Higuain bianconero e Napoli che non se ne fa una ragione

Il traditore. Giustamente Repubblica affida la questione a un antropologo. Tristi decumani. Napoli non cambia mai schema, come i suoi allenatori.

Higuain bianconero e Napoli che non se ne fa una ragione
Higuain esulta con la Juventus

Ma veramente ha detto che si augura di segnare due gol al Napoli? Ma come, il padre ha dichiarato che Higuain è felice di stare alla Juventus?

Non si parla d’altro, non si scrive d’altro. Giustamente oggi Repubblica affida all’antropologo Marino Niola il compito di incorniciare il rapporto tra Gonzalo e Napoli. Un antropologo. Tristi decumani. Una comunità ribolle e non si dà pace per il tradimento. Perché lo scorso anno Higuain cantava sotto la curva la canzoncina dei Righeira (uno dei due è juventino) e intonava la frase “difendo la ciudad”.

Non immaginavamo, noi napoletani, che in realtà Gonzalo non aveva in animo di difendere la ciudad ma desiderava affrancarsi dall’etichetta di perdente, guadagnare un bel po’ di soldi (che non guastano mai, anche se li avrebbe guadagnati pure a Napoli) ed era pronto a indossare anche la 9 bianconera.

Come quegli innamorati che incontrano l’ex (maschio o femmina che sia) e lo/la ritrovano con tre figli, immerso/a nella sua vita e si appigliano a un sopracciglio più alto di sei millimetri per dire: “si vede che c’è ancora qualcosa”. Sì, Gonzalo ha dichiarato che vuole segnare due gol ma si capisce che non li vorrebbe segnare. Sì, hanno scritto che Reina, Callejon, Ghoulam sono andati a cena con lui ma è ovvio che non è vero. Manco la mano gli stringeranno. Se – come il Napolista ha fatto – qualcuno fa notare che le dichiarazioni del procuratore di Koulibaly sono fuori luogo, si rimedia la figura del perbenista.

Nessuno fa notare che in fondo Gonzalo non aveva altra possibilità che cantare sotto la curva. Così come Reina e altri si adeguano al corso d’acqua e decantano le lodi di questa città meravigliosa, la più bella, la sola, unica, irripetibile. Chi si discosta da questo filone, non è realmente napoletano. Così come chi cerca di dire che il Napoli ha un progetto ed è forte a prescindere da Higuain è un servo del padrone. Perché è sorreggendo il Napoli che possiamo prenderci la rivincita su Higuain. Battendolo. Ma sembra un dettaglio irrilevante. In fondo nemmeno Napoli cambia mai modulo tattico, proprio come il presunto integralismo dei nostri allenatori.

Diciamolo, noi lo diciamo sempre ed è per questo che non siamo amati – a Napoli è in atto da tempo un fenomeno di risacca. Troisi, Daniele, gli anni Settanta e Ottanta furono caratterizzati da un’apertura, da una rottura con l’oleografia asfissiante. Oggi l’oleografia è spasmodicamente ricercata, la diversità napoletana è ostentata e guai a chi non si adegua. Non è un vero napoletano. Forse non ci avete fatto caso ma nessun giornale ha avuto l’ardire di riprendere le dichiarazioni di Paolo Sorrentino sui figli da non far crescere a Napoli perché troppo violenta. Non è un caso.

Chi scrive ha firmato – insieme ad altri napolisti – un libro per celebrare il record di Gonzalo Higuain con il Napoli: 36 gol in un campionato. Meglio di Nordahl, meglio di Angelillo. Un libro che si apre con la parola “juventino”associata a Gonzalo e si chiude con un’intervista immaginaria a un Higuain vecchio che spiega perché decise di andare via dopo la stagione del record. Libro pubblicato prima dell’inizio della telenovela juventina. In fondo, bastava avere occhi per guardare. Ed è anche giusto essere ciechi, è comprensibile. Non è la prima volta né sarà l’ultima. Si vuole il tifoso obbligatoriamente cieco. È un concetto che personalmente non condivido, ma – per dirla alla Benitez – ci può stare. Però bisogna riconoscerla la cecità, ammetterla. E non pretendere che la cecità sia legge.

