Bastano 70 minuti di Napoli (60 gol in serie A). Battuto il Chievo 3-1, dimenticata Madrid

Dominio assoluto, poi sofferenza nel finale. Ottimo Insigne, non solo per il gol. Maluccio Pavoletti (Mertens in panchina). Si rivede Milik. Ancora un gol subito. Cori dei tifosi contro De Laurentiis.

Bastano 70 minuti di Napoli (60 gol in serie A). Battuto il Chievo 3-1, dimenticata Madrid
La gioia del Napoli a Verona contro il Chievo (Cuomo)

Una pura formalità per settanta minuti

Una pura formalità, almeno per settanta minuti. Poi i venti minuti finali con qualche patema di troppo, ma nemmeno tanti. Il Napoli vince tutto sommato agevolmente in casa del Chievo. Tre a uno finale, con una partita a senso unico per tre quarti di tempo.

Se tempesta c’è stata dopo la sconfitta di Madrid e le esternazioni di De Laurentiis, la squadra non ne ha risentito. Il Napoli è entrato in campo col piglio giusto. Hamsik avrebbe potuto segnare dopo cento secondi, se non fosse stato anticipato. E nel primo tempo si è giocato a una porta sola. Poi, sul 3-0, dal 71esimo, la squadra si è addormentata. Bel gol di Meggiorini, con svarione di Koulibaly, e addio circolazione della palla. Probabilmente si è fatta sentire la stanchezza.

In campo Pavoletti e Maksimovic

Sarri ha schierato dal primo minuto Maksimovic e Pavoletti, gli uomini della discordia del discorso presidenziale di Madrid. Sono tornati in mediana Allan e Jorginho, fuori Diawara e Zielinski che poi ha sostituito il brasiliano uscito alla fine del primo per un risentimento all’adduttore. Avanti, fuori il capocannoniere della squadra Dries Mertens.

Dominio nel primo tempo

Il Napoli è parso concentrato e assoluto padrone del campo nei primi 45 minuti. Ottima circolazione di palla, superiorità schiacciante, possesso al 71% (a fine partita sarà 64%), 12 tiri a due (al 90esimo, 17 a 13). Il Chievo ha concluso in porta solo una volta con Insigne favorito da un passaggio orizzontale di Insigne. Bravo a Reina a respingere il rasoterra di destro.

Insigne migliore in campo

È stato l’unico errore di Insigne autore di una splendida prestazione. Sfiora il gol su punizione al settimo minuto con una punizione da venti metri: il pallone quasi pizzica il palo. Alla mezz’ora porta il Napoli in vantaggio. Riceve palla in area di rigore, dal lato piccolo, e attua il suo schema preferito. Si accentra e disegna una parabola che va a morire sul secondo palo. Ebbene sì, il tiro a giro (anche se stavolta è stato più dritto del solito). Ottavo gol quest’anno in serie A e non stagionale.

Hamsik a cinque gol da Maradona

Sette minuti e il Napoli raddoppia. Ancora Insigne protagonista. Serve Allan in area, sembra che Gamberini riesca a coprire la palla per favorire l’uscita di Sorrentino. E invece sbuca la gamba malandrina di Allan che serve Hamsik. Solo soletto, il capitano segna il gol numero 110 della sua storia a Napoli. A cinque da Maradona. A questo punto i tifosi possono scatenarsi e intonare cori contro De Laurentiis.

Pavoletti sembra Murgita

Il secondo tempo sembra una pura formalità. Maran manda in campo Meggiorini (al posto di Radovanovic). Il Napoli rallenta un poco ma non troppo. Inglese ha la possibilità di segnare, il tiro viene ribattuto. Gli azzurri sembrano sbandare. Entrano in campo deconcentrati. Poi però si riprendono. Anche se Pavoletti fatica a integrarsi in questo Napoli. Al momento sembra un monumento a Murgita (anche lui ex Genoa). Bel recupero di Koulibaly su Birsa dopo un errore di Maksimovic. Poi il Napoli la chiude. Terzo gol. Ghoulam serve Insigne al centro, Lorenzo (c’è anche nell’azione della terza rete) appoggia per Zielinski, tiro deviato da Spolli. Tre a zero al 58esimo.

