggiunte ma perse; per una societa’ per la quale l’unica cosa che conta e’ vincere, gloriarsi di averle raggiunte cozza con quanto rinfacciate a chi vi arriva dietro in campionato irridendoci per il fatto che non abbiamo vinto.
          Passo e chiudo; non amo interloquire con voialtri bassotti.

          • Sono d’accordo.
            Anche io faccio fatica a comunicare con chi scrive una cosa e poi, davanti alle evidenze, ne pensa un’ altra
            Pur di avere sempre ragione.
            Il contraddittorio è impossibile quando i livelli sono diversi.
            E per me questo concetto vale per chiunque senza distinzioni di tifo sesso razza religione….

            Guido 1971

          • Veramente il concetto è molto chiaro. Quando le altre si glorificano di averci provato, magari cercando di portare in campionato un gioco propositivo viene loro rinfacciato che non vincono è che verso di averci provato o solo il fatto di essere contenti di avere una squadra quasi sempre s podio o tra le prime del campionato è da perdenti. Se invece siete voi a perdere “noi almeno ci abbiamo provato”. Ma lo capisco, il tifoso della juve è come il figlio di papà: sbagliano sempre gli altri e pensa di avere il sangue blu.

          • Il tifoso della Juve…..
            Perché devi generalizzare?
            Io sono tifoso della Juve.
            Non sono figlio di papà.
            Non rispondo per gli altri.
            Non pretendo di avere sempre ragione, mi sembra.
            Il mio sangue è rosso come il tuo.
            e soprattutto rispondo per me.
            Se vedi i miei post io ho fatto i complimenti al bel gioco.
            La cosa ridicola sai qual’è??
            CHE QUANDO HO FATTO I COMPLIMENTI mi sono sentito dire FACILE ESSERE SPORTIVI QUANDO SI VINCE……
            Ti rendi conto che ci dono persone a cui non va mai bene niente???
            E lo dico in generale. Vale in tutti i campi e per tutti gli esseri umani.
            Qujndi:
            Se critico ho il sangue blu e sono lo juventino medio dal sangue blu.
            Se concordo FACILE ESSERE etc…etc…
            Così diventa difficile dialogare.
            Scusa sai se mi orsetto di esprimere un concetto personale ….
            Catalogami pure come juventino medio e tieniti la ragione che io non me ne faccio molto.

            Guido 1971

          • Fabio Milone 6 giugno 2017, 15:23

            Questa non te la faccio passare.
            Era chiarissimo il concetto sin dall’inizio.
            Parlavo di vosrta glorificazione delle finali raggiunte ma perse, quando il vostro motto e’ che vincere e’ l’unica cosa che conta e ci deridete per essere arrivati secondi.
            In una cosa hai ragione il contradditorio e’ impossibile quando la diversita’ di livello e’ cosi’ macroscopica.

          • Tu puoi far passare quello che vuoi.
            E puoi non far passare quello che vuoj.
            Quando uno a me dice PASSO E CHIUDO A ME NON PIACE INTERLOQUIRE CON VOIALTRI BASSOTTI io non ci sto.
            e lo dico a te come a tutti quelli che mi definiscono RUBENTINO o RUMENTINO o ZOCCOLA o altro.
            Poi come ho risposto al tuo collega qui sopra sono juventino , anzi, juventino medio dal sangue blu e quindi tieniti le ragioni che vuoi…. tutte…. non me ne faccio nulla.
            Prenditi anche la superiorità nel livello di contraddittorio.
            Così ti dimostrò che da juventino non me ne frega niente del fatto che vincere è l’unica cosa che conta.