ilnapolista © riproduzione riservata
  1. Stefano Valanzuolo 29 Ottobre 2016, 9:11

    A me manca il centravanti fortissimo, non manca Higuain. E poi, in fondo, credo che i legamenti del suo ginocchio difficilmente possano tenere fino a maggio…

  2. Attimo Fuggente 29 Ottobre 2016, 1:43

    Vi siete mai chiesti perchè questa redazione si applica tanto a mettere in cattiva luce di volta in volta,tifosi,allenatore,cittadini napoletani,sindaco, gornalisti ecc. ecc.,insomma tutti tranne una sola persona? Vi siete mai chiesti la motivazione sottesa a questa indefessa attività ? Credete che sia il loro vero pensiero? Vi sbagliate.A mio parere non vale la pena nemmeno replicare.Pensate, per esempio,che qualche giorno fa mi hanno censurato un commento in cui riportavo un link sul contenuto del contratto di concessione del S Paolo tra Comune e SSC Napoli,dal quale si evincevano gli obblighi (disattesi) di quest’ultima,cosa ignorata dai più.E sapete dove portava il link?A un articolo del Napolista di due anni fa!! Il Napolista di oggi che censura il Napolista di 2 anni prima !! Fantastico.

    • Si storia vecchia è stato già ampiamente ricordato che Il Napolista nascendo da Il Riformista ne eredita la stessa linea editoriale assolutamente avvinghiata al potere e contro il popolo. Per loro qualsiasi concessione alle esigenze, ai desideri alle rivendicazioni della gente comune è populismo. Quindi loro stanno con ADL a prescindere anche se dovesse lanciare una bomba e fare una strage in curva B, il settore popolare appunto. Comunque qualche giorno fa è stato pubblicato questo articolo http://carlofesta.blog.ilsole24ore.com/2016/10/22/napoli-ecco-come-de-laurentiis-ha-fatto-diventare-il-club-un-fenomeno-finanziario/?refresh_ce=1 dato che al 1000×1000 non ne leggeremo nessun resoconto su questo sito lo linko io…così tanto per ristabilire la verità di chi stava nella melma nel 2004

      • Attimo Fuggente 29 Ottobre 2016, 17:37

        Guarda io non so quali siano i motivi della loro piaggeria,se ideologici o molto più opportunistici,ma non ci farei molto caso se non ci fosse almeno ogni due giorni un insulso ,cervellotico e paternalistico articolo finalizzato a presentare qualcosa come se fossimo dei deficienti a cui ricordare di continuo quanto è bravo e buono adl e quanto sbagliano gli altri.

    • Raffaele Sannino 29 Ottobre 2016, 11:28

      Avevi espresso l’opinione di non commentare più,adesso scrivi.”A mio parere non vale la pena nemmeno replicare”, riferendoti agli articoli della redazione;perché continui a frequentare questo sito?

      • Attimo Fuggente 29 Ottobre 2016, 16:45

        Le cose non sono così semplici.Visto che ti vedo interessato ai miei mancati proponimenti,devo chiarire che sono combattuto.Questo per me è il miglior sito per quanto attiene alla maggior parte degli articoli e al livello medio di civiltà degli utenti.Ci sono spesso temi interessanti ,calcistici o extracalcistici proposti da molti redattori e vengono dibattuti attraverso contributi interessanti di molti .Però trovo insopportabili ,i continui articoli,quasi sempre a firma della stessa persona, finalizzati solo alla manipolazione di qualunque evento al fine o di difendere la proprietà dela SSC Napoli o addirittura di lodarla.In più accompagnata dalla presunzione di andare controcorrente rispetto ad un presunto pensiero massificato che non esiste affatto.Ho capito che anzichè indignarsi ,nausearsi e rinunciare anche alle cose positive, forse la cosa migliore ,almeno per me,è provare ad ignorare questo tipo di articoli e mi piacerebbe che tutti lo facessero anche perchè aldilà dei loro scopi non dicono assolutamente nulla di sensato.Certo, quando non si trattasse solo di chiacchiere ma di alterazioni dei fatti e di disinformazione per me sarà difficile tacere. Ma ora ho anche superato il”trauma” della censura.Si vedrà

        • Raffaele Sannino 29 Ottobre 2016, 17:33

          Non mi metterò certo a fara l’avvocato del napolista ,ma,a lume di naso,credo che ognuno a casa sua faccia come gli pare.E quì, siamo ospiti di Gallo.Tanto per chiarire,parlando di alterazioni dei fatti e disinformazione potrei citare Tuttosport.Io non mi sognerei mai di leggere quella testata o scrivere sul loro blog.

