Maksimovic è l’indecisione tra un domani di gloria e il grave errore di mercato

Le biografie stagionali: la resa di Maksimovic è stato effettivamente negativa, ma gli sono mancati tempo e fiducia. Si può ancora riscrivere il finale.

Maksimovic è l’indecisione tra un domani di gloria e il grave errore di mercato

Il paradosso dell’inseguimento

Nikola Maksimovic, probabilmente, è il calciatore che il Napoli ha inseguito con maggiori costanza e intensità nelle ultime sessioni di mercato. Si è parlato di lui praticamente sempre, tra il 2015 e il 2016. Alla fine, il momento è arrivato. Sul gong di settembre, il difensore serbo è passato al Napoli. Un’operazione costosa, costosissima, qualcuno ha sempre scritto e sostenuto che sarebbe stato Chelsea se non fosse stato Napoli. Lo voleva Conte, lo hanno voluto altri grandi club. Per questo, forse, il prezzo di mercato è stato così alto.

Il dibattito stagionale intorno alla figura e al rendimento di Maksimovic non si è mai fermato, anzi. Meno il calciatore serbo giocava (e ha saltato tutte le ultime dodici di campionato), più salivano i rimpianti per quei “25 milioni buttati sul mercato”. L’anno scorso la prima tranche di 5 milioni, per il prestito; quest’anno, il riscatto obbligatorio a quota 20. In mezzo, 12 presenze totali e 1026 minuti di gioco. Il calciatore più inseguito di tutti è stato il settimo giocatore di movimento meno utilizzato di tutto l’organico. Dietro di lui, gli infortunati storici Milik e Tonelli e l’acquisto di gennaio Pavoletti.

Sì, la fiducia è stata effettivamente blanda. I 25 milioni investiti per strapparlo al Torino, finora, non sono stati assolutamente ripagati. Non sono giustificabili, anche e soprattutto in relazione al rendimento. Perché Maksimovic non ha avuto un ruolo da protagonista per un motivo preciso: quando è stato schierato, per necessità, non ha convinto. Non è riuscito a dare l’impressione di essere solido, aderente al gioco, ai meccanismi oliati di una difesa sofisticata ma impegnata pochissimo. Ci sono tante attenuanti, ma ne parleremo dopo. Per il momento, registriamo il flop della prima stagione. Non possiamo non farlo. Anche alla luce dei dati.

I dati

A fare la differenza sono le statistiche di squadra: Maksimovic è stato titolare in tre delle quattro partite perse dal Napoli in campionato. Due volte al posto di Albiol (Atalanta/1 e Roma), un’altra al posto di Koulibaly (Atalanta/2). Nella partita di Firenze, in cui è entrato al posto di Chiriches (0-1 siglato da Insigne all’intervallo), il Napoli ha subito tre gol. In Champions League, il fallo di mani a Istanbul che poteva costare carissimo in chiave qualificazione (al rigore di Quaresma rispose Hamsik).

Non si tratta di scaramanzia, ovviamente. Si tratta di prestazioni non felicissime, di automatismi non memorizzati e quindi non consolidati. Non che Maksimovic abbia sbagliato tutto, certo non è solo colpa sua. È che però il serbo non era ancora pronto a giocare ad ottobre, quando c’è stato bisogno di lui. È che dopo quel mese maledetto il Napoli ha dovuto fare punti sempre, non ha potuto concedersi esperimenti per riscrivere la difesa. Per provare a inserire davvero il calciatore. Maksimovic è rimasto indietro, schiacciato dalla mancata conoscenza della squadra e da un talento che puoi leggere nelle giocate personali ma non in quelle collettive.

Sì, perché in realtà Maksimovic ha degli ottimi numeri difensivi: 5 eventi di media a partita tra intercetti, blocchi e palle spazzate, il 57% dei duelli individuali vinti. E anche un ottimo dato di pass accuracy, 92%. Una quota in linea con il Napoli, ma i dati interpretabili in maniera positiva si fermano qui.

Le prospettive

Qui dove entra in scena il gioco in relazione con i compagni di reparto, fondamentali perché un difensore possa rendere bene. Maksimovic è sembrato spesso poco sincronizzato con la linea, soprattutto con il suo compagno centrale; in fase di impostazione tende a portare troppo palla, ingolfando il possesso e non permettendo alla squadra di salire armonicamente; la prima costruzione è troppo elementare, un difetto che in caso di sostituzione di Albiol diventa visibile.