Errore di Koulibaly sul gol di Meggiorini

Sembra finita. Si va di sostituzioni. Entra De Guzman per loro. Al 70esimo, Milik per Pavoletti. Un minuto dopo, gol del Chievo con Meggiorini. Koulibaly si fa sorprendere dal lancio, prova con un goffo intervento in acrobazia, Meggiorini si presenta solo davanti a Reina e lo infila con un bell’esterno sinistro sul secondo palo. Nelle ultime nove partite di serie A, solo contro il Genoa il Napoli non ha subito gol.

La partita, incredibilmente, si riapre. Il Napoli quasi non esce più dalla propria metà campo. Un paio di mischie pericolose davanti a Reina. Il portiere non dovrà compiere parate fino alla fine, però c’è apprensione. Il Napoli segnerebbe anche il quarto gol, con Giaccherini (subentrato a Insigne). Annullato per un fuorigioco molto dubbio.

Solo in due partite il Napoli non ha segnato

Il Napoli ha vinto e questo l’importante. Ha convinto per settanta minuti. Il calo nel finale è fisiologico, sia dal punto di vista fisico sia da quello mentale. Quest’anno, in 25 partite di serie A, soltanto due volte il Napoli non ha segnato: a Genova contro il Genoa e contro l’Atalanta. Sono sessanta gol in campionato in venticinque partite: un media di 2,4 a partita. Anche senza Mertens, il Napoli ne ha segnati tre. Madrid è dimenticata. Il Napoli torna al secondo posto, in attesa della Roma. Sabato alle 18, al San Paolo, c’è Napoli-Atalanta.

ilnapolista © riproduzione riservata
  1. Ragazzi, Pavoletti si farà valere, ma oggi ho rivisto Milik e mi è sembrato più forte di come lo ricordassi… veramente da mangiarsi le mani, mannaggia alla nazionale polacca…

    Cambiando argomento.

    Dico, abbiamo in aerea KK, Maksimovic, Pavoletti…. lo vogliamo battere ‘nu sfaccimm ‘e angolo come si deeeeevvvveeee????

    • La roma arriverà davanti grazie alla nazionale polacca… lo sto dicendo da tre mesi… la partita persa a napoli con la roma sarà la differenza fino alla fine del campionato…

      • Ah si? E se domenica pareggia con l inter andiamo pri.. occhio che ce l europa league e questi posson andare avanti e perder punti mentre noi uscitemo dalla cl

        • Noi avremo l’Atalanta che non è il Crotone…

        • Se mio nonno nasceva con le ruote…

          • scusa tu fai previsioni e io non posso? ma chi sei

          • Io non sono nessuno… davanti a te che sei marazola… da marazola dovresti sapere che i se e i ma sono le scuse dei deboli… e se loro pareggiassero con Inter noi vinciamo con Atalanta e con loro all’Olimpico? Amen.

          • non intendevo in quel senso.. dico che domenica é un turno fondamentale uno tra inter e roma o entrambe perderanno punti se noi vinceremo

      • Paco, la Roma é fortissima (nel contesto del campionato italiano…) a prescindere e mi dá una sensazione di soliditá difensiva che purtroppo al Napoli manca.
        Secondo me anche il terzo posto andrá bene, saremo testa di serie e dovremmo classificarci per la fase a gironi. Ma prima di fasciarci la capa, speriamo di vincere a Roma

    • Rosa’, Milik ancora manco lo abbiamo visto quanto vale, il ragazzo è fortissimo

  2. Michele Sommella 19 febbraio 2017, 19:00

    Vedo che non parli Inglese, Max.

  3. 15 minuti di Milik…il Napoli ha fatto un grande acquisto!

  4. Abbiamo il più ridicolo, presuntuoso e incapace presidente che una squadra di serie A possa avere. Il buffone (più incapace che buffone) non sa (o fa finta di non sapere) che in squadra abbiamo 4 fuoriclasse: il primo e più importante è proprio l’allenatore (due degli altri tre il pappone li venderà a giugno [KK e Zielo], il terzo rimarrà per evitare la rivoluzione [Diawara]). Per me e per tanti tifosi e giornalisti intellettualmente onesti e non servi del potere, Sarri, in questo napoli, vale più di Ronaldo nel Real Madrid… (nel senso che fa più differenza lui nel Napoli che CR/ nel Real)…

    • Gianluca Sorrentino 19 febbraio 2017, 19:33

      mi sembra eccessivo e molto contradditorio il suo commento. come si puo’ definire incapace un Presidente che prende come allenatore Sarri?Io credo che il fero fuoriclasse è Aurelio De Laurentis.I fatti gli danno ragione in tutto.