          • Attimo Fuggente 29 Ottobre 2016, 18:08

            Non è una questione legale,ma di rispetto del prossimo,di cultura e civiltà. Se si ospita qualcuno per discutere di un argomento poi non gli si impedisce di parlare se lo fa educatamente e fondatamente.Parli di tuttosport ma dovresti sapere che tu vieni disinformato anche qui ,per esempio,se ti si fa credere che il Sindaco e un assessore sono dei buffoni e il contenuto del contratto di concessione tra Comune e sscNapoli viene censurato.Invece vengono tranquillamente ammessi gli insulti gratuiti verso altri utenti ,ma anche verso personaggi pubblici e verso lo stesso Gallo.Credo di averti spiegato abbastanza la mia posizione .Saluti

          • Raffaele Sannino 30 Ottobre 2016, 8:09

            Non mi faccio “disinformare” dal napolista o da chiunque altro creda dovermi rivelare verità nascoste.Ragiono con la mia testa.Ritengo, quindi, che il comune avrebbe dovuto mettere spalle al muro Aurelio ,proponedogli (pubblicamente ) le seguenti alternative:1)vendita dello stadio,2)gestione esclusiva per 99 anni,3)ristrutturazione completa dell’impianto e nuovo canone d’affitto congruo alla qualità della nuova struttura.Proposte che dovrebbero essere in capo al proprietario dell’immobile ,non certo all’affittuario.Temo che ci sia una quarta alternativa:continuare a rattoppare il San Paolo finché non cadrà in pezzi.Solo il tempo potrà dircelo.Cordiali saluti.

  3. dai, ragazzi, smettiamola con questo campanilismo. Io e soprattutto il direttore Gallo, che siamo sportivissimi, auguriamo di tutto cuore alla giuve di vincere non solo la scempionslig, ma addirittura la super coppa. E auguriamo di cuore all’ex centravanti del Napoli una lunga e serena carriera nella sua nuova famiglia, soprattutto senza infortuni. E naturalmente saluteremo con rispetto la capolista. Lei è d’accordo, direttò, no?

  4. Con le opportune modifiche, credo si possa ancora utilizzare….per me la partita di domani è una parentesi (non succede…ma se succede…)
    È al San Paolo che ti devi presentare…ti aspettiamo lì!!!!

    https://uploads.disquscdn.com/images/afc58992d3f8d72544d12952e755b9639713b009a753dd05b3419fa2418d3edc.jpg

  5. Napolista basta con sti articoli su Higuain. Il vostro libro non se lo compra più nessuno. Lo avete capito??? E cmq se si rompe il ginocchio vado a Torino a piedi! Giuro!!!!!

  6. Jean Paul Sartre 28 Ottobre 2016, 17:40

    Il Napoli ha provato fino all’ultimo a prendere Icardi, capitano dell’Inter. Se l’Inter non gli avesse rinnovato l’ingaggio, adesso Maurito giocherebbe per il Napoli. Sono cose normalissime, ma i tifosi sono rimasti all’età della pietra. Soprattutto i napolisti, si ammalano per queste sciocchezze e se ne infischiano dei problemi seri di cui Napoli abbonda.