Possiamo partire da queste considerazioni negative per parlare delle prospettive del calciatore, che però vogliono essere un tentativo di ribaltare il concetto di flop. Perché ci sono le attenuanti, come detto sopra: la preparazione saltata o comunque non vissuta accanto ai suoi compagni di reparto; il background tattico precedente, da sempre impostato a un gioco completamente diverso (tra difesa a tre e difesa a quattro c’è un mondo di differenza); la diversa impostazione mentale nella gestione delle due fasi di gioco. Maksimovic non è sembrato scarso, quanto non adatto al Napoli. Così può nascere l’ottimismo.

Perché le doti ci sono, si vedono, si percepiscono. Ma vanno modellate per il Napoli, attaccate con la colla del lavoro di preparazione iniziale al dispositivo difensivo di questa squadra. Maksimovic è potenzialmente un centrale  dalle caratteristiche mediane tra Albiol e Koulibaly: meno cerebrale dello spagnolo, ma in grado di giocare l’anticipo con pulizia; forte fisicamente, ma meno esuberante rispetto a Kalidou.

Un calciatore con queste premesse tecniche merita una seconda chance. E merita un’educazione all’interpretazione del ruolo secondo il suo attuale tecnico. Merita che Sarri lo provi a Dimaro, poi in partite ufficiali, gli dia l’opportunità di capire cosa vuole. Perché i soldi investiti al mercato possono essere stati un grave errore, finora è così. Ma possono essere ancora trasformati in un grande investimento. Maksimovic, quest’anno, dovrà avere il tempo che l’anno scorso non ha avuto: quello dell’adattamento, quello del gioco. Solo dopo si potranno giudicare, lui e il Napoli che l’ha acquistato.

 

Biografie già pubblicate
Hysaj, paradiso-inferno andata e ritorno: lo sviluppo accidentato di un talento
Diawara è la spiegazione di come funziona il Napoli
Strinic, il terzino affidabile che Ghoulam (con gli allenatori) relega a rincalzo
Allan nel turn over, è così che cresce il Napoli
Callejon, ovvero crescere ancora senza cambiare
A Marko Rog è bastato pochissimo calcio per far vedere chi è (e cosa potrà essere)
Raul Albiol, difensore e fonte di gioco tra il ritorno a casa e l’all-in finale
Abbiamo visto solo un trailer di Arek Milik (ed era molto promettente)
Chiriches, difensore di qualità (non eccelsa) e garanzia del turn over
Ghoulam non è un top player, ma per il Napoli è una scelta di convinzione e convenienza
Su Giaccherini e i suoi equivoci (ma è “colpa” dell’automa Callejon)
Koulibaly, la forza del talento e la difficoltà di fare ancora meglio
La stagione altalenante di Jorginho che però è ancora indispensabile al Napoli
Zielinski, il fuoriclasse potenziale che sa fare tutto e avvicina il Napoli all’Europa
Anatomia, crescita e racconto del miglior Hamsik di sempre
ilnapolista © riproduzione riservata
  1. Proviamo a valutare i fatti:
    1) Rudiger pagato TRENTOTTO milioni.
    2) Manolas valutato 45.
    3) Devo continuare? I difensori decenti costano, è un fatto.

    Sulla base di ciò, 25 non sono troppi, ma lo sono considerati solo perché non ha giocato molto e non benissimo. Ma valutate che:
    1) Veniva da un infortunio (frattura al metatarso, grave per uno con la sua struttura fisica).
    2) Ha passato un’estate senza allenamento per i problemi con la precedente società.
    3) Ha sempre giocato a 3. Vi faccio solo un esempio, i difensori scoloriti sono considerati fortissimi da tutti, ma in proporzione a 4 fanno ridere, e ci hanno messo anni e due allenatori ad abituarsi a giocarci.

    Ultima lista, poi mi disintossico. Maksimovic ha le seguenti caratteristiche:
    1) Alto 1,93 e “grosso”, ci lamentiamo della mancanza di fisicità della squadra, ne porterebbe in abbondanza.
    2) Bravo di testa (non come Kouli che salta spesso a vuoto).
    3) Bravo in anticipo.
    4) Ottime doti tecniche sul breve, alta percentuale di passaggi riusciti.
    5) Sempre concentrato.

    Certo ha anche dei difetti, ovvio, deve migliorare sul lungo, portare meno palla e non è velocissimo. Ma dire che è scarso è quantomeno ingeneroso. Gli possiamo dare un po’ di fiducia? Sono sicuro che farà ricredere tutti i detrattori.

    • dino ricciardi 1 luglio 2017, 9:53

      Non velocissimo come KK ma piu veloce di Albiol e Chiriches.

