Copa America, il Gruppo A: gli Usa superano il Paraguay e sono primi, Colombia battuta dal Costa Rica

Copa America, il Gruppo A: gli Usa superano il Paraguay e sono primi, Colombia battuta dal Costa Rica

Notte importante per la Copa America, che chiude con due partite il programma del Gruppo A. Va tutto bene agli Stati Uniti di Klinsmann, che battono di misura il Paraguay e passano il turno come primi in classifica. Il gol decisivo di Dempsey arriva al 27esimo: gran palla dalla sinistra di Zardes, l’attaccante degli Seattle Sounders è pronto in area per il tiro di sinistro che batte Villar. 

In apertura di ripresa, il secondo momento chiave: DeAndre Yedlin viene espulso per doppia ammonizione, gli Stati Uniti sono in dieci e inaugurano una vera e propria fiera della sofferenza. I paraguaiani, che devono solo vincere per sperare nel passaggio del turno, iniziano a caricare a testa bassa ma i ragazzi di Klinsmann resistono fino al triplice fischio. Nel finale, gol annullato a Benitez (Paraguay) e due grandi interventi del portiere statunitense Guzan. Finisce così, usa promossi in testa al Girone.

Perché nell’altra sfida del girone, la già qualificata Colombia si impappina con la Costa Rica già eliminata dopo la vittoria degli Usa: il 3-2 finale in favore dei Ticos costringerà i Cafeteros a sfidare presumibilmente il Brasile nei quarti di finale. Gran protagonista della partita è Fabra, che pareggia già al sesto il gol in apertura del costaricense Benegas e poi concede un maldestro autogol alla squadra centramericana. Borges fa 3-1 al 58esimo, Moreno accorcia le distanze a 15′ dalla fine ma il risultato non cambia più. Finisce così, non proprio benissimo per una Colombia imbottita di riserve e ora costretta a un’eliminatoria bella complicata. Si decide stanotte l’accoppiamento: al Brasile basta un pari contro il Peru per conquistare il primo posto, ma i peruviani devono cercare di vincere per non rischiare di essere superati dall’Ecuador, che a sua volta sfida Haiti. È tutto ancora aperto, si comincia questa notte alle 0.30.

ilnapolista © riproduzione riservata