  7. michele o pazzo 28 Ottobre 2016, 17:34

    Higuain è juventino, è normale che voglia fare 2 gol, anzi se li farà probabilmente godrà più del solito proprio perché li fa al Napoli (anche se non esultasse).
    Il tifoso napoletano si sente tradito ed è normale anche questo, succede non solo a Napoli, ma ad ogni latitudine perché ovunque i tifosi sviluppano empatia con i calciatori e se poi questi passano ai più grandi rivali è naturale il risentimento, di esempi è piena la storia del calcio, pensare che sia una cosa che succede solo qua è puro provincialismo.
    Se ci discostiamo dal calcio, è verissimo che gran parte della città vive un momento di risacca (a differenza dei ’70/’80) e rivendica l’oleografia, è verissimo che il fenomeno è preoccupante, ma personalmente non mi preoccupa tanto la declinazione calcistica (il tifoso è orgoglioso e conservatore per definizione), quanto quella artistica (siani il nuovo Troisi) e quella politica con un sindaco che, per esempio, fa dell’identarismo e del settarismo la sua arma di propaganda più efficace.

  8. “Nessuno fa notare che in fondo Gonzalo non aveva altra possibilità che cantare sotto la curva.”
    È la stessa logica con cui i nazisti si sono dichiarati non giudicabili. “Non avevamo altra possibilità”, hanno detto. Ma l’uomo ha sempre una possibilità di decidere se compiere o meno un gesto, un’azione. tra l’altro, dicendo che non aveva altra possibilità, si fa torto a tutti quelli che la possibilità di andare a fare i farenielli sotto la curva ce l’avevano, e per rispetto non l’hanno concretizzata.

  9. AL NAPOLISTA CONVIENE CITARE HIGUAIN : ci ha scritto un libro che per sfortuna loro nessuno ha comprato… é ovvio che vuole tenere attuale il tema… poi diciamola tutta un po´ di sfortuna la portate, “salutate la capolista” e vai di 3 sconfitte.. “grande milan” e prende 3 mammole a genova..

  10. Mi farebbe piacere che i nostri non salutassero Higuain evitando di stringere lui la mano ad inizio gara

  11. Gallo si vede che sei romanista mo te lo dico: il napoli perde il suo miglior uomo e va alla giubbe, il calcio é romanticismo e qui i soldi stanno comprando tutto, per inciso mi sta anche sulle scatole nel piccolo aver preso maksimovic e diawara (per le modalitá anche se erano tutt altro che giocatori alla higuain e bandiere o simboli) quando Zico andó all udinese.. quelle erano storie di calcio. permettete che se arriva il riccone sfruttatore di turno e si compra i migliori un po da fastidio? se la roma vincerá il campionato con uno scarto fino a 3 punti saró contento di aver perso contro di loro, tutti ma non i biancozozzoneri

  12. Pasquale De Luca 28 Ottobre 2016, 16:13

    La lodevole visione ostinata e contraria del Napolista, ultimamente, sfocia spesso in esercizi un po’ stucchevoli di autoreferenzialità. Apprezzo la linea editoriale da sempre, ma alcuni articoli dell’ultimo periodo sembrano tornare insistentemente su temi triti e ritriti. Penso che Napoli abbia superato abbondantemente l’addio di Higuain mentre invece il Napolista non voglia ressegnarsi alla catarsi della stragrande maggioranza dei tifosi che, ad Higuain, riservano ormai solo l’attenzione dovuta ad un temuto rivale. Ho la sensazione che il Napolista, sempre così attento a non fermarsi alla superficie delle cose, si dilunghi un po’ troppo sull’immagine stereotipata del tifo partenopeo, data da quei contenitori di ovvietà dei media sportivi cittadini e nazionali. Higuain è passato, ora è un avversario. Direttò, ma lei questa cosa che Napoli non si rassegna ad Higuain l’ha toccata con mano o l’ha vista in tv?

    PS anche la storia dei Righeira inizia un po’ a scocciare; non mi sembra che le curve delle altre città annoverino cantautori tra le loro fila, in grado di produrre cori originali, orecchiabili e coinvolgenti. Le curve prendono a prestito i ritornelli di canzoncine orecchiaibili da sempre, dov’è il problema? che uno dei due righeira è juventino? e sticazzi?

    • Serve coltivare lo stereotipo napolegno così si giustifica la loro (spocchiosa) diversità

  13. Antonino Rendina 28 Ottobre 2016, 16:04

    Caro direttore Gallo, non si può razionalizzare a tal punto da privare una tifoseria passionale dal DIRITTO di sentirsi tradita da un giocatore che non merita né articoli, né tantomeno libri.