            Guido 1971

          • Secondi o terzi?
            Comunque io non prendo in giro nemmeno gli ultimi.
            Anzi.
            Premesso che parlo solo di Juve, nei miei commenti ho espresso apprezzamento per il gioco del Napoli.
            Il dibattimento dove uno proclama dogmi (verità certe ed assolute) non è fatto per un contraddittorio.
            Ma solo per l’appecoramento del popolo bue.
            Tieniti la superiorità …
            A me non interessa vincere o avere ragione ad ogni costo.
            Guido 1971

  9. Divagazione: gli stregoni pareggiano 0a0. Giovedì basterebbe un pareggio…

  10. onestamente non capisco le critiche al napolista.
    il campionato è finito, ieri sera c’è stato l’epilogo della stagione, non ci sono eventi di valenza internazionale….di cosa si dovrebbe scrivere?
    oddio, questo apre a domande del tipo “è necessario continuare a scrivere di calcio senza che ci sia un evento calcistico?”

    dubbi esistenziali a parte, trovo giusto che si parli (anche) di queste cose, visto che nessuno lo fa più.

  11. In una panorama informativo nazionale tutto teso a minimizzare e a banalizzare le recenti vicende in cui è coinvolta la rubentus, a me sembra che Il Napolista svolga un ruolo suppletivo fondamentale nel raccontare queste vicende.
    La squalifica di Agnelli per la rubentus non è un danno sportivo è un danno mediatico. Potrebbe comportare un calo degli sponsor e quindi del fatturato. Agnelli nella rubentus conta come il 2 di picche il problema è solo mediatico. Per questo tutta la pletora di media che gli stanno dietro si affanna a minimizzare la cosa.
    Se il Napoli deve competere in un contesto così inquinato, il Napolista fa benissimo a mettere in risalto tutto il marcio che esiste.
    Prendiamo ad esempio la vicenda dei ricavi per la vendita del nome dello stadio alla allianz. A quanto leggo la rubentus quando ha costruito lo stadio ha venduto questi diritti ad una società specializzata per 75 milioni e la suddetta società ne ha ricavato solo 15 con una perdita quindi di 60 milioni. Allora io al riguardo mi faccio delle domande. Ci raccontano tutti i giorni di quanti soldi la rubentus ricavi dallo stadio e di quanto sia bello, possibile che poi facciano un flop del genere sui diritti del nome?
    Possibile che si sapesse fin dall’inizio che 75 milioni erano una cifra molto al di la del reale valore e che si sia solo trattato di un finanziamento sottobanco? Alla UEFA per via del Fair Play finanziario tutto questo potrebbe interessare ? Lo sceicco del PSG aveva finanziato il club con 100 milioni fatti arrivare come sponsorizzazione della compagnia aerea del suo paese, beh la UEFA l’ha stoppato ed ha considerato quei soldi al di fuori del FPF e ha multato di brutto il PSG.
    Per finire a me sembra molto strano che la società che ha acquistato i diritti abbia impiegato 7 anni per riuscire a ricavarne qualcosa.
    Napolista vai avanti così.

    • A far cosa? Ad interessarsi della presunta lotta di potere tra cugini? A questo punto a quando un bel l’articolo sulla sua compagna, ex moglie di un suo ex collaboratore? Lo chiameremo il Generalista 2000.

      • Serenamente se pensi che la lotta di potere in casa Agnelli, gli affari con la ndrangheta, tuttosport che si scaglia contro la Juventus dopo una stagione ad altissimo livello se pensi che non siano notizie ebbene meglio chiuderla qui.

        • Serenissimamente penso che se ti chiami Napolista dovresti occuparti un po’ di più delle vicende nostrane.

  12. in questo momento nella home page ci sono 9 articoli riguardanti gli scornacchiati.
    delusione totale.

    • Bravo!!
      E’ esattamente quello che avevo notato ed è per questo che ho suggerito alla redazione di chiamarsi LO JUVENTISTA.
      Guido 1971

      • amadeo gardoni 6 giugno 2017, 14:35

        Davvero. Magari l’ANTIJUVENTINISTA. Hanno rotto, ti do ragione. Se l’anno prossimo vince l’Inter, voglio proprio vedere quanti articoli si orienteranno sui loschi tentacoli della Suning.