      • Enrico Pessina 19 febbraio 2017, 19:52

        Se fosse muto, sarebbe un fuoriclasse.
        Sarri fu la quarta scelta.

        • Grazie Enrico… hai anticipato la mia risposta. Era la quarta scelta del buffone romano che sbavava appresso al chiattone/incapace spagnolo. In quanto alla tifoseria mediocre… penso che il signor Sorrentino si senta legittimamente mediocre in quanto appartenente a tale tifoseria… e comunque sta difendendo l’indifendibile.. ognuno ci ha il presidente che si merita…

    • Dissento su Kk fuoriclasse, fa ancora troppi errore banali per essere denominato in tal modo, speriamo che con la maturità elimini i suoi famosi passaggi a vuoto

    • Incapace?? Ma se ha preso il Napoli dalla C e lo ha portato dov’è adesso…
      Gli puoi dire di tutto, ma non incapace.
      Prima di Sarri il Napoli è arrivato secondo e terzo, Sarri è ottimo, ma il Napoli era lì prima di lui, e probabilmente lo sarà dopo.
      Tu ti meriteresti i preziosi e gli Zamparini

    • Koulibaly fa cag…re a spruzzo

  5. Gallo ha dimenticato il Palermo.

  6. Vincenzo D'Agostino 19 febbraio 2017, 17:58

    1. Intanto Pavoletti le prende tutte di testa….in difesa….perchè in attacco non è arrivato un cross.
    2. Subito dopo lo 0/2 azione sulla ns fascia sx poi palla a Girginho, Pavoletti scatta in profondità….e Girginho invece cerca il solito fraseggio.
    3. Domanda : se hai un giocatore con queste caratteristiche (che lo scorso anno ha fatto se non erro 18 gol, di cui soltanto 14 nel girone di ritorno, giocando con il genoa più scarso della storia) perchè non dico le sfrutti ma cerchi almeno di sfruttarle? Anche Pavoletti è un acquisto voluto da De Laurentiis e non da Sarri? A me questo non sembra. Ma d’altronde oramai Sarri ha sempre ragione………

    • dino ricciardi 19 febbraio 2017, 18:14

      Alla fine sempre colpa di Sarri.

      • Enrico Pessina 19 febbraio 2017, 18:21

        Non c’è dubbio: i 14 risultati utili consecutivi sono colpa di Sarri.
        Invece di far ruotare la rosa e mettere in vetrina tutti i calciatori, quell’incapace si ostina a schierare le formazioni allo scopo di vincere le partite. Ma come si può?

        • dino ricciardi 19 febbraio 2017, 18:26

          Se li fa giocare…colpa sua
          se vanno in tribuna ..colpa sua
          se li mette in panchina….colpa sua
          se un giorno si rompe le palle e se ne va ….sarà sempre colpa sua.

        • Vincenzo D'Agostino 19 febbraio 2017, 18:41

          E oggi, per non far ruotare la rosa in passato non a Madrid, molti erano a 20 minuti dalla fine in apnea. Callejion era l’unico ad avercene, ma si è guardato i primi 70 minuti. Hamsik scomparso dal campo nel II tempo. Gou che ha fatto appena appena il compitino (con Strinic che non mi sembra abbia fatto male quando Gou era in Africa……..).
          Ruotare la rosa non significa metterla in mostra. Ma significa che con Palermo, Cotrone, Pescara, Genoa…….e così via……….facendo giuste rotazioni puoi fa riposare qualcuno.
          Se poi per voi è logico che Callejion, Callejion non Maradona, giochi mezz’ora anche con lo Spezia be allora mi ritiro in buon ordine.