  14. dino ricciardi 28 Ottobre 2016, 16:03

    Nessuno fa notare che in fondo Gonzalo non aveva altra possibilità che cantare sotto la curva…ecc ..ecc….
    Ti sbagli caro Gallo e di brutto.
    .Higuain cercava il contatto con i tifosi per ego personale,si sentiva gratificato,si inebriava del pubblico ai suoi piedi…..NESSUNO LO HA OBBLIGATO !!!!!!!!!!!
    Hamsik che è il nostro capitano ed è a Napoli da 10 anni non lo ha mai fatto.
    farà lo stesso a Torino e nessun giornalista dirà che lo fatto perchè non aveva altra possibilità.

  15. ma se togliamo al calcio il sentimento, cosa rimane ?
    uno che ama il Napoli non dovrebbe restarci male se il proprio asso va a giocare per i rivali ?
    ci vuole un antropologo ?
    non capisco proprio il senso di questo articolo.

  16. Se Higuain non vince qualcosa quest’anno, per lui è una tragedia!

  17. Jean Paul Sartre 28 Ottobre 2016, 15:03

    Calma, Higuain ci serve per vincere un paio di Champions, poi ve lo restituiamo a 38 anni per fare i balletti sotto la curva.

    • Ma è una barzelletta? Cosa vuoi vincere? Ah, ah, ah. Ti ricordo che noi saremo anche ridicoli in Italia, ma voi in Europa ancora di più!

      • Martino Anselmi 28 Ottobre 2016, 17:28

        Come no…

      • Jean Paul Sartre 28 Ottobre 2016, 17:42

        Ridicoli? 8 finali, due champions, coppe intercontinentali, più altre coppe. Forse ti confondi con qualche altra squadra.

        • 8 finali NON SI CONTANO! Avete vinto solo 2 champions! Ridicoli si, perchè le finali si vincono e voi avete perso 8 champions, come dite voi: P E R D E N T I

          • dino ricciardi 29 Ottobre 2016, 10:05

            Di cui una con rigore a centrocampo e giocata proforma con i morti a bordo campo.

        • No, parlo proprio di voi. Per quante volte avete partecipato (34 sul campo?) avete vinto poco o nulla. Una insanguinata e una a caso ai rigori. Ricordati, in Italia potete, ma in Europa non si ruba!!!

    • Julien72Napolista 29 Ottobre 2016, 7:59

      Mi intenerisce sempre il #rubentus al confronto epico nei blog de il Napolista. Ti dico con affetto vai altrove Jean Paul e vai fare 2 san bitter…. anche se non ti chiami Jean Pier…

  18. Giudain ci ha rubato un sogno (lo scudetto).
    E gli uomini, napoletani e no, se non sognano non vivono bene. Anche i freddi, efficienti e razionali (oleografia?) Teutoni con i loro insopportabili Oktoberfest (folklore?)

    • Martino Anselmi 28 Ottobre 2016, 17:35

      Se non avete vinto lo scudetto è per “colpa” della Juve, non di Higuain. Battute a parte, chi ti dice che con lui avreste vinto quest’anno? Con quali soldi avreste fatto la sontuosa campagna acquisti di quest’estate?

      • Julien72Napolista 29 Ottobre 2016, 8:08

        Martino va e bere un crodino… fattela con i #rubentus… non capisco perché siete qui… non me ne faccio una ragione. Parliamo di tutto ma non di calcio… x me calcio e #rubentus vuol dire malaffare, prevaricazione, siate cortesi… andate altrove

    • Jean Paul Sartre 28 Ottobre 2016, 17:44

      Senza la vendita di Higuain non avresti mai potuto apprezzare Gabbiadini titolare. Non tutti i mali vengono per nuocere.