  13. giancarlo percuoco 4 giugno 2017, 16:52

    Il CERCOLISTA.

  14. E un bel ecchisenefrega c’è lo vogliamo mettere?
    Ve bene che stiamo all’indomani della finale di decempiooo, ma facciamo che da domani non si parla più (o per meglio dire “solo di”) gobbi?
    Altrimenti cambiate nome: “il rubentista”

  15. Francamente non si capisce più quale sia la vostra linea editoriale. State dando ragione a chi vi vede ossessionati dai gobbi.
    Passi per la cronaca di un fatto che ha risvolti di giustizia (sportiva, penale o entrambe si vedrà), ma cosa ha di attinente un articolo di beghe interne dei gobbi?
    Cambiate il nome della testata e chiamatevi il Generalista.

    • Mi hai tolto le parole da bocca (o dalla tastiera). Io certamente troverei di gran lunga più interessante un articolo sul Benevento, che stasera si gioca la A.

    • 🙂
      Scritto commento praticamente identico 2 minuti fa

    • A me invece fa piacere che ci sia un posto dove vengo informato su ciò che accade al mio principale competitore, in verità. Hai ragione sul Benevento, ma do ragione a Freccero: nei media si aggiunge, non si toglie.

      • Marchese di Carabàs 5 giugno 2017, 12:15

        L’anno prossimo sarete davvero degli avversari validi, e finalmente la rivalità storica che vantate nei confronti della Juve finalmente acquisterà un po’ di senso.

        • Siamo già al gnegnegne. Ora lo decidi tu chi è competitore? L’hai letta mai la classifica? Non dico al netto delle vostre ruberie eh, è matematica. Il distacco sta scomparendo. 🙂

    • Ciao.
      Mi ero permesso di anticiparti qualche giorno fa, suggerendo alla redazione di chiamarsi LO JUVENTISTA, visto che da un mese a questa parte sono di più, molti di più, gli articoli inerenti alla Juventus che non al Napoli.
      Ci sta comunque, senza un’evidente ossessione che invece traspare, che gli organi di informazione divulghino le notizie.
      Aggiungo che, al normale diritto di cronaca, c’è la chiara intenzione della redazione di tenere sempre vivo quel sentimento di rivalsa sportiva ed anche un po’ civile del Napoli e di Napoli contro la Juventus.
      Guido 1971

  16. achille cirillo 4 giugno 2017, 16:06

    Nulla di nuovo sull’odcurantismo mediatico tipico del bel paese. Sulla questione Juve, se Agnelli verrà squalificato e di conseguenza sostituito (probabilmente dal cugino Elkan) per la gestione sportiva e commerciale della Juve credo non cambierà nulla. Al di là della da me graditissima “paccheriata” subita ieri sera, oramai hanno una struttura aziendale che li farà rimanere ad alti livelli anche in Europa al pari o quasi dei Top club. Detto questo spero in una crescita costante e duratura anche del Napoli che probabilmente non potrà raggiungere i top club ma almeno restarne in scia e assestarsi ad alti livelli sia in Italia che in Europa.

    • Bravo.
      Bel commento, da condividere ed appoggiare in pieno, compresa l’ultima frase.
      Un cordiale saluto
      Guido 1971

    • amadeo gardoni 6 giugno 2017, 21:16

      Ma Elkann chi? John Elkann e’ il capo della Exor, la holding che controlla la Juve. Ti pare sia interessato a una demozione? Casomai ci metterebbero Nedved. Ma per noi che differenza fa? Che ce ne frega?

  17. E a noi?

  18. Luigi Ferrara 4 giugno 2017, 15:52

    Fate di tutto per far uscire dalla camerata i poveri troll bianconeri. Ma credo si ne riparlerà tra qualche settimana.

Comments are closed.