          • Enrico Pessina 19 febbraio 2017, 18:50

            Non ho notato una squadra in apnea.
            Sarri schiera sempre la migliore formazione possibile (naturalmente secondo lui), allo scopo di vincere la partita.
            E mi sembra che i fatti, bene o male, gli diano ragione.

          • Enrico Pessina 19 febbraio 2017, 18:53

            Aggiungo che, rispetto alla gara di Madrid, vi sono stati un cambio in difesa, due a centrocampo ed uno in attacco.
            Mi sembra ragionevole ed equilibrato.
            Poi sono entrati anche Giaccherini, Milik e Zielisnki (quest’ultimo per necessità).

          • Vincenzo D'Agostino 19 febbraio 2017, 18:57

            E io aggiungo, finalmente.
            I cambi andavano gestiti meglio nel corso della stagione.
            Domanda : leggendo i giornali, se non erro, ho letto in passato che Rog è stato provato come vice Allan. 35 primo tempo si fa male Allan, 0-2 partita finita e entra uno Zileinski stanco?

          • Enrico Pessina 19 febbraio 2017, 19:06

            Perchè, abbiamo perso punti nel corso della stagione a causa dei mancati cambi?
            Lo Zielinski stanco ha segnato.

          • Vincenzo D'Agostino 19 febbraio 2017, 18:54

            Avrò visto un’altra partita negli ultimi 20/25 minuti.
            Alzo le mani.

          • Enrico Pessina 19 febbraio 2017, 18:55

            Erano stanchi anche quelli che non avevano giocato a Madrid?

          • Vincenzo D'Agostino 19 febbraio 2017, 18:56

            Giorginho sicuro. Ma giorginho è un caso a se. Ha sempre finito sulle gambe. Maksi non mi pare…Allan e Pavoletti sono usciti…..

      • Vincenzo D'Agostino 19 febbraio 2017, 18:41

        Non è sempre colpa di Sarri….ma non mi sembra che sia colpa di Pavoletti.
        Invece, tutti, ho sentito i commenti su Mediaset, Sky, i vari siti subito a massacrare Pavoletti. Vogliamo farne un clone di Gabbiadini?
        Allora la domanda è, e la ripeto, chi lo ha voluto?
        Se Sarri ne ha avallato l’acquisto presumo sapesse che tipo di giocatore è Pavoletti. Allora se lo conosci non puoi pretendere, e non credo che Sarri lo pretenda subito, anche se le sue dichiarazione di una decina di giorni fa mi fanno tremare, che possa entrare subito nei meccanismi. E su questo siamo d’accordo.
        Ma un cross, almeno uno non dieci, è possibile vederlo? No anzi uno ne hanno fatto.
        Un cross sul portiere di Gou ad inizio secondo tempo.
        Se poi non ne ha avallato l’acquisto allora alzo le mani.

        • dino ricciardi 19 febbraio 2017, 19:05

          pavoletti l’ha voluto Sarri perchè puo essere funzionale al suo gioco.Contento?
          andiamo avanti….
          questa squadra ha sempre giocato in un determinato modo,anche quando c’era higuain,i cross era quasi vietati.
          Non è facile cambiare in corso quello che fai da due anni .
          Oggi ho
          incominciato a intravedere qualcosa,come l’attacco dello spazio di pavoletti tra la linea difensiva ed il portiere.
          Ne ho contati tre(sono ancora pochi),due cross rasoterra ed uno che per poco non faceva gol di testa.
          Per il momento puo andare,deve entrare negli schemi e capire quando attaccare lo spazio e quando venire incontro.
          E una squadra,non è la playstation.

    • D ora in poi saranno importantissime le rotazioni se non vogliamo rivedere la squadra in apnea come oggi nel secondo tempo

      • dino ricciardi 19 febbraio 2017, 18:43

        Eduardo ma dove lo hai visto sto calo fisico?abbiamo giocato per 70 minuti,non hanno visto palla poi come ci capita spesso quando smettiamo di giocare facciamo errori stupidi e andiamo in apprensione.
        Ma il calo fisico te lo sei sognato.

        • Dino, nessun calo fisico abbiamo chiuso alla grande, senza paure????

        • Raffaele Sannino 20 febbraio 2017, 0:53

          Zidane ha confermato,nella partita di Liga, solo Carvajal,Kroos e Ronaldo.Otto cambi.