  19. io anche se non fregherà a nessuno….non leggero più il Napolista….mi spiace solo per gli utenti che scrivono…ma GALLO MA SBOMBALLATO I ZIBIDEI….CIAO CIAO

    • Caro amico, allora siamo almeno in due. Non sopportavo più gli ipocriti articoli di Fallo e quelli supponenti del mediocre Virgilio. Solo che l’ho fatto da maleducato, senza salutare gli altri commentatori. Me ne scuso e lo faccio ora, ringraziandoli per tutto quello che ho imparato da loro. FNS

      • Noooo Megalalos e erngiu963, e che fate? Non andate via!

        • Io faccio come Mingrone: leggo solo gli articoli di tattica e poi soprattutto i commenti. Trovo analisi e spunti molto più interessanti degli articoli (che spesso denotano un provincialismo preoccupante)

          • Sto cominciando a fare pure io così… Leggo l’analisi del match di Gallo, poi Fasano e Trapani, che fa morire dal ridere, e i commenti, tutti, ma quando vedo un titolo che riguarda i tifosi, o peggio ancora Higuain (ieri ne hanno pubblicati una decina, credo), lascio stare.

    • sbagli io vengo neemmeno leggo e uso lo spazio commenti .. fregatene

  20. Fabrizio De Falco 28 Ottobre 2016, 13:00

    Affidare la questione – la questione tifo – a un antropologo mi pare una cosa molto giusta, non triste. Se poi non ci deve essere pathos e irrazionalità nel tifare, beh poi non lamentiamoci della «juventinizzazione» e diamoci al solitario al pc.
    L’oleografia è spasmodicamente ricercata non solo in campo calcistico, ma credo sia una questione più nazionale, se non globale: solo che nessuno rompe le palle ai SudTirolesi se spendono e spandono per un iniziative etno-demo-folkloristiche. Noi lo facciamo aggratis, prendiamoci una palma al merito dell’innovazione.

    Insomma Gonzalo mi piaceva, mo’ mi sta in canna. Mi piacevano pure un sacco di persone che ora non saluto più, vogliamo aprirne una discussione para-psicologica?

    • Perfetto.

    • sono sudtirolese non spendo un euro per queste cavolate ma ti do ragione, il calcio e lo sport rimanga sentimento rimanga amore odio emozione, senno andiamo tutti a leggere i bilanci e basta io se higuain si fa tibia e perone stappo.. e ne sono in pieno diritto.. mi sta sugli zebedei ognuno dica e faccia come vuole..

    • Applausi

  21. Luigi Ricciardi 28 Ottobre 2016, 12:59

    Direttore, Higuain e’ andato via l’anno dopo in cui il Napoli ha conteso lo scudetto alla Juventus per 3/4 di stagione. Ed e’ andato alla juventus, e neanche per soldi, ma perche’ il progetto non era vincente (ipse dixit).
    Delle due: o lui ha ragione, e quindi dobbiamo capire quale sia il progetto del Napoli, o ha detto una sciocchezza, e allora ha trovato una scusa e si e’ comportato da piccolo uomo.
    Insomma scelga: crocifigge Higuain o De Laurentiis? :)))))

    • crocefigge i tifosi scommettiamo?

      • Alfonso Di Maio 29 Ottobre 2016, 16:46

        Per forza, la colpa è solo loro che non spendono 25€ perandare a vedere Napoli-Empoli in Curva o 35€ per i distinti.
        Poi , guarda caso, dopo il record negativo di presenze in Serie A, per Napoli-Lazio, partita solitamente da 20/25€ (per gli standard di quest’ anno anche 35/40€) De Latrinis mette le curve a 18€.
        Presidente bagarino!

  22. Assurdo sostenere che “Gonzalo non aveva altra possibilità che cantare sotto la curva. Così come Reina e altri si adeguano al corso d’acqua e decantano le lodi di questa città”. Per chi ha vissuto la magia della stagione scorsa dove si è cavalcato un sogno per 7/8 mesi è inaccettabile pensare che quella simbiosi tra squadra e stadio fosse tutta una messa in scena, una pantomima, addirittura “obbligata”. Solo chi deve sostenere le proprie tesi preconcette e immaginarie al di fuori della realtà e per giunta non conosce il calcio, può inventarsi che era tutta una finta.

