L’indiscrezione: il dottor Agricola potrebbe tornare alla Juventus

La Juventus potrebbe affidare al suo ex medico sociale la direzione del J Medical. Il “problema” è che Agricola è prescritto in un processo per doping.

L’indiscrezione: il dottor Agricola potrebbe tornare alla Juventus

Ipotesi non verificata

Tutto è partito da un’indiscrezione di ilbianconero.com. Poi, ecco la macchia d’olio (e di veleno) sui social: Riccardo Agricola potrebbe tornare alla Juventus, in veste di direttore sanitario del J Medical, la struttura medica privata del club bianconero adiacente allo Stadium. Agricola è stato medico sociale dei bianconeri dal 1985 al 2009. Siamo ancora nel campo dell’ipotesi, quindi niente è ancora ufficiale. Però se ne parla. Questo è già un problema. Perché il suo addio, e le circostanze che l’hanno causato, hanno fatto e faranno discutere. Agricola, infatti, è stato condannato in primo grado nel 2012 per “somministrazione di Epo e specialità medicinali per qualità diverse da quelle dichiarate”. Un anno e dieci mesi di reclusione.

La sentenza fu ribaltata nel 2005, in appello, con il proscioglimento totale. La motivazione: “Il fatto non sussisteva e non costituiva reato”. La sentenza d’appello faceva riferimento basandosi sulla legge n. 401 del 1989 per la quale “la somministrazione di sostanze proibite o meno rientrino nell’ipotesi criminosa di cui alla seconda parte del primo comma dell’art.1 allorché l’atleta sia consapevole di tale condotta” e che nel periodo 1994-1998 (quello oggetto di indagine) “nessun giocatore della Juventus risultò positivo a sostanze dopanti, nessun elemento processuale fece intendere l’acquisto di Epo da parte della società, le conclusioni del dott. D’Onofrio (ematologo e consulente della Procura di Torino, ndr) a seguito della propria inchiesta si basarono più su sospetti che non assurgevano a valore di prova neppure sotto il profilo indiziario”.

Il ricorso in Cassazione

Nel 2007, il procuratore Guariniello presentò ricorso in Cassazione. Assoluzione definitiva “con specifico riferimento alla somministrazione di eritropoietina umana ricombinante, ricordando che non è compito del giudice di legittimità quello di sovrapporre la propria valutazione a quella compiuta dai giudici di merito, la Corte ha dato conto delle scelte operate con argomentazioni corrette sul piano della logica”. Per le accuse riguardanti l’utilizzo di “farmaci leciti somministrati, eventualmente, per fini diversi da quelli per i quali solitamente se ne fa uso”, subentrò invece la prescrizione.

Il nodo è proprio qui: il processo per doping ha effettivamente assolto Agricola, ma solo in parte. Quindi, la polemica parte dall’idea che il J Medical potrebbe essere affidato a un medico prescritto per un reato legato al doping. La situazione giudiziaria di Agricola è questa. In attesa che la Juventus si pronunci ufficialmente, non sappiamo se anche a Vinovo la considerano per quello che è. Perlomeno scomoda, ci sentiamo di dire.

ilnapolista © riproduzione riservata
  1. ma non sarebbe la logica quadratura del cerchio ? club imbarazzante, dirigenti imbarazzanti, medico imbarazzante.

  2. Dai, diamo inizio alle danze dei supporters gobbi che porteranno prove a discarico del prescritto Agricola. Potremmo sentire quel santerellino di Vialli.

Comments are closed.