          • dino ricciardi 20 febbraio 2017, 9:01

            Raffaele,fai pure tu come il Presidente?
            Noi non siamo il Real Madrid e dobbiamo misurarci la palla in base a quello che siamo.
            il Real con la rosa e i campioni che ha in panchina puo permettersi di cambiarne 11 e vincere la meta delle partite della liga.
            Tieni presente anche il tipo di campionato meno tattico e che le avversarie giocano a viso aperto e con le qualita tecniche superiore le partite le porti a casa.
            In Italia sai benissimo che non è cosi,la juve avendo un bel margine di punti di vantaggio va a Palermo e ne cambia 5.
            La Roma nemmeno te lo dico,è la squadra che fa meno turn over.
            La realtà è che ormai Sarri per tanti come la fa la sbaglia.

    • Vincenzo io dico di smetterla con le fazioni. Pavoletti è stato preso perchè:
      1. Ci serviva una punta funzionale al gioco. In grado di far salire la squadra.
      2. Ci serviva un attaccante perché non si sapeva quando e in che condizioni sarebbe rientrato Milik.
      3. Ci serviva un attaccante a gennaio e in giro a gennaio non ci sono giocatori determinanti a meno di non vincere un terno e imbroccare il fenomeno che nessuno immaginava.
      4. Ci serviva un attaccante e al Genoa serviva fare cassa.
      5. Ci serviva un attaccante perché non immaginava nessuno che Dries diventasse il goleador che ha dimostrato di essere.
      6. Ci serviva un attaccante e se anche il nome l’avesse fatto Sarri dov’è il problema (ritorna al punto 5 per capire il pensiero di Sarri).
      7. Ci serviva un attaccante e il convento quello ha passato (scommetto che Sarri potendo scegliere avrebbe chiesto Benzema)
      8. Ci serviva un attaccante e m’aggia sfastriat e scriver.
      Hai capito perché Pavoletti sta accà?

      • Vincenzo D'Agostino 19 febbraio 2017, 18:49

        Guarda che io ste cose le ho capite, credo che non le abbia capite chi lo ha già bollato come un bidone.
        Il problema è un altro : qui non si tratta di fazioni; si tratta di avere il buon senso di ammettere che come ha sbagliato De Laurentis a Madrid sbaglia pure Sarri.
        Poi, e scusatemi se insisto, se, ad esmpio, per voi è normale che Callejion giochi mezz’ora anche con lo Spezia in Coppa Italia allora alzo le mani.
        O che oggi, in una partita FINITA, si fa male Allan e non entra Rog, provato come quattro mesi come vice Allan, ma Zielinski, stanco per aver giocato un filotto di partite, allora alzo le mani

        • E dalli con sto voi. NOI, NOI, NOIIII.
          Hai cannato esempio. Zielinsky è entrato e ha pure segnato e ti dirò di più, secondo me è stata pure ragionato il suo impiego vista la pessima prestazione di Madrid. Magari vai a sapere se non ha ragionato così. Se cadi da cavallo bisogna subito rimontarci altrimenti non ci sali più.

  7. Perché dimenticare Madrid??? Madrid va ricordata come una tappa importante di crescita per tutto il calcio Napoli.
    Direi Bene solo per 45 minuti il secondo tempo è stato completamente da dimenticare.
    Probabilmente se il misterrrrrr fosse partito già dall inizio con qualche giocatore più fresco, penso a ROG, GIACCHERINI, MAGGIO e STRINIC, avremmo sofferto di meno.
    Criticabilissima la scelta della coppia di centrali MAK/KK , non so se hanno mai giocato insieme, forse solo con il benfica, che come si è visto non si intregrano per niente.

  8. Fasano se lo ricorda Murgita??? Era nato? Milik in 15 minuti ha fatto più cose di Pavoletti da quando è arrivato il 3 gennaio…

  9. il napoli deve giocare sempre con la cazzimma altrimenti escono i difetti. il brutto campo non ci ha agevolato. pavoletti pessimo in attacco, discreto in difesa. buoni i 20 minuti di milik. un po’ di stanchezza nel finale ci può stare.

Comments are closed.