    • Tullio Imposimato 28 Ottobre 2016, 13:36

      “Obbligata” dal momento storico… Poi le storie finiscono e si va avanti. I soldi di Higuaìn sono la linfa vitale delle prossime 3 stagione oltre questa… Per cifra tecnica di giocatori arrivati grazie a quella cessione.

      • Egregio ragioniere là in mezzo al posto del 9 c’è un buco grande come un cratere lunare…e questo (Il Napolista) parla di “farsene una ragione”. La famosa domanda di Totò “siamo uomini o caporali” andrebbe modificata in “siamo tifosi o ragionieri?”

        • E lei e’ tifoso o tigna, contapulci e spacca-maroni?

          • Gjo (e Fabio), non sono un teorico del “ma anche”, alla Veltroni, ma si può e si deve essere tifosi E ragionieri. Una cosa, in teoria, non dovrebbe escludere l’altra, ed è stupido, oltre che semplicistico assai, pensare che le uniche due strade possibili per una squadra di calcio siano fare l'”Udinese” un po’ più in grande oppure fare gli spacconi con i soldi degli altri (cioè le banche) per poi andare a portare i libri in tribunale. La gestione oculata non può prescindere dal voler conseguire risultati di un certo peso, ma puntare solo ed esclusivamente su giovani “di prospettiva” quando si viene da un secondo posto, beh, potrebbe anche far irritare un bel po’ di persone, *anche* se si considerano prospettive puramente aziendaliste (o alla “Wall Street”, se si usano termini cari al Napolista). Se non è così, se i soldi di Higuain sono “la linfa vitale” per i giovani da allevare e a da rivendere, allora tutti zitti se alla prossima Napoli-Empoli andranno 3000 persone e non 15000. Il tifoso, non dimentichiamolo, è un cliente che vuole un certo prodotto, di qualità….

          • Ma che poi quello si crede di essere furbo e invece è un fesso perché i Rog e i Diawara per fare le plusvalenze ne trova quanti ne vuole alla metà, se non a un quarto, del prezzo speso. Vedi l’udinese che già propone i prossimi probabilissimi salassi da 18 milioni Fofana e Jantko. Invece di buttare 30 milioni ne investisse la metà per pagare osservatori e scout che ti portano prima e a costi irrisori i calciatori “prospettici”. No, lui deve fare il buffone raccontando (a chi se lo ammocca) che ha comprato i futuri Iniesta e Kroos.

          • …e torniamo al solito discorso della primavera (ridicola), della scugnizzeria (dov’è?) etc….. Io ogni volta che guardo, che so, Donnarumma da Castellammare di Stabia mi incaxxo sempre…

          • Per i Fofana e i Jantko che tu citi,
            L’Udinese ne porta in squadra altri 10 che nessunonmai ricorderà.
            Noi possiamo permetterselo?
            E dai

          • Raffaele Sannino 28 Ottobre 2016, 20:45

            I Pozzo hanno tre squadre professionistiche e un centinaio di calciatori sotto contratto.Come strategia comprano caterve di giovani e ogni tanto tirano fuori qualche pepita del fango che setacciano.Non è semplicisticamente una questione di osservatori che hanno fiuto.Si tratta di calcolo delle probabilità.Invece qualcuno vuol farci credere che gli altri sono sempre più bravi…

          • I Pozzo hanno un progetto, un programma, una “visione” sul calcio diciamo così, ADL campa alla giornata per assicurarsi aragoste e champagne a pranzo in attesa che qualcuno gli REGALI “100 mijoni”, uno stadio e magari anche uno scudetto.

          • Raffaele Sannino 29 Ottobre 2016, 11:31

            I Pozzo lucrano sul calcio,come Aurelio,nè più nè meno…

          • Almeno hanno la serietà e la dignità di non vendere fumo e fare il peracottaro con i “voglio vincere” a random

          • Raffaele Sannino 29 Ottobre 2016, 14:29

            Sì vabbè,adesso ci manca pure che gridino ai quattro venti che l’Udinese vincerà lo scudetto.Cerca di essere equilibrato,sarebbero degli sciocchi. Nemmeno Aurelio a Udine lo farebbe.