      • Vero, tra l’altro fosse veloce come Kouli l’avremmo pagato 60 milioni, altro che 25!

    • Analisi attenta e precisa.
      Ma io tutte queste qualità in Maksimovic non ce le vedo.
      Da tifoso spero di sbagliarmi.

      • Sono le qualità che ha mostrato nel Torino, poi magari qui è diventato una pippa, mica sarebbe la prima volta 😛

  2. Maksimovic all’epoca acquistato dal Toro per soli 4 mil circa, li’ in 2 anni NON aveva fatto NULLA di così eclatante per meritare una valutazione di 25 mil di euro.
    Tra l’altro anche lì aveva patito degli infortuni che lo avevano tenuto lontano dal campo di gioco.
    PER 25 MIL CI HANNO FATTO UN PACCO

    • Fabio Milone 1 luglio 2017, 8:51

      Neanche Koulibaly in Belgio aveva fatto granche’ e non ricordo quanti tozzi di pane sia costato acquistarlo….

      • KK fu pagato nemmeno la metà di Maksimovic. Paragone che non sta in piedi.

  3. dino ricciardi 1 luglio 2017, 5:48

    Ne riparliamo a fine stagione.
    Giuntoli e Sarri due incompetenti.
    Chi capisce di calcio e giocatori sono qui sul blog.
    Faccio un bello screenshot e poi a fine stagione glielo sbatto sul muso ai professori.

    • Alla fine vogliono mettere il cetriolo all’ortolano

      • dino ricciardi 1 luglio 2017, 6:54

        Il mio commento,se non si era capito, era ironico.
        Se permetti mi fido più di Giuntoli e Sarri che dei commenti dei professori da divano.
        Senza nessuna offesa,solo un dato di fatto.

    • Fabio Milone 1 luglio 2017, 8:54

      Rifallo (lo screen shot) cosi’ alla storia apparterra’ anche questo mio commento: Sarri e Giuntoli penso ne sappiano un po’ di piu’ dei tifosi da bar che si lanciano in giudizi negativi.
      Dovendo scegliere chi mi da piu’ affidamento ci devo pensare meno di un nano secondo.

  4. Ragazzi, come sempre, i conti li faremo tra un paio di anni. E come sempre avrete dimostrato di non capire nulla di calcio.

  5. maksimovic è un oggetto misterioso

  6. Maksimovic va aspettato, pungolato, coccolato è tutelato. È un giocatore dal grande potenziale. Non vorrei che il suo flop diventasse una macchia per Sarri, come lo fu Vargas per il tanto rimpianto Mazzarri.

    • Rimpianto solo per te.

    • Vargas rimpianto da chi? Visto che ci sei rimpiangiti pure Chavez e Fideleff.

    • D’accordo su Maksimovic, non su Vargas che aveva le qualità tecniche ma non la testa per giocare a calcio, e non per colpa di Mazzarri. Basta vedere che gioca bene solo in nazionale, ma una cosa è impegnarsi e concentrarsi una partita ogni tanto, un’altra un intero campionato, se ha fallito ovunque ci sarà un motivo.

  7. Ma è così difficile definire le cose con il proprio nome: questo è un giocatore scarso, ma scarso assai. Cairo ci ha fatto il pacco… ma noi glielo abbiamo chiesto per due anni…. abbiamo preso un bidone, che anche quest’anno non farà mezza partita… ormai è andata… ce lo teniamo e speriamo che i centrali non prendano mai un raffreddore….

  8. Chi mette in discussione MAK e. TONELLI non capisce una coppa di calcio???

  9. Per me Maksimovic è stato un acquisto sbagliato per la cifra enorme impegnata e perchè non si è interpellato l’allenatore prima di acquistarlo. La dichiarazione di Sarri sulle qualità di Maksimovic mi sono sembrate un pò di circostanza.
    Gli schemi difensivi del Napoli saranno anche complicati ma, se dopo un anno di lavoro con i compagni, ancora non sei ancora entrato nei meccanismi vuol dire che non li capirai mai. Albiol e Koulibaly ci hanno messo solo 3 mesi per capirli.
    A consolazione per i soldi buttati c’è però da considerare che, avendo lo stesso procuratore di Rog (Ramadani), questo ci ha permesso di prendere il croato. Sono infatti convinto che ci sia stata una sorta di compensazione fatta dal procuratore perchè, dopo essere andato via dal ritiro del Torino, Maksimovic doveva venire al Napoli a qualsiasi costo, che il Napoli ha pagato. E Rog era il talento che compensava il costo esagerato di Maksimovic.

Comments are closed.