          • Nientedimeno, teniamo 10 volte il fatturato dell’udinese e non ce lo potremmo permettere? Anzi col nostro fatturato potremmo fare scouting e settore giovanile a livello altissimo rispetto all’udinese.

          • Ma perché Napoli Benfica non ti ha fatto emozionare.
            Il Napoli ha solo le plusvalenze per poter incrementare il proprio fatturato.
            E non ditemi che Dela i soldi se l’ intasca e gioca per non arrivare primo.
            Higuain ci resi più ricchi e meno competitivi ma senza cessioni non avremmo linfa.
            Poi nessuno dice che la ns società non abbia mai sbagliato, chi non sbaglia.
            Dire che Dela si metta in tasca dei soldi invece di spendere per i top players è ridicolo

          • Nicila, hai risposto a me? Mi pare proprio di no. Mi hai messo in bocca delle cose che non ho mai detto:

            1) Ho detto che ADL si mette i soldi in tasca invece di spendere? No.
            2) Ho detto che non mi sono emozionato guardando Napoli-Benfica? No.
            3) Ho detto che il Napoli non deve incrementare il proprio fatturato anche con le plusvalenze (ti ricordo che ci sono anche diritti TV, stadio e marketing)? No.

            A volte le discussioni sul Napolista sono difficili proprio perchè basta un’osservazione anche solo minimamente critica che subito arriva la cavalleria.

        • si cmq ha ragione Gjo : chiodo scaccia chiodo, nessuno pensava piu a cavani dopo l arrivo di higuain e persino il giovane milik aveva addolcito la pillola

    • Julien72Napolista 29 Ottobre 2016, 8:04

      Caro Gjo, allora hai cavalcato il sogno.. stagione magica! Allora la tua è una resilienza!

  23. sarà che sono amante di un calcio che non c’è più ,e che mai più tornerà, però per quel che mi concerne io non mi sono rassegnato alla perdita del sig. higuain. perdonarlo ? mai.
    quindi vivo nella evidente contraddizione di non volerne più sapere ma di soffrire nel sapere che è andato via.
    a cervell è na’ sfoglia e cipolla…….

  24. Chissà se esiste un giornale di Gelsenkirchen che si sparò la pippa sull’oleografia quando impiccarono Neuer ad un cavalcavia.

  25. Basta con questo Higuain. Se ne è andato. Stop.

  26. confy1926 fnsempre 28 Ottobre 2016, 12:03

    sig. Gallo noi la ragione ce la siamo fatta siete voi che ancora insistete e volete cercare quello che non c’è. Per quanto tempo dobbiamo ancora leggere sta storia?

    • Mauri Franksson 28 Ottobre 2016, 13:41

      Non è vero. Una buona parte della tifoseria non si è affatto rassegnata.

      Ancora ieri dalle mie parti qualcuno aveva postato indignatissimo il video in cui gli juventini chiedevano una doppietta e lui rispondeva: “speriamo”. Evidentemente buona parte dei tifosi si aspettava che gli rispondesse: “No, non segno da cinque giornate, ma Napoli mi è rimasta nel cuore e non potrei mai fare una cosa simile ai miei ex tifosi. Anzi, quasi quasi pensavo di segnare nella nostra porta per riscattare il mio nome”.

      • confy1926 fnsempre 28 Ottobre 2016, 15:08

        ok io faccio parte di quell’altra buona parte, scusami se ho generalizzato.

        • Mauri Franksson 28 Ottobre 2016, 15:42

          Non è che le ramanzine giornaliere di Gallo al tifoso medio mi facciano piacere, né condivido sempre il suo pensiero. Ma in queso caso ha colto nel segno e gliene va dato atto.
          Higuain è sempre stato un ragazzotto un po’ frescone e ruffianello, ma non è peggiore né migliore di molti altri. Pretendere da lui amore eterno è un po’ ridicolo.
          Ma se vogliamo dirla tutta, è ridicolo anche pretendere un atteggiamento razionale a un tifoso.
          Se dovessimo analizzare il fenomeno calcio col rigore della logica, allora dovremmo tutti sentirci dei dementi ogni volta ce ci incazziamo per una cappella di Reina o esultiamo per un gol di Dries.

Comments are closed.